Post più popolari

mercoledì 31 marzo 2010

Il nuovo libro di Joseph Nicolosi - Identità di genere. Manuale di orientamento


Alcune recensioni del nuovo libro di Joseph Nicolosi:
"Identità di genere. Manuale di orientamento"




Il Dr. Nicolosi sarà a Brescia il 21 e il 22 maggio per presentare il suo nuovo libro


Nell'attuale clima di controversia e di divisione che circonda il trattamento dell'omosessualità, il benessere di migliaia di pazienti è in gioco. Pertanto è imperativo che, nell'interesse dell’integrità clinica, vengano messi da parte sia i tentativi di censura da parte dei militanti sia le ideologie che impediscono una ricerca aperta. Il diritto del paziente di scegliere i propri obiettivi terapeutici è fondamentale, e i tentativi di soffocare la libertà di scelta del paziente non sono solo eclatanti, ma anche in contrasto con l'impegno fondamentale di tutte le persone che si dedicano alla cura della salute mentale. Per questo motivo, anche se non sono d'accordo con alcune relazioni di causa ed effetto offerte in questo libro, il punto di vista del dottor Nicolosi deve essere parte dell'equazione in una discussione onesta ed aperta, fino al raggiungimento di definitive verità scientifiche e cliniche.

Nei miei oltre 60 anni di pratica come psicologo ho visto molte condizioni, mediche e psicologiche, che una volta erano considerate incurabili e che ora sono facilmente curabili. In questa prima fase del dibattito sul trattamento dell’omosessualità e dell’attrazione per lo stesso sesso, restituire prematuramente tutti gli omosessuali a un immutabile stile di vita sarebbe un disservizio della peggiore specie.

--Nicholas A. Cummings, Ph.D., Sc.D.
Distinguished Professor, University of Nevada, Reno
President, Cummings Foundation for Behavioral Health
Board Chair, The Nicholas & Dorothy Cummings Foundation
Executive Board Chair, CareIntegra
Former President, American Psychological Association as well as Division 12 (Clinical) and Division 29 (Psychotherapy), recipient of psychology’s gold medal for “Lifetime contributions to practice”.

_________________________________________________________


Sostenitore di uomini e donne che cercano seriamente di superare il proprio orientamento omosessuale e di raggiungere l'appagamento sessuale eterosessuale, Nicolosi, come una voce nel deserto, con audacia sfida gli psicologi convenzionali aggrappati alla convinzione che il passaggio dall’omosessualità all’eterosessualità non sia né possibile né auspicabile.

Diffondere il suo punto di vista è auspicabile e necessario sia per la società sia per le donne e gli uomini omosessuali. Ciò non equivale ad affermare, definitivamente, che per molti omosessuali l'eterosessualità sia preferibile all'omosessualità, ma soltanto che tale ricerca dovrebbe essere liberamente accessibile a tutte le persone omosessuali, se veramente lo desiderano.

Il trattato di Nicolosi sulla terapia riparativa è una pionieristica e coraggiosa navigazione su fondali insidiosi, pericolose risacche e ripidi tornanti, necessaria per bypassare la dichiarazione della comunità psicologica che l'omosessualità è appropriata per tutti gli uomini e le donne omosessuali. Anche se ancora controverso, il suo trattato è punteggiato e reso ancora più credibile dalla sua fiducia nelle percezioni, nei sentimenti e nelle dinamiche familiari del cliente.

In una parola, le osservazioni di Nicolosi, nel promuovere il suo punto di vista a favore di questo scottante e controverso problema, sono ampie e profonde, astratte ed esperienziali, teoricamente e praticamente raffigurate.

Le politiche e le risoluzioni di organizzazioni come l’American Psychological Association, e in parte anche dell’American Psychiatric Association, avrebbero fondamenta più solide e veritiere se queste organizzazioni fossero consapevoli e aperte alle idee che sostengono la terapia riparativa.

Il libro di Nicolosi merita di essere ampiamente letto, da amici e nemici, sia che si tratti o meno di un work in progress; sia che nel lungo periodo, si riveli esatto, erroneo, o una via di mezzo. I percorsi che conducono alla verità possono essere forgiati soltanto se consumati completamente e incondizionatamente, e certamente non quando ideologiche stelle polari li ostacolano fornendo indicazioni erronee durante il viaggio.

L'autore ha contribuito enormemente alla letteratura sessuale, offrendo le sue non irragionevoli opinioni alla valutazione di persone omosessuali, di studiosi del settore, dell'uomo della strada e di psicoterapeuti. Le sue opinioni forti e impegnative meritano di essere lette da cima a fondo, da poppa a prua.

--- Robert Perloff Ph.D.
Former President, American Psychological Association
Distinguished Service Professor Emeritus, University of Pittsburgh

____________________________________________________



In questo libro ricchissimo di dettagli il dottor Nicolosi condivide la sua esperienza di molti anni di lavoro con omosessuali che desiderano diminuire l’attrazione indesiderata e sviluppare il proprio potenziale eterosessuale.

Nicolosi è convinto che le grandi tradizioni religiose del mondo siano giuste: l'umanità è stata progettata per l’unione complementare dei sessi. Le associazioni per la salute mentale devono rispettare questo punto di vista; comportarsi diversamente costituirebbe una grave violazione non soltanto della diversità di visioni del mondo ma anche del diritto del cliente alla libertà e all'autodeterminazione.

Questo nuovo libro è una ricca fonte di informazioni - scritto da un medico astuto il cui lavoro con clienti omosessuali è stato innovativo, a cominciare dal suo libro del 1991, “la terapia riparativa”.

--A Dean Byrd, Ph.D., M.B.A., M.P.H.
Clinical Professor of Psychiatry, University of Utah.

President, National Association of Research and Therapy of Homosexuality (NARTH)

_____________________________________________________



Joseph Nicolosi ha scritto un libro che può essere solo il risultato di decenni di osservazione clinica e di integrazione scientifica di ciò che sappiamo oggi sulle origini e il trattamento dell’omosessualità. La stampa popolare promuove l'idea che il motivo del rifiuto degli impulsi omosessuali sia la tradizionale disapprovazione sociale. Obiettivi studi scientifici dicono il contrario.

Freud ha osservato che tutti i bambini attraversano fasi di assegnazione delle loro fantasie sessuali alternativamente all’ uno o all'altro dei genitori. La maggior parte dei bambini superano questa fase e si identificano con il proprio sesso, con impulsi sessuali diretti verso il sesso opposto. Il lavoro del Dott. Nicolosi è per i pochi che non portano a compimento tale processo. L’argomento, però, affascina praticamente tutti perché tutti noi abbiamo avuto esperienze con atteggiamenti conflittuali durante il nostro periodo formativo. Non vi sono dichiarazioni polemiche in questo trattato.

La sezione teorica che introduce la discussione è approfondita, e chi segue la letteratura del settore apprezzerà il ragionamento del dottor Nicolosi. Nel Manuale pratico di orientamento il dottor Nicolosi distilla gli effetti emotivi di costellazioni familiari critiche che complicano lo sviluppo sessuale del bambino, poi adolescente e infine adulto.

E’ riuscito a creare un libro scientifico e clinicamente significativo che qualsiasi adulto intelligente potrebbe leggere con facilità. E’ di aiuto è l'ottima organizzazione del materiale. Inoltre, il libro è ricco di esempi clinici. Anche la prima parte del libro, che fornisce le tesi fondamentali, è saturo di esempi clinici che danno vita alla teoria.

Un attento studio ha rivelato al dottor Nicolosi tre sindromi negli uomini che hanno intrapreso il trattamento riparativo. Egli ha scorto i momenti in cui l’omosessualità appare come un comportamento caratterizzato dal sentimento della vergogna, come una coazione a ripetere per risolvere specifici sgradevoli ricordi e, infine, come una spinta riparatrice per compensare la rabbia nascosta nell’inconscio.

La sfida per il terapeuta è enorme nel districare tali complessità. La sezione del libro dedicata al trattamento richiede quindi 13 capitoli per illustrare i vari aspetti di questi uomini che necessitano di essere compresi. Ciò che rende questo libro unico, anche al di là del notevole contributo teorico e clinico che ho delineato, è la formulazione originaria da parte del dottor Nicolosi, del ruolo del dolore in questi pazienti.

L'interruzione dell’attaccamento, implicita nel titolo del libro, non è mai stata chiarita prima d’ora nella letteratura psicologica che ha cercato di comprendere gli impulsi omosessuali. La conoscenza del modo in cui il senimento di vergogna ed altri affetti fondamentali interagiscono nello sviluppo della personalita, é fondamentale per qualsiasi terapeuta che voglia lavorare con questi pazienti fino al livello più profondo del loro dolore.

Gli esempi clinici mostrano ancora una volta come sia prevedibile che tale lavoro possa essere davvero liberatorio per coloro che hanno il coraggio di esplorare le fonti del dolore così a lungo nascosto dalla coscienza. Leggere Identità di genere. Manuale di orientamento potrebbe sembrare, ad alcuni che operano in campo psicologico, una cosa da evitare al fine di continuare ad aderire alle prevalenti nozioni circa l'omosessualità.
Chiunque leggerà questo libro sarà premiato con una comprensione coerente dello sviluppo della personalità e delle dinamiche familiari e della necessità di affrontare il cammino psicoterapeutico con ciascun individuo come una nuova avventura.

--Johanna Tabin, Ph.D.
Member American Psychological Association
Member Division 38 Psychoanalysis
Author, On the Way to Self Ego and Early Oedipal Development

__________________________________________________________


In questo libro rivoluzionario, Nicolosi, pioniere nel campo della terapia riparativa, spiega il ruolo dell'influenza del sentimento di vergogna e di perdita dell’attaccamento nell’attrazione verso lo stesso sesso. Integrando molteplici basi teoriche, Nicolosi ha sviluppato e presenta in modo efficace un nuovo e completo quadro di riferimento per la comprensione e il trattamento dell’omosessualità. Le tecniche e le strategie discusse all'interno di questo innovativo lavoro guiderà i terapeuti nel loro lavoro con i pazienti omosessuali.
E’ una lettura e una risorsa essenziale. Eserciterà un impatto duraturo sulle modalità di comprensione dell’omosessualità da parte delle comunità scientifica e dei professionisti della salute mentale.

--Janelle Hallman, MA, LPC
Author, The Heart of Female Same-Sex Attraction: A Comprehensive Counseling Resource

sabato 13 marzo 2010

Omosessualità femminile: il libro di Janelle Hallman: The Heart of Female Same-Sex Attraction

The Heart of Female Same-Sex Attraction

di Janelle Hallman*


Un prezioso manuale per aiutare le donne
che desiderano cambiare



Informazioni sul libro
  
Frutto di anni di formazione, ricerca ed esperienza in consulenza, Janelle Hallman ha elaborato una risorsa completa per coloro che sono interessati a comprendere e a consigliare donne che si sentono attratte verso lo stesso sesso. In questo lavoro pionieristico, Hallman espone le dimensioni uniche della lotta che queste donne sperimentano, attraverso la presentazione di ricerche, interviste ed esperienze cliniche. Il libro è una guida indispensabile per la comprensione e un manuale per consigliare donne adulte che cercano di "maturare nel dare e ricevere amore in tutte le [loro] relazioni, e non essere più limitate da distruttivi modelli relazionali".

*Janelle Hallman è una professionista specializzata nel trattamento dell'omosessualità femminile e delle dipendenze emotive. Janelle, supervisionando e consultandosi con altri terapeuti, cerca di comprendere le problematiche cliniche attinenti alla condizione lesbica. Tiene lezioni sui temi dell'omosessualità, identità di genere e sessualità biblica in congressi nazionali ed internazionali, seminari e chiese,. Interviene come speaker nelle conferenze “Love Won Out” di Focus on the Family, insegna presso il “ Denver Seminary” ed è il direttore esecutivo di “Desert Hope Ministries”, un’organizzazione non-profit che organizza conferenze dinamiche su quello che è il disegno di Dio per la sessualità, in risposta alla nostra cultura manifestamente sessualizzata ed oscurata. In precedenza, ha lavorato come professoressa associata presso l'Università Cristiana del Colorado e come rappresentante regionale di Exodus International. Janelle risiede attualmente a Arvada, Colorado, con il marito e la figlia di 15 anni.




Recensioni & Riconoscimenti

"E' raro trovare una risorsa preziosa come “The Heart of Female Same-Sex Attraction” di Janelle. Scritto devotamente e, tuttavia, professionalmente esauriente, Janelle dimostra una particolare capacità nell’affrontare tali complesse questioni in modo accessibile. Una potente narrativa che, abilmente tessuta attraverso una ricerca globale ed anni di esperienza pratica, produce un forte impatto e un intenso sentimento di connessione. Terapeuti, assistenti pastorali, mentori, madri, e, soprattutto, donne alle prese con l'identità sessuale e con comportamenti emotivamente dipendenti troveranno una miniera d'oro in questo libro. Essa stabilisce un nuovo standard in questo settore della terapia".
 -Wendy Gritter, direttore esecutivo nazionale, New Direction Ministries


 "Molto è stato scritto sull'omosessualità maschile, ben poco sull'omosessualità femminile. Janelle Hallman è stata un pioniere in questo campo inesplorato. La sua saggezza e il suo acuto intuito scaturiscono da un evidente e profondo amore per le donne che ha avuto l'onore di servire per molti anni. The Heart of Female Same-Sex Attraction aiuterà tutti coloro che lo leggono a comprendere ed amare le preziose donne che provano attrazione sessuale per lo stesso sesso. Lo consiglio vivamente"
-Christopher West, MTS, LHD Fellow, Theology of the Body Institute


"Che risorsa estremamente preziosa per professionisti e non professionisti - e così coinvolgente! Sia la donna che è in conflitto o in confusione circa la propria sessualità, sia il professionista che lavora con lei, troveranno uno spirito di accettazione che smantella la vergogna e scopriranno la speranza che consente la guarigione. Janelle scrive con comprensione globale, aspettative realistiche, competenza professionale, rispettosa compassione e amore incondizionato - tutto basato su principi biblici. The Heart of Female Same-Sex Attraction aiuterà certamente le donne a passare da una condizione di intrappolamento conflittuale alla vera libertà."
-Dr. Clifford e Joyce Penner, terapeuti sessuali, educatori ed autori di “The Gift of Sex and The Way to Love Your Wife”

"Amo i libri che combinano intuizioni, frutto della formazione professionale, con lezioni di esperienza personale guadagnate con fatica. Nel corso degli anni, Janelle Hallman si è guadagnata il rispetto dei suoi colleghi per il suo efficace aiuto alle donne che cercano la libertà di Cristo mentre lottano con il lesbismo. Questo libro vuole essere una risorsa utile per tutti coloro che cercano una efficacia più profonda in questo settore del ministero".
-Bob Davies, Direttore Emerito, Exodus International

"Profondo e pratico. The Heart of Female Same-Sex Attraction è uno strumento essenziale per ogni terapeuta cristiano che vuole veramente mettersi al servizio delle donne che provano attrazione per lo stesso sesso. Il libro porta il segno di chi è entrato nel cuore della materia attraverso anni di servizio serio e amorevole. Janelle ha un’autorità dolce che ci guida mentre aiutiamo le donne ad esercitare la dignità della loro scelta ".
-Andy Comiskey

"Janelle Hallman è eccezionalmente qualificata per scrivere questo libro; è dotata di empatia e di elevata sintonia con donne attratte dallo stesso sesso. La nostra professione è rimasta a lungo in silenzio su come trattare con le clienti che non accettano il lesbismo come loro verà identità. Questo nuovo lavoro costituisce pertanto una necessaria lettura per i terapeuti che veramente rispettano l'autonomia e la diversità del cliente".
-Joseph Nicolosi, Ph.D., direttore, Thomas Aquinas Psychological Clinic

Se desiderate camminare a fianco di una donna che lotta con sentimenti di attrazione per lo stesso sesso, troverete il libro di Janelle un ottimo strumento per aiutarvi.
-Impact, ottobre 2008

Il libro riempe un vuoto nella letteratura come risorsa per le donne che sperimentano attrazione indesiderata per lo stesso sesso.
 -Mark A. Yarhouse, Religious Studies Review, marzo 2009

lunedì 8 marzo 2010

Articoli e Saggi

1. La strategia gay - Obiettivo Chaire
2. Una visione biblica dell'omosessualità - /
3. La nostra identità in Cristo - / -
4.
La vera storia del Movimento omosessualista nella vita di uno dei suoi fondatori - F. Bernabei
5. La Chiesa, la Guarigione e Voi - di Andy Comiskey
6.
Lettera d'Amore del Padre (con video)
7.
La cura dei disturbi della sessualità - di Claudio Risé
8. La rivelazione del vero Io - /
9.
L'Omosessualità non è più un comportamento disordinato? - di Bruto Maria Bruti
10.
Cinema e TV in favore dell'omosessualità - Armando Fumagalli
11. ...non sentivo mai che ero maschio - /
12.
Omosessualità, sofferenza e libertà - di Claudio Risè
13. Omosessualità: vizio o programmazione biologica? - di Bruto Maria Bruti
14.
Fattori che contribuiscono alla confusione dei generi - /
15. Introduzione del dottor Nicolosi al suo libro Oltre l'omosessualità
16. Secondo la Chiesa Cattolica cosa dovrebbe fare un omosessuale - di Bruto Maria Bruti 
17. Sono il Dr. Joseph Nicolosi, presidente di NARTH
18. Orgoglio "gay": troppi luoghi comuni - di Mario Palmaro
19.
La violenza invisibile contro gli omosessuali ego-distonici - AGAPO
20. Un libro da leggere- di Chiara Atzori
21.
Charlene Cothran desidera, con la sua rivista, essere di aiuto alle persone omosessuali
22.
Omosessualità? Si può uscirne - di Mario Palmaro
23. Sviluppo dell'omosessualità femminile - Narth
24. Omosessualità e fattori biologici - di Gerard Van Den Aardweg
25. La Storia di un Ex-Omosessuale nel Mondo della Pop Music -di Roberto Marchesini 
26. Comprendere la donna lesbica - di Andria L. Sigler-Smalz
27. Chi ha paura della terapia riparativa - di Roberto Marchesini
28. Colpisci l'omofobo - di Roberto Marchesini
29. Orientamento sessuale e vulnerabilità psichiatrica - di J. E. Phelan
30. Amico segreto - di Roberto Marchesini -“Amico segreto”, numero verde (800587012)
31. "Luca era Gay" - di Roberto Marchesini
32. Una battaglia che si può vincere - di Roberto Marchesini

33. La verità biblica sull'omosessualità - 
36. Omosessualità femminile: Scelta senza volizione - Elaine Siegel 
37. Non ti scoraggiare, ognuno di noi é un lavoro in corso - Parole di incoraggiamento dalle Scritture
38. Identità di genere:: Intervista al dott. Roberto Marchesini 
41. Problemi dello sviluppo nelle donne lesbiche
42. Bimbi con due padri: ecco perchè no - Intervista a Claudio Risè
43. Italo Carta, rinomato psichiatra contrario al matrimonio tra omosessuali 
44. Sssss.... silenzio, parla solo l'Arcigay... PER L'ARCIGAY E' SEMPRE OMOFOBIA! 
45. Lettera al Presidente dell'Ordine Nazionale degli Psicologi
46. Studio USA: la terapia sugli omosessuali funziona  e non danneggia
47. Il mio vecchio amico, John Paulk - di Joseph Nicolosi, psicoterapeuta fondatore del NARTH
48. Chiara Atzori: «Quante bugie su gay e terapie riparative»  
49. NARTH Linee guida pratiche per il trattamento di comportamenti e pulsioni omosessuali indesiderate
50. Lettera di un ragazzo omosessuale egodistonico al Presidente del Consiglio
51. Studi su gemelli identici dimostrano che l'omosessualità non è genetica 
52. L'omosessualità non è una malattia ma lasciatemi la possibilità di cambiare  
53.  L'omosessualismo, la natura, i gemelli: non esiste il DNA gay
54. Omosessualità L'ideologia nega il dolore che invece va ascoltato - di Claudio Risè
55.Da bambina volevo essere un maschio Menomale che allora non c'era il gender - di Monica Ricci Sargentini
56.Comprendere le attrazioni per lo stesso sesso come un segnale - di J.Nicolosi
57. L'Omosessualità non è genetica ed è reversibile. Studi su gemelli monozigoti 
58. Propaganda Lgbt smentita da 200 studi scientifici - Scuola di Medicina Johns Hopkins University
59. Un omaggio al dottor Nicolosi di Chiara Atzori, medico infettivologo che lavora all'ospedale Sacco di Milano - pubblicato sul sito IFTC (Federazione Internazionale per la scelta Terapeutica)




Luca era gay - di Roberto Marchesini


«LUCA ERA GAY»

Scritto da Roberto MARCHESINI

Roberto Marchesini, psicologo e psicoterapeuta, lavora come consulente, formatore e terapeuta. È collaboratore de Il Timone, per il quale ha tenuto corsi sull’Identità di genere e sulla teologia del corpo di Giovanni Paolo II. Ha collaborato al fascicoloABC per capire l’omosessualità (San Paolo 2005) e pubblicato i volumi: Come scegliere il proprio orientamento sessuale (o vivere felici) (Fede & Cultura, 2007); L’identità di genere (I quaderni del Timone, 2007), Psicologia e cattolicesimo (D’Ettoris, 2009), Quello che gli uomini non dicono. La crisi della virilità (Sugarco 2011); Il paese più straziato (D’Ettoris 2011); Martirio al santuario (D’Ettoris 2011). Ha pubblicato articoli su Cristianità, Il Domenicale, Il Settimanale di Padre Pio, Studi Cattolici, Famiglia Oggi.



Pubblicato su IL TIMONE N. 84 - ANNO XI - Giugno 2009 - pag. 18 - 19


La cultura contemporanea funziona così: è più efficace una canzonetta dell'opinione di seri professionisti. La canzone Luca era gay, che Giuseppe Povia ha presentato all'ultimo Festival di Sanremo aggiudicandosi il secondo posto, ha reso presente nell'immaginario collettivo la figura dell'ex-omosessuale, ossia di una persona che ha cambiato il proprio orientamento omosessuale indesiderato.  

TSSSS..... SILENZIO!
Ovviamente la canzone ha suscitato reazioni rabbiose da parte di quella parte ideologica che ha tutto l'interesse a nascondere questa scomoda realtà: Povia è stato denunciato per il reato (per ora) inesistente di "omofobia", ed è stato persino minacciato di morte.
 
Eppure le storie di ex-omosessuali, anche italiani, stanno cominciando a circolare sempre più numerose, nonostante la censura da parte dei gay. Di fronte a questo fenomeno, la strategia è quella di ridicolizzare la terapia delle pulsioni omosessuali indesiderate come l'idea balzana di uno psicoterapeuta americano (Joseph Nicolosi) che avrebbe inventato un modo - non condiviso dal resto del mondo scientifico - per indurre le persone al cambiamento.


MONDO AL CONTRARIO
Non è così. Fino agli anni Ottanta del secolo scorso era normale che qualsiasi psicoterapeuta, di qualsiasi orientamento, accettasse di prendersi cura delle persone che soffrono a causa di un orientamento omosessuale indesiderato, considerandolo come l'esito di un senso di inferiorità nei confronti del mondo maschile. Tra i clinici famosi che hanno riportato successi in questo campo si trovano nomi tra i più importanti della storia della psicologia del Novecento: Alfred Adler (1870-1937), Edmund Bergler (1899-1962), Jacques Lacan (19011981), Irving Bieber (1908-1991), Conrad W. Baars (1919-1981) e tanti altri.



Gerard van den Aardweg

Anche adesso Nicolosi non è solo: tra i soci dell'associazione internazionale che lui stesso ha fondato, il NARTH (National Association for Research and Therapy of Homosexuality), c'è l'olandese Gerard van den Aardweg, psicoterapeuta e docente universitario. 
Il professor van den Aardweg, invitato da una decina di associazioni cattoliche, ha recentemente tenuto in Italia una serie di conferenze dal titolo "Omosessualità: nessun mistero, nessun destino". Nel corso di queste conferenze il cattedratico ha spiegato la genesi storica dell'ideologia omosessualista, e di come sin dalle origini abbia strumentalizzato la scienza per obiettivi politici. 

Il medico e militante omosessuale Magnus Hirschfeld (1868-1935), considerato tra i fondatori del movimento gay, nel 1919 aveva fondato a Berlino l'Istituto per la Ricerca Sessuale con il significativo motto Per scientiam ad iustitiam, ossia utilizzare la scienza per giungere alla giustizia (ovviamente intesa dal punto di vista omosessualista).

Il professor van den Aardweg ha proseguito riflettendo sul fatto che anche oggi la maggior parte delle ricerche sull'omosessualità sono compiute da gay militanti che si pongono pochi scrupoli nel manipolare il campione o le procedure al fine di presentare dati favorevoli all'ideologia omosessualista (ad esempio, che sembrano avallare l'ipotesi di una causa genetica dell'omosessualità).



 LE ORIGINI DEL PROBLEMA OMOSESSUALE 
Secondo van den Aardweg, invece, l'origine dell'omosessualità è spiegabile psicologicamente: è ciò che può avvenire, infatti, in coloro che hanno un senso di inferiorità nei confronti di alcune persone dello stesso sesso, e che erotizzano l'ammirazione e l'invidia che provano verso queste. Analizzando le caratteristiche che suscitano attrazione, infatti, è possibile farsi una idea di ciò di cui la persona con tendenze omosessuali si sente mancante (forza, sicurezza, virilità...). 

In una buona parte dei casi l'origine del senso di inferiorità è da ricercarsi nelle relazioni familiari, che non hanno fornito al ragazzo un modello identificativo valido; il professor van den Aardweg invita però a prestare attenzione anche al gruppo dei pari, che nella preadolescenza può far sentire escluso, diverso ed inferiore un ragazzo o una ragazza.


Secondo il clinico olandese, la terapia delle tendenze omosessuali indesiderate non si configura tanto come "cura" (anche perché non c'è nulla di organico da "curare"), quanto come una crescita personale, che comprende l'abbandono di tendenze commiseratorie e persecutorie, del ruolo di "cacciatore di ingiustizie", del bambino incompreso. In questo cammino di crescita personale è indispensabile l'esercizio delle virtù, sia umane sia cristiane, e tra queste la sincerità, l'umiltà, la capacità di amare, il coraggio, la purezza. La preghiera e l'accostamento frequente ai sacramenti sono, per i credenti che soffrono per tali tendenze, un ulteriore aiuto.

L'esperienza del professor van den Aardweg è importante in un clima culturale che rifiuta ogni riferimento all'ascesi, intesa come fatica per compiere la propria realizzazione.

Uscire da tendenze sessuali indesiderate è possibile; questa è la speranza di molte persone che la società ignora.
Ma che a volte trovano una attenzione inaspettata grazie, ad esempio, ad una canzone sanremese.



DUE CONCLUSIONI
Due notazioni che riguardano il clima culturale riguardante questi temi.
Innanzitutto è degna di nota la violenza con la quale gli esponenti del mondo gay si sono scagliati contro la canzone di Povia: questa reazione ha tutta l'aria di un tentativo disperato di occultare al pubblico la realtà degli ex-omosessuali e la possibilità di un cambiamento. È importante ricordare che il movimento omosessualista ha utilizzato gli argomenti della "naturalezza" e "immutabilità" dell'omosessualità per presentarsi come minoranza discriminata; se l'omosessualità ha una causa nota ed è modificabile, in che modo potranno i gay giustificare le loro pretese politiche e sociali?

Secondariamente, è bene ricordare la reazione del pubblico del Festival alla esibizione di Povia e alle parole dell'onorevole Franco Grillini, che contro ogni costume è stato invitato ad esprimere un suo parere sulla canzone.
Il pubblico in sala ha applaudito Povia e fischiato Grillini.


Da almeno due decenni il movimento omossessualista ha cercato il consenso dell'opinione pubblica presentando i gay come vittime innocenti della violenza e dell'intolleranza; probabilmente il pubblico in sala ha percepito la reazione del movimento omosessualista e le parole del suo esponente come una aggressione ad un artista, ed un tentativo di limitare la libertà di espressione. A quanto pare, il lupo travestito da pecora è stato riconosciuto.



RICORDA


«Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa Inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono Incontrare In conseguenza della loro condizione».
(Catechismo della Chiesa Cattolica, 2358).

BIBLIOGRAFIA

Gerard van den Aardweg, Omosessualità & speranza. Terapia & guarigione nell'esperienza di uno psicologo, Ares, 1995 (esaurito).
Gerard van den Aardweg, Una strada per il domani. Guida all'(auto)terapia dell'omosessualità, Città Nuova, 2004.
Obiettivo Chaire, ABC per capire l'omosessualità, San Paolo, 2005.
Roberto Marchesini, L'identità di genere, I Quaderni del Timone, Edizioni ART, 2007.