venerdì 10 settembre 2010

Forum: Uscire dall'omosessualità - Commmenti da 1201 a 1400

Commenti da 1201 a 1400
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Ho passato il test d'ingresso per l'università per il quale ho studiato tutta l'estate e sono al 7° cielo... Mia mamma è ancora più euforica di me e purtroppo sta tornando a volermi organizzare la vita (questa volta in modo nascosto, sembra un'altra persona!), ma fortunatamente ho imparato a dire STOP! Mi rendo conto che si sente parte di me e vorrebbe essere sempre partecipe delle mie scelte e capisco, ma in questo modo non permette la mia crescita! Solo un mese fa ho capito che non era normale che l'armadio di un ventenne fosse occupato per metà dai vestiti della madre--> li ho tolti con sua grande tristezza. Tra poco inizierà una nuova vita senza più maschere e so già che non sarà semplice, la paura di ricaderci di nuovo è tanta: non voglio più passare l'inferno di quegli anni! Ora che ho ottenuto quello che sognavo ho paura di dovermi rimettere tutte quelle maschere che ho bruciato una a una in questo percorso. Sono molto più consapevole di cos'è la vita, l'uomo, ma il ricordo di quello che ero diventato mi terrorizza... Sento che è il 1° passo per la mia rinascita: questa volta però parto con una famiglia unita in cui regna l'amore tra tutte le singole persone e soprattutto un papà! Ho già conosciuto 2 ragazzi e spero di riuscire a coltivare amicizie sane con cui instaurare un rapporto non solo a livello scolastico, ma anche umano... Vi voglio bene
Mamma 30 maggio ha detto...
X Carlo Si Carlo, il passato é una scatola: aprila quando devi cercare qualcosa utile per il presente o il futuro., per migliorare come tu giustamente dici. Prego per te. Tienici aggiornati sulla ragazza del lungomare. Ti mando un abbraccio enorme.
mamma maria ha detto...
Volevo chiedervi una cosa ragazzi tenendo conto che ogni storia è a se ovviamente .... ma voi prima di iniziare a capire e a cambiare eravate convinti di essere così ed eravate felici??????????? Grazie lo stesso anche se non volete rispondere a questa domanda Bacioni da chi vi stima e vi ama molto mamma maria
mamma Maria ha detto...
27 Marzo.... complimenti sono felicissima per te io penso che prima o poi Dio si fa centire anche con noi e ci aiuta sai tante volte sono le prove che Lui ci da e tu ne hai superate tante Buona fortuna te lo meriti e non avere paura che ce la fai secondo me a superare anche quelle paure che hai ........
mamma maria ha detto...
Carlo mi raccomdando se domattina fai la solita passeggiata sul lungomare saluta quella ragazza timida tanto carina ... magari diventati amici ti posso assicurare che una ragazza ti da tanto tanto tanto e un giorno mi dirai che avevo ragione .... buona fortuna tesoro....
MarcoItaly ha detto...
Per mamma Maria Prima di capire che si può cambiare ero convinto di essere omosessuale, ma non sono mai stato felice. Non che adesso sia felice, anzi, però almeno ho capito che devo modificare certi modi di pensare, certi schemi mentali e da li ripartire per ricostruire. Ho capito, almeno nel mio caso, che l'omosessualità non è il problema, ma una conseguenza di altri problemi.
mamma 30 maggio ha detto...
27 marzo DE MI CORAZÓN, congratulazioni, sono fiera di te e del tuo progresso. Solo non abbandonare il blog ti prego, abbiamo bisogno della tua presenza. Ti abbraccia mamma 30 maggio
carlo ha detto...
Ti rispondo cara mamma Maria!!!! per quanto mi riguarda prima di cominciare il percorso sono sempre state più le giornate tristi, anestetizzate sicuramente da masturbazioni e incontri con conoscenti dove l altro purtroppo neanche voleva parlare un po ma aveva fretta di provare piacere e scappare dalla moglie!!!! anche io provavo un piacere falso, in quanto mi sentivo almeno persona capace di far provare gusto e rilassare l altra' anche se' durante i minuti che stavo con qualche "bestia" ( li definisco tali perchè persone egoiste e non amiche ) non vedevo l ora di finire e stare nei miei dubbi!!!!! adesso il percorso sta facendo emergere la mia parte vera!!!! ma ieri cari amici penso dopo parecchio stress della giornata l istinto sbagliato ha prevalso la ragione purtroppo mi sono masturbato più volte pensando a uomini rozzi e ignoranti,con il telefono o immaginando di stare con loro!!!! ho dormito malissimo!!!! spero riesca a controllare questi pensieri associati a forti impulsi che quando arrivano sei già eccitato!!!! ah! ieri mi sono confessato e il buon gesuita della chiesa del gesù nuovo ha detto che esiste un consultorio con esperti dove potrei andare. Bgiornata a tutti!!!!
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo X mamma maria Fino ai 19 anni ero convinto di essere nato così anche perchè la mia famiglia, la gente, la tv... dicevano che si nasce gay e io inevitabilmente ci credevo! Dai 5 ai 19 anni non ho mai trovato pace, nonostante mi sia sempre accettato e anche quando ho iniziato ad avere rapporti con altri ragazzi era un meccanismo disperato, che purtroppo non completa, ma continua per tutta la vita ad inseguirti con l'illusione che potrai trovare la serenità. E quando mi accorgevo che con una maschera non potevo ottenere quello che cercavo ne mettevo un'altra e così via all'infinito: credo di essere diventato uno dei migliori attori al mondo, anche perchè diventavo il personaggio che mi creavo! Finchè non ho capito tutti i meccanismi della mia psiche e me ne sono liberato ho vissuto in un limbo. Quando ne sono uscito il passato è rimasto anche se nel mio caso è diventato la mia forza, ma non è facile ricominciare... Al 1° disagio (quando mi sento solo) si ripresenta subito ed appare come una possibilità di salvezza, ma so che presto diventerà il mio incubo più nero! Nel mio caso l'omosessualità dai 18 anni si è trasformata in transessualità ed è ancora più terribile perchè se prima mantenevo una mia identità, poi rifiutavo anche la parte più importante della persona. Chi come me e Francesca ha passato anche questo sa come ci si sente o forse meglio dire che non ci si sente perchè in effetti non si esiste più! Mi sono accorto che da quando ho passato il test mia mamma è solo ruolo: non c'è più la persona, ma solo una madre che agisce per un figlio. Questo mi ha fatto tanto male perchè mi ha riportato indietro a momenti della mia vita in cui avrei voluto scomparire per sempre: sono riuscito a non accusarla, ma capire che stava agendo nel modo in cui credeva di farmi più del bene, anche se era l'esatto opposto! Credo che i genitori debbano essere loro stessi con i figli e non ricoprire il ruolo di padre e madre che la società fa credere sia molto benefico per una crescita equilibrata! Buon fine settimana a tutti
mamma maria ha detto...
Carlo ti prego lo dico come su tu fossi mio figlio lo so non è facile ma cerca di pregare e non cadere ancora li ti prego Carlo Sono triste per questa cosa oggi e ti dico prega prega prega perchè questo non accada.... Ti voglio bene
MAMMA MARIA ha detto...
A TE 27 MARZO TROPPO BELLO LEGGERE QUELLO CHE SCRIVI MI RIEMPIE DI GIOIA SAPERE CHE STAI PERCORRENDO CON SERENITA' UNA NUOVA VITA MI RACCOMANDO CONTINUA A SCRIVERE E A DARE CORAGGIO AI RAGAZZI CHE ANCORA STANNO COMBATTENDO PER USCIRE DA QUESTO LABIRINTO (IO LO CHIAMO COSI') PERCHE' PRIMA O POI UNO SI ACCORGE CHE LA FELICITA' E' LA FAMIGLIA E DIO CHE CI AIUTA SEI FANTASTICO E TI AUGURO CON TUTTO IL CUORE TANTA FELICITA'
carlo ha detto...
Mamma Maria grazie, e complimenti 27 maggio è difficile ma scoraggiati il meno possibile!!!!! oggi sono stato meno nervoso alcuni eventi ( che non saprei neanche identificare) mi riportano al mio passato che non vorrei più ricordare!!!! devo percorrere ancora delle fasi maturative ma lo farò impegnandomi con ANIMA E CORPO da oggi 12 settembre cercherò di fare ancora meglio!!!!! preghiamo per noi tutti vi adoro fratelli e mamme care!!!!! Mi affido tanto a san Josemaria Escrivà
carlo ha detto...
Dimenticarmi di una mamma così non è possibile AUGURI DI BUON ONOMASTICO MAMMA MARIA TI AUGURO IL MEGLIO PER L AMORE CHE DAI A NOI E A TUO FIGLIO!!!! Baci
MAMMA MARIA ha detto...
PER CIRO CIRO.... prego ogni giorno che Dio regali a questi ragazzi che hanno il desiderio e la FORZA di cambiare (ma per loro stessi credetemi perchè ora che sono giovani è tutto bello ma quando gli anni passano la solitudine si fa sentire e voi vi sentite messi da parte) i sogni che tu fai... svegliarsi e riaddormentarsi con il desiderio di una ragazza, una ragazza che ti stringa forse e ti trasmetta il grande amore ... QUESTO E' QUELLO CHE DESIDERO PER I MIEI RAGAZZI DEL BLOB CHE ORMAI AMO E NON RIESCO A FARE A MENO DI LORO
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Mi sono accorto che quando sono in giro la mia attenzione ricade spesso su padri con figli e capisco sempre più da dove deriva il mio disagio: sul treno sento ragazzi che parlano spesso di quello che pensa loro padre e le ragazze di loro madre--> i loro principali modelli! Oggi ho visto un bambino che giocava con suo padre e ho notato nei suoi occhi una fiducia e stima totale: è proprio in questi momenti che si crea la sintonia figlio-padre! Devo ammettere che ero un pò geloso perchè io a 20 anni sto cercando di costruirmi un rapporto che di solito nasce spontaneamente a 5... Però è stato bellissimo vedere le emozioni così pure di quel bimbo verso il suo papà. Fino a pochi mesi fa credevo fosse normale che un figlio maschio non avesse rapporti emotivi col padre ed invece è proprio da questa mancanza che ho iniziato a capire che non sono nato gay! Mamma maria mi arriva proprio tutto il tuo amore, spero di trasmetterne un pò anch'io :-)
mamma maria ha detto...
27 Marzo credimi anche io in questo periodo sto vedendo quello che tu scrivi e penso che a mio figlio è mancato tutto quello perchè suo padre non c'era da quando lui aveva due anni e mezzo o c'era saltuariamente pochissimo devo dire... sai a volte sto male e vorrei che mio figlio tornasse indietro per rifare tutto. Forse a volte noi genitori siamo egoisti e non pensiamo a loro ma sai sono sbagli che si fanno anche se io non ho mai e poi mai diviso il mio ex marito dal figlio anzi solo che lui vuoi che era giovane vuoi che lavorava via era sempre assente. Spero mio figlio capisca in fretta quanto è bello avere vicino una ragazza che ti ama e ti rispetta per come sei e come eri perchè gli sbagli li fanno tutti e Dio ci perdona baci sei fantastico tvb
MAMMA MARIA ha detto...
BUONA NOTTE A TUTTI RAGAZZI E MAMMA 3O MAGGIO E ANCHE A MIO FIGLIO ANCHE SE PENSO MI ODI PER TUTTO IL BENE CHE GLI HO DATO SOFFRO TANTO TANTO TANTO E SE NON FOSSE PER CHI MI STA VICINO AVREI PREFERITO MORIRE... IL DOLORE CHE HO DENTRO E LO SCRIVO PIANGENDO E' GRANDE GRANDE GRANDE E OGGI SONO GIU DI FASE DIO MA DOVE SEI??????????
Anonimo ha detto...
Ciao a tutti. Molto interessanti gli ultimi post! Soprattutto quelli che sottolineano che l'omosessualità è la conseguenza di altri problemi, perchè questo è fondamentale, soprattutto per quelli che come me non hanno ancora messo a fuoco bene la situazione e vivono questa egodistonia in modo convulso, piuttosto piegati su se stessi e non riescono a mettere a fuoco invece i problemi che stanno sotto. Mi aiutate a comprendere e chiarire? Un ricordo per tutti nella preghiera. Giovanni.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Vorrei parlarvi di un argomento che non c'entra con l'omosessualità, ma che mi sta molto a cuore! Fin da piccolo a causa di questa mancanza paterna ho sviluppato oltre a disagi psicologici anche problemi fisici seppur poco importanti. Mia mamma si fidava totalmente del nostro medico così iniziò a portarmici: inutile dire che di anno in anno avevo sempre più problemi e sempre più boccettini di medicinali. Riepilogando 2 prodotti per i capelli, 1 per gli occhi, 2 per il naso, 1 per i denti, 1 da inalare, 2 per la pelle: detto così sembro un mostro in realtà non avevo nessun serio problema. L'assurdità è che non ho mai risolto nessun disturbo anzi credo di essermi intossicato! Eppure mia mamma mantenne per anni e ancora oggi assoluta fiducia per quel medico. In questo percorso sono riuscito a liberarmi da tutte queste schifezze che facevano sembrare la mia camera una stanza d'ospedale di un malato terminale. Ho dovuto soprattutto scusarmi col mio corpo per averlo trattato come una macchina rotta, mentre oggi scopro che è un essere divino, perfetto, capace di mandarci messaggi per l'autoguarigione! Il punto è che mi accorgo sempre più che non sono stato un'eccezione, ma anzi sono il meno colpito da questa nuova "moda". La cosa che mi ha spinto a scrivere questo post è stato lo scoprire che a bambini di 5 anni vengono già dati psicofarmaci per iperattività o comportamenti non accettabili nella società moderna (scuola, asilo). Ma come si fa a proporre una cura quando non si conoscono minimamente le cause? Poi ho scoperto che l'industria farmaceutica è praticamente il pilastro dell'economia mondiale e tutto mi è stato chiaro! N.B: Questa è la mia personalissima esperienza e opinione: dato che esiste la libertà di pensiero, parola e scritto l'ho voluta esprimere!!!
MarcoItaly ha detto...
Per Giovanni Ciao e benvenuto nel blog. Se vuoi, prova a raccontare un pò la tua storia, le sensazioni che provi. Prova a pensare perchè provi questa distonia, cosa c'è che non va. Solo cosi riuscirai a capire un pò di più. Io, ad esempio, ho capito che la mia omosessualità è data soprattutto da una bassa autostima che ho di me stesso e al fatto che non ho mai avuto amici e non sono mai entrato in nessun gruppo di coetanei.
mamma maria ha detto...
Ciao Giovanni, non è molto che ho trovato queste persone meravigliose con cui parlare ma anche io da loro ho capito tante cose poi ovviamente ogni storia è a se ma sono riuscita bene o male o comprendere e capire tante cose che possono essere successe a mio figlio anche perchè l'ho visto crescere e ho rispolverato la sua vita e tante tante cose cose simili a quelle di questi ragazzi. Io ti posso dire di pregare tanto la Madonna e di cercare di uscire da tutto certo non penso sia facile ma chi vuole ce la può fare le sono certa se pensi che quando vuoi qualcosa lo ottieni.... SONO sicura che questi favolosi ragazzi ti aiuteranno veramente loro sono fantastici e lo capirai da solo giorno per giorno bacioni
carlo ha detto...
Dolce mamma Maria tirati su!!!! da quando lavoro su me stesso e cerco di allontanarmi sempre di più dalle mie nevrosi e vecchie cattive abitudini e, realizzandomi sempre di più come persona reale mi accorgo di trascorrere giornate tranquille e tante meno serene, questo capita perchè contatto i miei problemi irrisolti, e con loro le mie tante fragilità, paure e altri sentimenti che fanno trascorrere la giornata così e così!!! a volte mi accorgo di essere un bambino impaurito, altre volte un adolescente con tanta voglia di vivere!!!! Io ho trascorso una vita solo per gli altri....io non esistevo ero nascosto dalle mie paure di essere scoperto omosessuale, cosa che da sempre non sopportavo, mi è sempre piaciuto immaginarmi sposato e con figli mano nella mano della donna che amo, ma con una madre fragile troppo disponibile e poco sicura, un padre a volte presente ma assente, altre volte non c era, tutto ciò era solo fantasticare cose belle!!!! io mi svalutavo una continuazione, l autostima non mi era trasmessa, non fare questo, stai attento a quello, tutto lo facevo di nascosto!!!! spesso tra i 19 e i 26 anni mi capitava che ragazze mi venivano dietro facevano tutto loro io ero il passivo non facevo mai essun passo verso di loro, cercavo di starci insieme ma alla fine scappavo mi sentivo troppo amato e desiderato come non ero mai stato abituato, proprio oggi pensavo se queste cose mi capitassero adesso non mi permetterei di abbandonare questi angeli perche erano ragazze stupende fuori e sopratutto dentro!!! ora sto lavorando sulla mia autostima e spero di essere capace al prima possibile di regalare la mia ricchezza interiore ad una donna speciale!!!! Mamma Maria dai che tuo figlio sarà capace di decidere cosa è meglio per lui!!!! Buona notte
Anonimo ha detto...
Grazie per le risposte. La mia storia è la fotocopia di tante storie che ho scoperto tutte simili. Ieri sfogliando sul forum ho iniziato a trovare risposte, nel senso che ho avuto la conferma che quello che mi succede fa parte di un ciclo e quello che lo innesca sono stati di agitazione, il sentirsi sotto pressione, il senso di inferiorità e il bisogno di gratificazione. Tutte queste situazioni sono state definite come "segnali rossi" e pertanto vanno fuggiti o sanati. Un altro punto fondamentale è stata la conferma che tutte queste situazioni sono utilizzate dal demonio per far si che in me si inneschi questo ciclo malefico e proprio per questo è importantissima la convizione e la certezza che Cristo può vincere tutte questi dardi infuocati che il demonio ci butta addosso. La preghiera è un'arma micidiale per vincere queste situazioni. Giovanni
mamma maria ha detto...
Grazie Carlo delle belle parole che mi scrivi ma mio figlio è troppo giovane e immatura non ha ancora capito come è la vita lui pensa che essendo libero sia bello ma la vita non è quella come sai più gli anni passano più ti accorgi che gli amici che avevi non erano amici ma ti usavano e basta e i veri amici li hai persi anche se di veri amici ce ne sono ben pochi e me ne accorgo ora dove la gente cattiva ne sta inventando di cotte e di crude non pensavo tanta cattiveria intorno a me .. ma io dico non pensano che hanno dei figli anche loro????????????? bacioni e buona giornata
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo La gente pensa al proprio bene e questo è un meccanismo naturale e giusto, ma purtroppo più passano gli anni più la competizione, l'invidia, l'odio crescono. Credo che sia proprio tutto il sistema impostato su una modalità sbagliata che fa uscire dalle persone sentimenti opposti all'amore. Ormai i ragazzi d'oggi già a 13 anni credono di sapere tutto della vita e in effetti è così, ma la vita che conoscono è una degenerazione della vera essenza. Hanno un parere e giudizio su tutto anche se non conoscono realmente nulla, ma riportano quello che hanno sentito e che è ok per la gente. Mi permetto di dire queste cose perchè nonostante abbia solo 20 anni, credo che tutti i problemi che ho DOVUTO affrontare per vivere mi abbiano donato una coscienza maggiore: non è un merito, ma una "ricompensa" dopo anni e anni di sofferenze! Il messaggio che vorrei dare è che quando state passando un dolore, sappiate che alla fine ne trarrete una grande crescita. Per me è stato sempre così ed è incredibile: anche nei piccoli malesseri alla fine ho scoperto un aspetto importante della persona, sentimento, vita. Ciaooo
MarcoItaly ha detto...
Vorrei solo aggiungere a chi si rivolge a questo forum per puro caso che che sente il bisogno di cambiare come lo sentiamo noi e non crede in Dio di non disperare: il cambiamento è infatti possibile anche per i non credenti, basta volerlo e lavorarci sodo. Non vorrei che una persona che senta tale necessità pensi sia possibile solo tramite "miracoli" eccetera. Il cambiamento si può fare, con o senza Dio. Chi ha fede buon per lui. Chi non ce l'ha, bene uguale: se volete cambiare, ascoltate voi stessi e capite le emozioni che provate.
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo Inanzitutto voglio puntualizzare che ció che sto per dire é la mia opinione, una semplice osservazione personale. L´argomento di cui parli nel tuo ultimo post é qualcosa che é stato molto a cuore anche a me. Circa 10 anni fa diventó comune diagnosticare i bambini con il "Deficit d´attenzione dispersa, nonché iperattivitá". Nelle scuole 2 o forse 3 bambini su 10 prendevano psicofarmaci. Erano in genere bimbi molto vivaci o un po piu lenti nell´imparare le cose. Se un bambino non rientrava in un certo modello di comportamento veniva consigliato ai genitori, dagli stessi docenti delle scuole, una visita medica per verificare se il piccolo non presentasse queste "sindromi". Ricordo con orrore come molti figli di amiche mie passavano da uno psicofarmaco all´altro per trovare la medicina che piu si adeguava a loro, perché a volte presentavano disturbi del sonno o facevano la pipi a letto dopo aver iniziato ad assumere questi farmaci. Una signora mi raccontó un giorno che suo figlio da molti anni andava da un neurologo, prima perché il ragazzo era iperattivo e poi perché le cure lo resero ipoattivo. Lascio a te l´ardua sentenza. Ora mi sembra che questa "moda" sia passata un po, o non sará che si stanno inventando un´altra malattia per arricchire le case farmaceutiche?
mamma 30 maggio ha detto...
X mamma Maria Anch´io penso che i nostri ragazzi abbiano bisogno di maturare per capire. Credono di avere la veritá in mano sebbene giovanissimi perché bombardati da informazioni, il piu delle volte di dubbia provenienza, tendenziose e di pessima qualitá. É avvilente osservare la manipolazione che ricevono, come fatichino a discernere il bene dal male, i limiti dalla trasgressione ecc. Sará la vita stessa ad incaricarsi, e speriamo non attraverso cattive esperienze, (anche se ho dei dubbi)di insegnare loro certe lezioni. Intanto Maria dobbiamo aiutarli nei nostri limiti a raggiungere questa maturitá. Ci sono dei giorni in cui anch´io piango e grido: "Signore aiutami", giorni di grandissimo sconforto, di dolore immenso, giorni dove vorrei scappare. Poi prego e ritrovo la forza e mi dico: "dai mamma 30 maggio, domani sará meglio. E cosí cerco d´andare avanti. Ti abbraccio forte forte.
Mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo Vorrei chiederti una cosa, spero tu possa e voglia rispondermi ( mi rendo conto che é un tema un po delicato): quando eri nel bel mezzo della tua crisi d´identitá non hai mai pensato farti delle analisi del cariotipo e ormonali? Non hai mai avuto dubbi riguardo ai tuoi cromosomi? ora un´altra domanda, puntualizzo é un´ipotesi che forse ti puo sebrare alquanto strana, ma che mi puo aiutare molto: se tu avessi scoperto attraverso le analisi che il tuo cariotipo é 46 XY e il tuo livello di testosterone é quasi al massimo di un uomo della tua etá come sarebbe stata la tua reazione? Avrei bisogno della tua opinione, ma se non vuoi o puoi rispondere non importa. Ti abbraccio con tutto il mio affetto
mamma maria ha detto...
Grazie di cuore mamma 30 maggio anche io ti sono vicina e prego tanto per tutti anche oggi sono andata ancora dalla madonna a pregare ci vado spesso... a volte dico basta basta non ce la faccio più anche perchè se esco mi sento gli occhi puntati e la gente non la sopporto più ma poi dico: magari è una prova che Dio ci vuole dare nel senso che tante volte preghiamo solo quando abbiamo bisogno invece bisogna sempre sempre pregare .... vorrei dirti tante altre cose ma purtroppo qua a volte ho paura di essere scoperta non per i ragazzi del forum ovviamente .... bacioni mamma 30 maggio con tanto tanto affetto
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo X mamma Maria Sono venuto a conoscenza degli psicofarmaci ai bambini iperattivi o che rifiutavano i metodi scolastici da pochissimo e ho provato così tanto schifo che non posso neanche esprimerlo! Ho capito che l'uomo si è completamente staccato dalla natura e quindi dalla vita! Un bambino che non vuole stare seduto dietro ad un banco per ore è molto più naturale degli altri e va indirizzato in altro modo. Ma per l'uomo moderno un bambino del genere è malato, non può perdere un anno di scuola e poi in paese cosa penserebbero? Invece di capire se ci sono dei problemi in famiglia, all'interno della classe o semplicemente se ha bisogno di metodi più naturali, meglio risolvere immediatamente il problema con psicofarmaci--> DISTRUGGENDO la sua vera identità per adattarla alle esigenze della società! Oggi incomincio a vedere le cose per quello che sono veramente e non per quello che vogliono farci credere per il "bene politico-economico" di tutti. Ho capito ormai che bisogna aprire gli occhi su tutto perchè anche quello che personalità illustri danno per scontato in realtà nasconde tutt'altra verità: ci si può fidare realmente di pochi perchè l'avidità e l'aspirazione al potere raggiungono sempre più persone. Ciaooo a tutti gli Amici del blog
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo X Mamma 30 maggio Inevitabilmente ho passato anche quel periodo in cui credevo di essere geneticamente diverso dagli altri maschi: sentivo esperti parlare di geni e ormoni e ci credevo! Oggi scopro che la psiche è milioni di volte più forte del corpo e può addirittura cambiarlo. Comunque non credo che far notare ad un ragazzo gay che fisicamente è uguale agli eterosessuali possa servire a qualcosa perchè la ragione dell'omosessualità non è da ricercarsi nella consapevolezza del proprio fisico, ma in un deficit emotivo con un genitore spesso dello stesso sesso o nel sentirsi inferiori agli altri maschi. Inoltre non c'ho mai pensato perchè quando ho vissuto il disturbo dell'identità di genere non ragionavo neanche più: vedevo tutto buio e l'unica salvezza era ricominciare con l'altro sesso con cui mi sentivo più sicuro dato che avevo un modello femminile molto più forte e presente. Il punto è che non si pensa mai al perchè: ti senti così e credi che solamente inseguendo quella strada potrai essere felice. Nonostante fosse evidente l'assenza di mio papà e l'odio profondo che provavo verso di lui io non collegavo minimamente le 2 cose perchè se l'avessi fatto sarei stato ancora più male--> sapere che la persona che più odiavo(proprio perchè non mi dava quello di cui avevo bisogno) mi stava influenzando nel profondo credo mi avrebbe fatto impazzire. Oggi più che mai ringrazio Dio (quello che vive dentro ognuno di noi) perchè proprio nel momento più terribile mi ha dato dei segnali fortissimi che prima credevo coincidenze, ma ora capisco far parte di un percorso.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Ritornando alla mia vita... Mio papà dopo un periodo di vacanza è tornato al lavoro e purtroppo si sta di nuovo allontanando emotivamente dalla famiglia: credo che viva il suo lavoro come un dovere e inevitabilmente quando ritorna a casa è totalmente passivo. Durante le vacanze forse per la 1^ volta nella mia vita eravamo riusciti ad instaurare un rapporto sia emotivo che di dialogo, ma ora sta ritornando esattamente come prima. Sembra in difficoltà, nei suoi occhi vedo solo paura, tristezza, vuoto e non so come aiutarlo. Importantissimo è che ora riesco a capire che non lo fa perchè non mi vuole bene, ma perchè è in difficoltà con sè stesso--> invece di arrabbiarmi con lui vorrei aiutarlo, ma non so come. Ieri mi sono seduto vicino a lui sul divano, ma sembrava infastidito e infatti dopo un minuto se n'è andato fingendo di avere sonno; si chiude sempre più in se stesso finchè non cade nella depressione. La cosa che prima mi infastidiva era che quando veniva il fratello di mia mamma(mio zio) cambiava completamente e "prendeva vita" per poi spegnersi appena se ne andava: ora ho capito che era una maschera per far vedere che nella sua famiglia non c'erano problemi. Nel periodo in cui mio papà se ne andò di casa mio zio spesso veniva come a "controllare" che tutto fosse ok e mi infastidiva enormemente sapere che un altro uomo volesse prendere il suo posto e ancora oggi anche se capisco che è in buona fede e a volte avrebbe voluto anche farmi da padre non accetto la sua presenza. Mi rendo conto che discorsi del genere sembrano molto infantili, ma è proprio dietro questi gesti che si nasconde un mondo e attraverso cui si può comprendere la realtà.
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo Io penso che tu abbia capito una cosa importantissima: tuo padre ti ama ma é una persona in difficoltá. Prova a chiedergli cos´é che lo preoccupa, forse riesce ad aprirsi con te. Puo anche esere che ti dica che non ha nulla (a volte noi genitori lo facciamo per non impensierire i figli o forse per il dubbio che, essendo giovani, non riescano a prendere sul serio i nostri problemi). Non scoraggiarti ma fagli capire che ti piacerebbe essere partecipe anche dei suoi momenti difficili. Una persona che stimo moltissimo m´ha mandato questo passo della Bibbia -corinzi 1 L´amore é paziente e benigno l´amore Non si adira Non tiene conto del male ricevuto non gode dell´ingiustizia ma si compiace della veritá. Tutto copre tutto crede tutto spera tutto sopporta
Mamma 30 maggio ha detto...
Ieri sera ero seduta sul sofá con mio figlio, stavamo parlando di molte cose fra le quali l´idea di vita e di morte. Allora mio figlio ha detto: " Non permettere mai e poi mai che io viva come un vegetale dipendendo da macchine e medicine. Se mi vedi in questo stato, stacca tutti gli artefatti che mi mantengono vivo, preferisco morire"! Allora mi sono alzata e gli ho staccato INTERNET! Per poco non muore! Un bacio a tutti
mamma maria ha detto...
Non capisco come può una persona avere l'umore come quello di mio figlio un momento piange un momento ride un momento ti insulta ... non ce la faccio più ... ma quanto sono potenti questi uomini schifosi adulti ??? bacioni
MarcoItaly ha detto...
Per mamma 30 maggio Ti sei imposta in una comunicazione tra te e tuo figlio; perchè invece di fare un gesto cosi risolutore e autoritario non hai continuato a parlare? Ognuno può avere le sue idee riguardo la vita e la morte, se sei riuscita ad avere una comunicazione con tuo figlio approfittane! Non fare l'"autoritaria" staccando tutto. Per mamma maria. Mi dispiace molto per la tua sofferenza. Spero che tuo figlio capisca gli errori che sta facendo e comprenda l'amore che tu sicuramente nutri per lui. Non abbatterti sempre di più, reagisci! So che è dura!
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Ahahah mamma 30 maggio m'hai fatto morire dal ridere! Troppo forte staccargli internet dopo tutti quei discorsi... Anche mia mamma vorrebbe portarmi via il pc perchè dice che ci sto troppe ore, ma piuttosto di guardare la tv... X mamma Maria: purtroppo anche la mia personalità mutava continuamente, non pensare che lo faccia contro di te perchè spesso non si capisce neanche chi si è e cosa si vuole dalla propria vita. Io ho passato anni e anni in questo stato di non coscienza di sè. Un abbraccio con l'anima :-)
Anonimo ha detto...
ragazzi io sono etero e grazie a dio non ho mai avuto questi problemi ma ci tenevo a darvi il mio in bocca al lupo per superare la vostra "condizione" di omosessualità!!
mamma maria ha detto...
Mamma 30 maggio internet è una brutta bestia per i ragazzi che come mio figlio non hanno carattere e vivino solo per quello io credi non ce la faccio più ogni giorno mi sveglio e mi chiedo: oggi come sara'???? ci saranno altre sorprese???? Sono stanca stanca stanca Bacioni
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Mamma Maria Mi permetto di darti un consiglio... La tua vita non è quella di tuo figlio, lo so che per una mamma è tutto, ma cerca di trovare la felicità anche in altre cose: siamo venuti su questa Terra per la nostra evoluzione non per quella degli altri. Ti dico questo perchè leggo che tuo figlio ha fatto la scelta di andarsene di casa, di non scriverti per settimane: non puoi rimetterci la serenità e di conseguenza la salute! E' brutto da dire, ma credo che a lui faccia comodo sapere che tu sia così "disperata" e ancora legata emotivamente: per lui è un meccanismo di sopravvivenza sapere che non è solo, ma altri lo pensano come speciale, da aiutare. So che sembra orribile, ma si creano anche questi risvolti psicologici non perchè siamo mostri, ma persone in difficoltà. Prova a iscriverti in palestra ad uno sport divertente(acquagym, danza del ventre...) dove puoi conoscere tanta nuova gente che non siano le solite pettegole di paese. Lo sport è bellissimo perchè fa relazionare molto più spontaneamente e naturalmente. Se tuo figlio nota che non è più l'unica ragione di felicità o tristezza per la tua vita, cambierà totalmente atteggiamento nei tuoi confronti. Un abbraccio sincero
mamma maria ha detto...
Per anonimo del 16 settembre ... vorrei tanto mio figlio avesse amici come te per poter capire tante cose solo avendo amici etero secondo me riuscirebbero a capire il loro io ... baci
mamma maria ha detto...
PER ANONIMO 27 MARZO capisco che hai passato anni e anni da come scrivi ma scusa se stai male, se non sai cosa vuoi e sei confuso perchè uno non si fa aiutare e non cerca di uscirne???? Perchè nonostante io ti dica qualcosa del tipo trovati una ragazza che è meglio tu rispondi lo sai che sono così??? Allora vuol dire che sei convinto al 100% della cosa e non vuoi cambiare .. giusto???? Se vuoi per favore rispondimi mi sei di aiuto tanto bacioni tesoro
mamma maria ha detto...
PER ANONIMO 27 MARZO Grazie tanto tanto di quello che mi scrivi tu hai ragione ma io dentro sono morta credimi è da provare e non augoro a nessuno provare quello che sto provando... sai ieri dopo una crisi perchè era in crisi è venuto poi è andato poi è ritornato ed è stato a dormine qua, mi ha chiesto di stare con lui nel letto e abbracciarlo e l'ho fatto pregando tanto la Madonna. Mio figlio non sa che avere una donna vicino è bello è un amore bello quello che noi sappiamo dare se amiamo. bacione sei un ragazzo fantastico e intelligente lo sento da come scrivi e poi penso che tutto quello che hai passato ti ha reso molto maturo ... bravo ti voglio bene dalla tua mamma maria
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo X mamma Maria Scusa ma non ho capito molto... sembra che mi scrivi come se fossi tuo figlio :-) Ho scritto che so cosa prova tuo figlio perchè ci sono passato anch'io e non è facile chiedere aiuto. Io non l'ho mai chiesto e credo che nessuno in famiglia me lo potesse dare perchè neanche loro erano consapevoli delle dinamiche che si erano create, anzi senza attribuirmi nessun merito penso di essere stato io ad aiutare loro! Mi ha illuminato la lettura di tanti libri di psicologia e crescita personale. Non credo che una persona possa aiutare un'altra in una situazione così delicata, ma può dargli i mezzi per comprendersi. Dire a tuo figlio "trovati una ragazza che è meglio" è una cosa assurda perchè significa non aver capito che l'omosessualità non è una scelta. Deve essere lui stesso a voler cambiare, tu puoi solo amarlo ed esporgli la tua visione, ma non puoi pretendere che cambi perchè pensi sia giusto così. Ciaooo
mamma maria ha detto...
Caro 27 marzo so che non sei mio figlio te l'ho detto in modo affettuoso come lo dico a una cara amica... tutto li Sai non è facile avere un figlio in casa cosi ma non è quello è vedere che in poco tempo si è terasformato in una persona che non conoscevo e questo mi porta tanta sofferenza credimi... lui penso veda che soffro ma non gliene può fregar di meno bacioni
mamma maria ha detto...
Caro 27 marzo so che non sei mio figlio te l'ho detto in modo affettuoso come lo dico a una cara amica... tutto li Sai non è facile avere un figlio in casa cosi ma non è quello è vedere che in poco tempo si è terasformato in una persona che non conoscevo e questo mi porta tanta sofferenza credimi... lui penso veda che soffro ma non gliene può fregar di meno bacioni
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo In questo periodo in cui mio papà è ricaduto nella depressione sento che anche in me è cambiato qualcosa di molto profondo: sto perdendo la mascolinità che spontaneamente era emersa dopo il rapporto sincero e piacevole durante le vacanze. Ho capito che ero tornato al momento in cui il bambino supera il conflitto di Edipo e si accorge di essere(di sesso) come suo papà verso cui la competizione si trasforma in stima. Ragazzi! io c'ho messo tutte le mie energie ed era nato un rapporto naturale e spontaneo seppur inizialmente cercato: ci piaceva stare insieme a pranzo anzi se uno dei 2 mancava l'altro lo cercava, ma ora si è annullato tutto. Quanto vorrei cambiasse il suo lavoro che considera solo un obbligo e lo spegne completamente, ma lui ormai da anni lo accetta passivamente e non fa nulla per mutare le cose nonostante si accorga che lo sta psicologicamente uccidendo. Inizialmente si spegne e si chiude completamente dentro di sè, poi inizia a non sopportare più nessuno: tutti gli anni si ripete la stessa cosa! Gli unici momenti di pace sono le vacanze in cui recupera sè stesso e i rapporti con la famiglia. Quest'anno però per me è molto diverso perchè ora ho capito tutti i suoi meccanismi e mi limito semplicemente ad osservarli senza arrabbiarmi o giudicarlo. Oggi posso dire che nonostante tutti questi problemi mio papà mi ha insegnato comunque molto sulla profondità della persona che lui stesso ha imparato dai suoi tormenti interiori, ma da cui non riesce a liberarsi. Prego che la nuova vita che mi sta aspettando mi possa dare un riferimento maschile di cui sento di aver estremo bisogno e che prima inconsciamente e disperatamente cercavo nel sesso con uomini adulti. Un abbraccio a tutti!
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo Mi dispiace moltissimo sentirti triste oggi. Ti supplico 27 marzo, non desistere, hai fatto un lungo e difficile percorso, hai capito le dinamiche che ti hanno condotto alla omosessualitá, hai compreso che il tuo papa ti vuole bene: lui é solo una persona particolare, con tanti problemi, non é colpa sua se soffre di depressione. Ti supplico resta con l´immagine del papá delle vacanze, vedrai che la sua crisi passerá e lo ritroverai. Prega il Signore affinché questo succeda presto. La fede in Dio e in te stesso muveranno montagne. Non desistere, cerca un sacerdote che ti aiuti, fai dello sport, stringi i denti e di no, non voglio tornare indietro. FATTI VIOLENZA, ricordi? Ti sono molto vicina con la preghiera. Ti voglio bene
MarcoItaly ha detto...
Per anonimo del 27 marzo. Mi dispiace per tuo papà, devo dare ragione a mamma 30 maggio, non mollare, anche se è triste vedere un cambiamendo negativo di tuo papà pensa ai progressi che hai fatto e cerca di stargli vicino, non demoralizzarti anche tu! Sii forte! Un saluto a tutti.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Grazie di cuore mamma 30 maggio! Sono sicuro che non tornerò più indietro anche perchè non ho mai provato felicità in quegli incontri: ho solo un ricordo di disperazione di anime! Purtroppo è da quando sono arrivato al mondo che vedo mio papà soffrire di un male profondo e irraggiungibile: non dà un senso alla sua vita, sopravvive! Ha avuto anche problemi fisici a causa di questo modo di sentire la vita, ma non l'hanno smosso a voler cambiare. Non voglio altri papà perchè me lo sono scelto ed è proprio attraverso lui che sto imparando la lezione per cui sono venuto in questa vita. Ma dall'altra parte ho bisogno di un modello maschile forte e felice perchè mi rendo conto che è impossibile crearselo da sè. Fino a poco tempo fa abbinavo il maschile alla tristezza, al soffire di mio papà e il femminile all'energia di mia mamma e i conti erano subito fatti. Ora riesco a separare i 2 sessi da quello che hanno rappresentato i miei genitori, ma sento comunque un vuoto nella parte maschile. Grazie ancora mamma 30 maggio per l'energia che mi trasmetti
mamma maria ha detto...
Anonimo 27 marzo ... più leggo i tuoi scritti più mi rendo conto di quanto sei una persona matura e intelligente e sono due qualità importanti nella vita d'oggi. Stamattina alle sette sono stata a pregare la madonna e l'ho fatto anche per tutti voi e anche per te mamma 30 maggio bacioni con affetto immenso
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo Quella che ti ringrazia sono io 27 marzo perché il tuo percorso é stato il mio. Piu ti leggevo e piu comprendevo il problema. La tua storia cosí simile alla nostra. Credo che Dio ci ha messi uno di fronte all´altro per una ragione ben precisa, non finiró mai di ringraziarlo per averti messo sulla mia strada. Ti abbraccio
Mamma 30 maggio ha detto...
X Mamma Maria Maria cara,mi fanno bene le tue preghiere: grazie davvero. La disperazione non ci aiuta, al contrario ci confonde. Fermati! Tuo figlio non é un delinquente, é solo una persona che ha bisogno di maturare. Tu stessa devi maturare insieme a lui. La gente e le chiacchere... la sorpresa dura tre giorni e poi svanisce Maria: che importa la gente infondo? Quello che conta siete tu, tuo figlio e suo padre. Concentrati in questo e basta. Non parlargli di donne adesso: quello che gli serve é qualcuno che lo aiuti a maturare come persona, che lo aiuti distinguere cio che lo arricchisce come essere umano da cio che lo impoverisce, e questa persona puoi essere tu. Ogni volta che lo vedi prefiggiti un messaggio da lasciargli, piano piano, con tanta pazienza. Chiedi al Signore di guidarti in questo difficile cammino ed abbi fiducia: lui ti aiuterá vedrai. Leggi tutto quanto c´é nella Home Page, aiuta moltissimo, ma sopratutto ascolta i consigli di questi ragazzi del blog: abbi fiducia in loro, per favore. Ti abbraccio forte forte. Sono sempre con te Maria, con tutto il mio cuore.
MarcoItaly ha detto...
Io non ce la faccio più, sono sempre pieno di paure, vivo sempre nel passato, bloccato da vecchie paure... Vorrei tanto cambiare, uscire, trovare degli amici...e invece sono solo, quei pochissimi amici che ho avuto per un motivo o per un altro li ho "persi per strada". E adesso, quando qualcuno mi invita a uscire, spesso rifiuto l'invito, perchè, se ho tantissima voglia di cambiare, sto male perchè è come se mi sentissi bloccato e le paure sovrastano la mia voglia di uscire con altri..
mamma maria ha detto...
GRAZIE TANTO MAMMA 30 MAGGIO ... sono felice di averti incontrata, di aver trovato una grande "AMICA" e come sai di amiche ce ne sono ben poco anzi difficile da trovare se non la mamma perchè alla fine ti accorgi che non lo sono. Sai avrei tante cose da dirti ma non tutto qua posso dire ho sempre paura che entri qualcuno che alla fine scopra chi sono... bacioni cara amica ti voglio tanto tanto tanto bene e ricorda che prego tanto anche per te, domattina alle sette vado ancora dalla mia Madonnina a pregare ...
mamma maria ha detto...
Caro Marcoitaly lo so che non è facile, io non ho provato ma posso immaginare quanta sofferenza c'e' dentro di voi anche se con mio figlio sono dura ma a volte penso: ma lui soffrirà per tutto questo??? Mi raccomando tu non devi mollare devi combattere con tutte le tue forze pensa a come cambierebbe la tua vita io ti posso assiccurare che la felicità è diversa credimi. Quando ti assalgono queste paure fai un respiro profondo e pensa a qualcosa che ti aiuta .... mi raccomdando non mollare ce la farai vedrai la sofferenza alla fine porta a maturare e anche alla felicità che vi meritate tanto forse più degli altri che non hanno sofferto come voi. Bacione grosso e buona notte
Mamma 30 maggio ha detto...
X Marcoitaly Hey Marco, e noi chi siamo? Non siamo forse amici tuoi? Va bhe, magari mi consideri un "vecchia menopausica", "una cattolica reazionaria", ma sono qua, pronta ad ascoltarti. Non sei solo, ci siamo noi! FATTI VIOLENZA MARCO, lo dico anche a te. C´é molta gente che ha bisogno della tua presenza. Hai mai pensato agli anziani, che non hanno un´anima viva con chi parlare? Hai mai pensato che donare é il miglior modo di ricevere? Cerca Marco, ci sono molte persone che hanno bisogno di te. Ognuno di noi ha una missione in questa vita. Trova la tua. Esci dal tuo guscio di autocompassione e prova a donare un pezzettino di te stesso agli altri, ne sarai ampiamente ricompensato. Gli amici non li devi trovare necessariamente fra i tuoi coetanei, li pui trovare anche all´angolo di casa tua, dove c´é magari un emigrato, solo e senza famiglia, un essere umano che ha sete d´amore tanta quanta ne hai tu. Cerca e troverai. Detto ció ti autorizzo a mandarmi pubblicamente al diavolo, ma sai una cosa? Ti voglio bene.
mamma maria ha detto...
mamma 30 maggio.... sei fantastica scrivi di quelle cose che toccano il cuore sei una persona speciale e molto intelligente... io quando scrivo o parlo mi intimidisco e a volte sparo cavolate mi piacerebbe cominciare a essere molto più sicura come lo sei tu. Ti abbraccio forte forte cara amica mia
MarcoItaly ha detto...
Per mamma Maria Ciao. Io tento di combattere con tutte le forze le mie paure, ma queste sembrano essere più forti... Spesso preferisco starmene in casa da solo che uscire con dei miei compagni di corso perchè ho paura... eppure quelle poche volte che esco poi mi sento meglio. Non ce la faccio più, mi sento in gabbia e la gabbia in questione sono io stesso!! Sai quante volte mi ripeto i soliti discorsi, che ce la devo fare, che devo cambiare, eppure quando è il momento di fare qualcosa tipo accettare un invito mi sento come se mi mancassero le forze, e alla fine preferisco stare in casa... e poi basta che mi i miei genitori mi dicano qualcosa su una cosa che vorrei fare che subito mi assalgono i dubbi, mi rendono insicuro.. Per mamma 30 maggio cara mamma 30 maggio, non ti mando al diavolo, ne ti considero "vecchia menopausica" o "cattolica reazionaria" (e perchè mai dovrei considerarti cosi???????????). Lo so che ci siete voi e vi considero miei amici, ma io intendevo dire che mi piacerebbe tanto poter avere amici coetanei con i quali uscire qualche sera, andare a fare un giro, stare un pò insieme, tutte cose normali per un 20enne che io neanche so cosa vogliano dire... le poche volte che sono uscito con un mio amico e la sua compagnia mi sono sentito a disagio, "perso" tra quelle persone... mi sento in gabbia, con le chiavi in mano ma senza coraggio di inserirle nella serratura. Che schifo. Grazie a tutte e due per avermi risposto.
MAMMA MARIA ha detto...
MARCOITALY PREGO TANTO TANTO PER TE PERCHE' VOGLIO CHE TU CE LA FACCIA E DIO TI DEVE AIUTARE LO DICO AD ALTA VOCE COSI' MI ASCOLTA TI DICO SOLO CHE TI VOGLIO TANTO TANTO BENE E ABBI FIDUCIA BACIONI
Mamma 30 maggio ha detto...
X Marcoitaly Stavo solo scherzando Marco. Oggi ho pensato molto a te e c´é una cosa che vorrei dirti che forse ti puo aiutare un po. Hai mai sentito parlare di programmazione neuro -linguistica? Io feci un corso tanti anni fa, aiuta molto per superare certe paure, a sbloccare la dove uno é un po inceppato. A me serví molto perché avevo il terrore di parlare in pubblico. Funziona attraverso i cosidetti "ancoraggi". Ti faccio un esempio: in un suo intervento , mamma Maria consigliava a Carlo di stringere in mano un´immagine della Madonna quando si sentiva in difficoltá. Questo puo essere un potentissimo ancoraggio in termini di PNL, solo che fatto in modo diverso. É una spece di ricorso della mente, ma aiuta a non bloccarsi quando ne hai bisogno. É un crearsi un´immagine di se stesso in una situazione difficile che ti blocca, risolverla, immagazzinarla nella mente, e attivarla nel momento in cui ti serve. Forse puo aiutarti a superare le tue paure. Ti abbraccio. Se vuoi che ti spiegi qualcosa in piu non dubitare a chiedermelo: ho scovato in un baule i miei vecchi appunti. Ti sono vicina e non mollare amico mio!
mamma 30 maggio ha detto...
X Mamma Maria Grazie per il calore umano che dai a tutti noi, sei un essere straordinario: tuo figlio non puo essere que fortunato ad avere una mamma come te! Io ho fatto la stessa cavolata tua Maria: il mio indirizzo mail ha il mio nome e cognome: dammi un po di tempo per creare un indirizzo nuovo e cosí ci manderemo mail in privato. Ti ringrazio per tuuto l´amore che ci dai.
carlo ha detto...
Buona serata a tutti voi amici del blog!!!! 27 marzo un consiglio da fratello maggiore non mollare mai anche se qualche volta cadi non preoccuparti ti risollevi! prima per noi erano solo cadute, adesso siamo quasi pienamente autentici e, ritrovare la nostra vera essenza non è semplice ma è un duro lavoro contattare il nostro Io reale!!!! a volte ci capita di sentirci bambini indifesi , altre volte adolescenti insicuri, siamo pieni di paure è vero a volte mi spavento anche io di essere pieno di ansie, ma questo succede perchè adesso è tutta novità verso il reale!!!! le cose che compulsivamente facevamo un tempo cì annebbiavano la mente!!!!! Caro 27 marzo perdona tuo padre cosa che stò facendo anche io, in quanto ho capito che anche se nel modo sbagliato ( secondo me ) mi ha dato tanto amore e continua a darmelo nei suoi modi introversi e nei suoi sguardi!!!! siamo noi che adesso siamo persone vere e vediamo i nostri genitori in modo critico, ma nella mia continua maturazione sperimento sempre più amore verso i miei genitori!!!! Marcoitaly penso sei una persona ricca dentro raccontati alle persone che conosci veramente come sei,( sò che non è semplice l ho detto anche altre volte ma un po alla volta ci riusciremo ) e se hai voglia fatti dare una mano da uno psicoterapeuta, a me stà aiutando molto!!!! UN saluto a frate Max, Mamma Maria, e Mamma 30 Maggio
MAMMA MARIA ha detto...
PER MAMMA 30 MAGGIO... provo anche io a crearne una nuova se si risce diversa senza nome poi te la mando. BACIONI TVB
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Marco anch'io credo ti possa aiutare molto la pnl (programmazione neuro-linguistica) perchè è l'arma più potente per superare quei problemi di cui non si riesce a capire la causa avendo rimosso il fatto che li ha provocati per proteggerci, ma i sintomi rimangono in forma latente. Non bisogna per forza rivolgersi ad uno specialista, ci sono molti libri che permettono di "studiarsi" anche da soli (nel mio caso è stato meglio perchè non sarei mai riuscito ad aprirmi ad un'altra persona come ho fatto con me stesso). Un abbraccio sincero
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Le foto fanno emergere ricordi come nessun'altra cosa al mondo! Ho ritrovato una foto dell'asilo bellissima tanto che l'ho subito incorniciata e appesa in camera ed è incredibile come tutti i miei compagni avessero già lo stesso carattere "in miniatura" di oggi. Io sembravo una bambina °_° Purtroppo sulla transessualità non ci sono così tanti studi come sull'omosessualità anche se è quasi la stessa cosa, ma credo che conti molto la madre oltre che l'assenza del padre. Ormai ho studiato perfettamente mio padre e ora tocca a mia madre (ahahah detto così sembro diabolico!). Ama tutti i bambini in modo quasi eccessivo (a scanso d'equivoci: nulla a che vedere con la pedofilia!) è un amore puro anzi ce ne vorrebbero di madri così! Però abbinata ad un padre assente si trasforma in un'arma a doppio taglio. Questa volta sono dovuto tornare alla sua infanzia: una bambina felice fino alla tragica morte del padre quando lei aveva circa 7 anni di cui mi ha parlato pochissimo. So solo che dopo questo trauma ha avuto una malattia al sangue che guarda caso rappresenta per la metamedicina la felicità di vivere, che lei aveva perso profondamente. Era una mamma incredibile giocava anche per ore senza stancarsi: oggi ho capito che incosciamente vede nei bambini la possibilità di superare il suo trauma rimosso. Ho notato anche che preferiva le bambine forse proprio perchè s'identificava maggiormente e forse è anche per questo che quando ho incominciato a sviluppare la disforia di genere (vd. credermi sailor moon) non era affatto preoccupata, anzi... Ha sempre detto che avrebbe proprio voluto 2 maschi, ma sono sicuro che non fosse affatto così: a volte per scherzo diceva perfino che avrebbe voluto adottare una bambina perchè si sentiva sola con 3 maschi in casa (cosa assurda visto che già all'epoca soffrivo di disforia di genere). Credo che in molti (non è il mio caso) influenzi molto l'odio della madre per l'universo maschile, che inevitabilmente il bambino fa suo, rifiutando anche la propria mascolinità. N.B: Capisco che molte persone possono vedere queste analisi come un voler giudicare sporco l'amore di una mamma, ma chi ha studiato un pò di psicologia o ha letto la mia storia dall'inizio sa che non è così. Credo che l'agire delle persone sia molto più profondo di quello che pensiamo e per cercare di comprenderne anche solo gli aspetti principali bisogna risalire quasi sempre all'infanzia. E' incredibile come proprio quando credo di sapere ormai tutto appare una foto che mette un altro tassello completando maggiormente la comprensione. Fino a poco fa credevo che per lei rappresentassi suo padre in miniatura, ma le cose non quadravano ed oggi ho capito che rivedeva in me sè stessa e tutto quadra alla perfezione. Buon inizio settimana a tutti gli amici del forum :-) e che la luce della verità possa illuminare i nostri cammini
MarcoItaly ha detto...
Per quanto riguarda la programmazione neuro-linguistica ne ho sentito parlare e ho comprato un libro che adesso leggerò, speriamo mi possa aiutare... La cosa peggiore è che non riesco a staccarmi dal passato, anche se l'ho analizzato e capito nelle sue varie caratteristiche. L'attrazione omoerotica è quasi completamente sparita, incomincio realmente a provare attrazione (anche se ancora non forte) verso il sesso femminile, ma sono ancora "schiavo" di vecchie paure e non riesco ancora a rapportarmi in modo completamente maturo con i miei genitori.
carlo ha detto...
Marcoitaly complimenti per i tuoi progressi!!!! tranquillo la paura del passato passa quando sperimentiamo le novità della vita reale!!! io sono pieno di paure, ma le contatto solo adesso anni fa forse mi sembra di averne di meno in quanto mi masturbavo per anestetizzarmi ( penso ) anche cinque volte al giorno!!!! che tristezza vero?????!!. Adesso ho una gran voglia di confidare a mio padre che ero omosessuale e adesso sto cambiando, lui non so come possa reagire e mi spaventa!!!! aiutatemi!!!!! adesso ho anche tanta voglia di girare in auto!!! pensate ho gia rinnovato la patente una volta e non mi sono mai spinto a più di 40 km da casa per paure che mi ha trasmesso le insicurezze dei miei!!!!! Buona vita a tutti
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Marco ma allora ti ha appassionato il video che t'avevo suggerito di guardare sulla pnl... Al tempo m'avevi quasi preso per "matto", comunque sono felice perchè sicuro ti sarà utile: è un metodo incredibile!
MAMMA MARIA ha detto...
Ciao Carlo per dirlo a tuo padre secondo me devi trovare il momento giusto poi se tu sei sicuro e vuoi toglierti questo peso dillo magari ti aiuta ancora di più. Io sarei felice se mio figlio mi dicesse che sta provando ad uscire da tutto sarei pronta ad ascoltarlo e aiutarlo dando tutta me stessa. Mio figlio mi ha detto che era omosessuale una sera e quella sera non la dimenticherò mai e poi mai pensavo di morire credimi poi me lo ha detto in un modo da immaturo perchè infondo lo è lui è vuoto dentro pensa solo ai soldi soldi soldi ma senza lavorare e fare nulla non so forse in certi abienti girano persone con parecchi soldi???? Comunque tanto per dirti come è vuoto mi ha detto è come a te che piace la pizza capricciosa e a me la margherita tutto li e da allora è diventato ogni giorno più cattivo e aggressivo. Lui che quasi aveva paura ad uscire ad un tratto è diventato (secondo lui) adulto infatti mi trattava come uno zerbino se gli dicevo pensa bene a quello che fai sei giovani non puoi metterti in mano a gente adulta e lui diceva da arrogante: basta io sono così... Canta, ride quando viene qua non fa un discorso ma credimi non so se maturerà a meno che non prenda una bella per così dire "BASTONATA" che prego ogni giorno la prenda il più presto possibile.
MarcoItaly ha detto...
Per Carlo Anche io come te ho lo stesso problema della macchina!! Incredibile!!!! Mi hanno messo una marea di stupide insicurezze i miei genitori in questo, ma possibile che non se ne rendano conto?????????? Ho una rabbia dentro!!!! Capisco che non lo fanno apposta ma è frustrante e mi riempie di rabbia capire quanto stupido sono stato ad assorbire le paure dei miei genitori!!! E' quello che mi blocca più di tutto, perchè ci sono delle volte che vorrei urlare con tutto il fiato che ho in gola la mia rabbia, ma non posso. Che schifo avere tutte le loro attenzioni addosso, ci sono delle volte che ti senti soffocare. Spero che la vita migliori prima o poi,.
mamma maria ha detto...
Marco ti do ragione su quello che dici dei tuoi genitori ma credimi a volte non si fa apposta ami tanto i figli che si sbaglia, chi non sbaglia a questo mondo??? Sai io ora sto riflettendo su tante tante cose, sugli errori che ho fatto e sul bene enorme che ho dato visto che ero sola... però mio figlio quando viene qua a dormire non capisco perchè mi chiede di stare con lui nel letto e stringerlo... bhe forse lui è ancora in una fase di confusione... Però Marco credimi non dare tutta la colpa a loro cerca di vedere anche i lati positivi, vi sono ragazzi che invece si lamentano perchè non hanno affetto !!!! Io prima dicevo così dei miei genitori e dicevo sempre: se avrò un figlio io non sarò come voi e mia mamma mi diceva vedremo tempo al tempo ora ripenso a queste parole e mi rendo conto che Dio c'e' e prima o poi ti fa capire le cose facendoni provare le stesse esperienze di vita che servono. Vedrai che forse un giorno se avrai una famiglia e dei figli capirai tutto questo credimi io ho 40 anni non penso di essere vecchia e già ho capito tante cose da questa brutta esperienza che stò vivendo. Bacione Marco e scusa tanto se ti ho detto queste cose ma sono cose che sento di dirti perchè ti voglio tanto bene.
carlo ha detto...
Grazie Mamma Maria!!!! penso che maturando tuo figlio cambieranno anche i vostri rapporti!!! dagli tempo!!!!!e tirati su che tuo figlio anche se un po ribelle ti ama tanto!!!! Caro Marcoitaly le cose cambiano nel momento in cui cerchiamo di maturare e diventare esseri reali e sinceri!!!! nel momento in cui eravamo persone arrendevoli come eravamo in passato, vivevamo nel nostro egocentrismo che ci faceva vivere in un contatto sbagliato con noi stessi,nel quale ci percepivamo persone con un continuo contatto insano, con il quale ci riparavamo dalle ferite e angosce con meccanismi sbagliati: la timidezza, fare sesso con personaggi dello stesso sesso, socializzare da amichette con le ragazze come facevamo con le cugine e amiche di famiglia, masturbazioni assurde che non ci permettevano di vivere l'amore come una forma di arte!!!!!!! Adesso è tempo di vivere nella bellezza del reale!!!!! e bisogna farlo!!!! tra breve compro macchina e fitto un monolocale a napoli centro e sono felice!!!!! Ancora buona crescita nella verità a tutti!!!!
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo O.K., analizziamo le mamme: ho perso mia madre quand´ero givanissima. Ero molto attaccata a lei. Poco dopo, divenni bulimica (spiegami cosa significa in metamedicina), grazie a Dio e alla persona che é diventata il compagno della mia vita, riuscii a superarlo. Mio figlio assomigliava un po a lei. Non ho mai desiderato veramente avere una femmina, ma il resto della famiglia si la voleva. Mio figlio si identificava eccessivamente con i personaggi di fantasia, poteva essere Bianca Neve, ma anche Mario Bross: da li potrei dedurre un vuoto o confusione in quanto a identificazione di genere. Ho sempre cercato di evitare che si identificasse con personaggi femminili. Quando lo portai dallo psicologo cominció ad assomigliare a lui, si muoveva come lui, parlava come lui. Accidenti: come fa bene scrivere le cose per capire! Da un paio d´anni ha trovato una ragazza che é diventata la sua migliore amica e, a detta sua, una sorella spirituale...si é identificato con lei... Aiutami a capire 27 marzo, sono un po in pallone.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo In metamedicina la bulimia è collegata a problemi con la madre(il 1° nutrimento fisico ed emotivo) che si estendono alla Madre Terra. Nel tuo caso è abbastanza evidente che non derivava da problemi/ incomprensioni ma dalla perdita vera e propria. Avevo un'amica che provava un profondo odio per la madre ed era bulimica oltre ad avere un orientamento sessuale confuso: io le raccontavo la mia rabbia per mio papà e lei per sua mamma e nessuno sapeva minimamente che i nostri problemi derivavano proprio da quello. E' stranissimo però che anche nel tuo caso sia presente: "Mio figlio assomigliava un po a lei" e quindi a te stessa prima del problema. Ha ragione MarcoItaly quando dice che ancora c'è molto da studiare...
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Credo che tuo figlio fosse e forse è tutt'ora alla ricerca di un'identità non avendola sviluppata nella parte finale del complesso di Edipo (identificazione col padre che da rivale diventa un esempio). Ti dico solo che fino a poco tempo fa vedere quelle trasmissioni in cui la donna domina sull'uomo facevano riemergere in me la disforia di genere. Il mio desiderio è di trovare un uomo che possa costituire per me un modello sano e se non lo trovassi ora come ora credo di potercela fare anche da solo seguendo uomini che ammiro. Ora che ho studiato veramente ogni aspetto di questi problemi riesco a vedere tante cose che prima ignoravo. Un professore al liceo particolarmente intelligente mi parlava spesso, una volta mi abbracciò come se sapesse la causa del mio problema(nonostante lo nascondessi molto bene). Ma da parte mia l'odio per l'assenza di mio padre non mi permetteva di prendere un modello maschile. Ho rivissuto la fase in cui ho messo un muro definitivo: me Vs lui e i maschi. Da piccolo mio papà era inesistente emotivamente e non mi interessava, ma ad un certo punto(circa 6 anni) iniziai a pretendere attenzione "picchiandolo", lui si allontanò ancora di più e si divertiva di questa cosa... inconsciamente sapevo di dover risolvere il complesso di Edipo. Ultimamente in famiglia parlo molto spesso di problemi sessuali e credo presto gli parlerò di come ho vissuto il rapporto con lui: ora che l'ho risolto riesco a parlarne tranquillamente. N.B: Mamma 30 maggio anch'io mi sono accorto che fa davvero bene scrivere: è come se ci si ricollegasse ad una coscienza superiore che ci dà risposte.
Alberto ha detto...
Cari amici oggi compio un anno esatto di astinenza da rapporti omosessuali e mi sembra doveroso condividere con voi il raggiungimento di questo obiettivo. Da quel 21 settembre ad oggi molto è cambiato nella mia vita. Forse il cambiamento più radicale che mi sia capitato di vivere. Certo l’astinenza è un dato per certi versi confortante, ma avevo già vissuto periodi simili anche più lunghi, la differenza sostanziale è il cambiamento di atteggiamento e di prospettiva esistenziale. Non più una semplice repressione di una pulsione che continuavo ad alimentare in maniera più o meno conscia quanto un atteggiamento attivo e propositivo per comprendere le ragioni profonde del mio malessere e superarle, dando così uno sfogo corretto e costruttivo al mio bisogno d’affetto e alla mia sensibilità un po’ esagerata. Col tempo ho cominciato a scoprire la vera natura dei rapporti eterosessuali e -grazie a delle ragazze molto pazienti - comprendere il significato del ruolo che l’uomo deve giocare con la donna che ama. Grazie a queste relazioni affettive sono molto maturato psicologicamente ed ho acquistato stabilità emotiva e senso di responsabilità. Certo ancora devo molto vigilare sui miei sensi (sia esterni che interni, come la fantasia), ma l’attrazione verso i ragazzi è molto meno forte di un tempo mentre quella –non solo psicologica- per le ragazze ha ormai il sopravvento, anche in termini di funzionalità organica. Devo ancora lavorare sul mio carattere ancora un po’ timoroso e scarsamente empatico nei rapporti interpersonali, ma sono atteggiamenti autodifensivi consolidatisi nel tempo e tempo ci vorrà per smantellarli completamente. Contemporaneamente la vita di fede (specialmente la preghiera) è diventata molto più intensa e viva sostenendomi nel cammino. Vorrei ringraziare in particolar modo il Gruppo Lot che continua ad essermi vicino in quest’avventura e Fr Max per la disponibilità dimostratami, un pensiero particolare poi a quanti ragazzi e ragazze hanno interagito con me sul blog o attraverso la mail privata. Un abbraccio a tutti e coraggio
mamma 30 maggio ha detto...
Grazie di cuore per l´articolo pubblicato sulla Home page. Credo dia importanti risposte a noi genitori.
mamma maria ha detto...
Ciao ALBERTO vorrei sapere (se vuoi rispondere) cosa ti ha fatto scattare la molla di cambiare??? Ma la vita da omosessuali come è??? Come sono e cosa ti danno questi locali??? Che gente gira in questi locali ???? Grazie e un forte abbraccio
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Stanotte ho fatto un sogno lucido che vorrei condividere con voi per capirci qualcosa in più. C'erano 2 Me. Uno era rannicchiato e avvolto tra tante coperte in fondo al letto, tanto che non sapevo come potesse respirare. L'altro stava con un uomo adulto col quale faceva sesso. Il sogno si alternava tra queste 2 scene: quando vedevo la 1^ mi sentivo soffocare. Ad un certo punto mi vedo (non sono il 2° Io, ma un Io neutro) che entro nella stanza del 1° Io e lo srotolo fuori dalle 1000 coperte trovandolo con la pelle tutta a bolle dal caldo soffocante e lo squoto. Nel sogno mi rendo conto che dovevo ritornare--> i 2 Io si baciano e si fondono in uno solo e mi sento molto meglio tanto che mi sveglio come liberato e senza pulsioni sessuali per gli uomini. Non avevo mai fatto un sogno simile: è stato come se la mia coscienza + profonda mi stesse parlando. Se c'è qualcuno che s'intende d'interpretazione dei sogni e ci trova altre spiegazioni, gliene sarei grato.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Mamma Maria, quei locali non si possono neanche descrivere, basta dire che in moltissimi fanno direttamente sesso sui divanetti tra sconosciuti e ci sono stanze buie dove fare sesso senza neanche vedersi. Purtroppo quando ne sei dentro non riesci neanche a capire l'assurdità di quei posti, in cui non esiste più la coscienza umana, ma solo disperazione d'anime distrutte dalle proprie ferite dell'infanzia. La cosa più assurda è che è tutto legale e protetto, anche perchè ormai ce ne sono tantissimi e sono una vera e propria potenza economica e commerciale. Non devi disperarti perchè non è detto che tuo figlio frequenti proprio questi locali: io li ho visti ma fortunatamente non ne ho mai fatto parte perchè conservavo ancora un minimo di coscienza. Scusa se sono stato forse troppo diretto, ma credo che bisogna iniziare a diffondere la pura e semplice verità se si vuole iniziare a capire di cosa si stà parlando!
MarcoItaly ha detto...
Per anonimo 27 marzo Non sono certo un'esperto di sogni, però potrei azzardare una ipotesi... il tuo IO che fa sesso è la parte ti te che rappresenta il tuo passato. L'IO sotto le coperte è quella parte di te che sta maturando, ma che ha paura sia del passato (non lo vede sotto le coperte) sia del futuro (è imprigionato sotto le coperte). L'IO neutro che arriva e scuote l'IO presente può essere la razionalità che trova la decisione giusta, ovvero unire le due metà: tu sei l'unione dell'IO presente (che ha una nuova cognizione della propria identità) con l'IO passato (non bisogna nascondersi al passato, occorre "baciarlo", ovvero riconoscerlo, analizzarlo e metabolizzarlo). Solo unendo questi due IO sarà possibile svegliarsi dall'incubo e affrontare la realtà senza pulsioni omosessuali.
carlo ha detto...
Ciao 27 marzo anche io ultimamente faccio sogni che mi inquietano! anche io nel sogno spesso mi sdoppio questo succede penso perchè salutiamo la nostra vecchia personalità, che non cì piaceva da sempre, giorni fa ho sognato che di spalle vedevo una persona che si stava per gettare da un precipizio l ho toccato come per salvarlo e mi sono accorto che la persona che si è girata a guardarmi ero io stesso, poi si getta ma vola felice in un mare tranquillo!!!!! Un altro sogno era quello di piccoli gatti nati morti, tra i quali uno strisciava sanguinante, ( che brutto.... )!!!! stanotte ho sonato che ero a casa di un amica il giardino della sua casa era tutto in disordine e io ho piantato una pianta che amo dal profumo buonissimo si chiama cestrum nocturnum adesso il suo profumo mi rende sereno!!!!! Baci a tutti
mamma maria ha detto...
PER 27 MARZO... PURTROPPO mio figlio ha iniziato ad entrare in questo monto quando lo scorso anno è andato a Milano ed è capitato in questo locale che non dico il nome e qui ha trovato quello stronzo con venti anni più di lui che dirige il locale o meglio è socio e da qui è partito tutto ricordo le date dei primi periodi a MIlano, ho cercato di capire e scoprire tante cose persino il nome di questo essere ma non ho potuto fare nulla primo perchè mio figlio è maggiorenne e poi perchè il padre non collabora e gli da carta bianca quindi come già ho detto è andato da lui. Credimi non avrei mai e poi mai pensato che mio figlio arrivasse a tanto così timido ed educato e diceva sempre: ah io in certi locali non vado mamma mia che schifo era sempre ben curato ed ora non ti dico come è conciato ti giuro soffro tantissimo e pensa che questa mattino l'ho incrociato con la macchina e non mi ha nemmeno salutata ho vissuto per lui e lo rifarei ma io mi chiedo come fa un ragazzo a non salutare la propria madre che ha dato la vita per lui e lui sa benissimo cosa ho fatto in tutti questi anni per lui e da sola. Aiutatemi per favore non capisco più nulla la notte mi sveglio e prego prego prego ma niente nessuno mi aiuta e mi riporta mio figlio che non si merita una vita del genere. Bacioni
mamma 30 maggio ha detto...
Purtroppo in molti paesi poveri si é legalizzato il matrimonio fra persone dello stesso sesso e anche l´adozione. Cosí si credono o si dicono all´avanguardia: il problema stá nel fatto che non esistono peró le infrastrutture ospedaliere necessarie per ospitare e curare i malati di AIDS che, inevitabilmente, andranno in aumento. Il fatto é che si tratta di politica: a nessuno di questi signori interessa veramente l´omosessualitá, ció che conta sono i voti e l´immenso business che ci gira attorno.
Mamma 30 maggio ha detto...
X Mamma Maria Tutta questa storia dell´omosessualitá ,vista come madre, mi ricorda un contenitore pieno di farina con un oggetto nascosto dentro: ci chiedono di metterci la mano ed afferrarlo, ma cosa ci sará dentro? Qualcosa di viscoso? Qualcosa di pungente? Sará qualcosa che morde? Poi trovi il coraggio, ci metti la mano, con cautela, estrai l´oggetto e ti accorgi che era solo un uovo fragile fragile... Ti sono vicina piú che mai nella preghiera. Ti voglio bene mamma Maria!
MAMMA MARIA ha detto...
PER CARLO SOGNARE DI ESSERE IN UN GIARDINO SIGNIFICA FORTUNA E FELICITA' NELLE SITUAZIONI SOCIALI E FAMILIARI. DICONO CHE I SOGNI CI DICONO QUALCOSA IO SPERO SEMPRE E PREGO PRIMA DI ADDORMENTARMI DI VEDERE I MIEI CARI DEFUNTI, UN SANTO PROTETTORE CHE MI STA VICINO E LA MADONNA, PREGO LORO DI DIRMI QUALCOSA DI DIRMI CHE MIO FIGLIO PRIMA O POI CAMBIERA' COME VOI PERCHE' VOGLIO VOGLIO TANTO CHE SIA FELICE MA NON IN QUESTO MODO PERCHE' QUESTO MODO LO RENDE FELICE SOLO IL SABATO QUANDO ESCE POI CON MONDO D'OGGI HA CHIUSO HA SOLO IL SUO MONDO.... HO CHIESTO A DIO DI DARE A ME QUALCHE DISPIACERE MA SULLA MIA PERSONA SUL MIO CORPO MA DI FAR SI CHE MIO FIGLIO CAMBI GRAZIE DI ASCOLTARMI BACIONI VI VOGLIO TANTO TANTO BENE
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Grazie mille Marco e Carlo mi avete aiutato tantissimo. Mi ha colpito in Marco l'interpretazione dell'Io sotto le coperte e in Carlo lo sdoppiamento come tentativo di unire il passato al presente. Ho capito anche che dai sogni si può conoscere la parte più profonda e remota del nostro Io. Ho ordinato un libro sull'interpretazione dei sogni in caso ne facessi altri di così complessi. Di solito o non me li ricordo o sono molto semplici e collegabili alla giornata appena trascorsa, mai mi era capitato di fare un sogno con più scene e addirittura 2 Io.
MarcoItaly ha detto...
Per mamma Maria Capisco lo strazio che ti provoca questa situazione e ne sono sinceramente dispiaciuto. Penso a come si sentirebbero i miei genitori se io andassi in quei locali... purtroppo però, essendo lui maggiorenne, fa le scelte di vita che ritiene più opportune per lui.... tu mamma Maria hai fatto tutto quello che hai potuto, hai tentato di parlare, di stare accanto a lui, di aiutarlo. Se lui non vuole tutto questo, non puoi negarti la vita deprimendoti ogni giorno di più! Forza mamma Maria, ti siamo tutti vicino!! Coraggio!!
mamma maria ha detto...
OGGI 23 SETTEMBRE... si ricorda la morte di Padre Pio da Pietralcina (23 settembre 1968) preghiamo per lui ragazzi che ci ricorda nelle sue preghiere, ci aiuta a trovare la strada giusta e ci protegge
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Un ringraziamento a Padre Pio che ha dato la possibilità a tante persone di riscoprire la fede, la profondità dell'anima e, per essere in linea col blog, il proprio vero Io che prova e diffonde solo amore. E' stato capace di attuare una guarigione spirituale nel cuore di molte persone che di conseguenza hanno ottenuto una guarigione fisica: ecco la mia spiegazione dei miracoli.
mamma 30 maggio ha detto...
Invito tutti i ragazzi di questo blog che sono credenti a pregare con noi mamme Padre Pio affinché liberi i nostri ragazzi da questo "mostro". Grazie a tutti
fr max ha detto...
Pace a tutti voi. Sono stato fuori Assisi per un po' di giorni a causa di alcune cure che ho dovuto fare per affrontare meglio l'inverno Assisano. Fratelli e sorelle del Blog un abbraccio a tutti. In questi giorni la mia vicinanza non è cessata nei confronti di ciascuno, credenti e non. Non avendo la possibilità di leggere i post del blog, ho dovuto recuperare in fretta. Ho riscontrato una netta presenza-incidenza delle Mamme nelle ultime settimane; interessante per un blog come questo dove oltre a scrivere prevalentemente uomini, si tratta di ragazzi molto spesso feriti da un iperprotettività materna oltre che da una difficoltà con la figura paterna; questa cosa mi ha colpito molto. Vorrei solo suggerire alle carissime mamme di essere sempre più attente ai bisogni dei propri figli e dei ragazzi del blog con una presenza sempre più volta a cogliere i bisogni e le consegne dei ragazzi. Non che non lo facciano ma camminiamo sempre di più in questa direzione. La Vergine MAria e la sua presenza discreta e accogliente, siano un esempio a cui conformare ogni modello di maternità. I figli care mamme in questo momento hanno bisogno maggiormente più di relazioni maschili nuove, fiduciose e coinvolgenti che altro. Grazie comunque. Una parola anche all'Anonimo del 27 marzo al quale rivolgo il mio affetto fraterno più profondo. Carissimo volevo inoltre offrirti un piccolo suggerimento: la psicologia è una scienza molto preziosa e di grande supporto alla crescita umana (io sono il primo a dirlo), però dico sempre di stare attenti all'uso eccessivo di ogni cosa; che non diventi Dio-psicologia (anche se non è il tuo caso ma ho colto l'occasione per puntualizzarla). Bello anche il rapporto che hai ricostruito con tuo padre; ricorda però che tutto questo non potrà mai ridarti la tua infanzia perduta ( che non è la meta di qualunque cammino di conoscenza di sè e della propria storia). Quello che conta è riconciliarsi con essa. Cio' che conta ora anche per te è crescere sempre più in una realzione sana e fiduciosa con i tuoi pari, i MASCHI attraverso un percorso di demitizzazione: questo è veramente importante!lO RIPETO: UNA REALAZIONE NUOVA CON I MASCHI!! Inoltre la mascolinità non si perde e riacquista a fasi altalenanti. Ciò che conta e crescere nell'ascolto di se e del proprio vissuto da cui spesso ci si distacca. Un abbraccio fraterno a tutti. Fr Max
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo, Carlo e Marcoitaly Oggi m´é capitato un foglio fra le mani, dove mio figlio descrive tutta la sua disperazione. Credo che davvero non esista piú. Vive in un limbo, ma si dice "felice cosí". Vivere sta nella libertá, nella serenitá, ma anche nella lotta ,nella conquista di ció che si crede impossibile. Vivere, il piu delle volte, sta nell´usare l´avverbio di negazione NO! Lo capirá un giorno?
carlo ha detto...
Mamma Maria!!!! Stai su!!!! non ti permettere più di dire delle cose assurde!!!!! tu vali tantissimo come donna e cì sei di grosso sostegno alla nostra crescita!!!!! Devi stare sempre in salute!!!! un giorno vicino tuo figlio capirà l amore che gli dai, penso lo stia già capendo!!!!!le cose evolvono con il tempo tuo figlio è ancora troppo giovane!!!! tranquilla tutto migliorerà!!!!
carlo ha detto...
Caro Frate Max è tanto importante sicuramente ascoltare noi stessi per la nostra crescita!!!!! ma dopo tanti anni trascorsi con un falso Io diventa troppo difficile gestire il vecchio Io che esce e entra e il nuovo Io che ha voglia di sperimentarsi!!!! sono d accordo con anonimo 27 marzo la psicologia come la morale cristiana aiutano tanto!!!! Sono contento del tuo ritorno e sostegno morale!!!!
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Condivido con fra Max che l'approvazione della propria mamma è importante, ma si rischia di ritornare ad avere ammirazione solo per il genere femminile mentre si accumula la distanza con il maschile. Io l'ho provato su di me: non distinguevo il mio genere con quello di mia mamma; ora riesco a separare le 2 cose ed essere me stesso anche quando sono solo con lei per giorni.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Sono venuto a conoscenza di qualcosa che m'ha incuriosito moltissimo e che vorrei condividere con voi come crescita personale. In diversi autori saggi ho letto che l'uomo non è corpo, ma energia e che la coscienza del singolo si connette ad una coscienza collettiva, somma di tutte le coscienze degli esseri viventi sulla Terra. Così come la nostra coscienza utilizza il corpo per parlarci attraverso le varie malattie(già spiegate dalle vere medicine), la coscienza collettiva utilizza la Madre Terra attraverso terremoti, eruttazioni... E sarebbe proprio seguendo la progressione di questa coscienza collettiva che i maya conoscevano nei dettagli con migliaia di anni in anticipo il nostro fututo politico, economico, religioso... I cerchi nel grano sarebbero creati dal suono che la Terra riceve dall’Universo e che esprime attraverso le capacità dell'acqua per parlarci con simboli comprensibili dall'inconscio. Dimostrazione: http://www.youtube.com/watch?v=Qf0t4qIVWF4&feature=rec-LGOUT-exp_fresh+div-1r-2-HM La cosa stupenda è che la nostra coscienza così come quella collettiva può cambiare partendo proprio da sè. Mi fa ridere quando c'è l'esperto di turno che sghignazza(perchè di solito hanno la tipica faccia da becchino) senza dare una spiegazione alternativa a verità oggettive, già spiegate dai veri esperti senza a disposizione una tv e stipendi milionari. Ma si può imparare anche da questi, anzi è proprio questa gente che dà lo stimolo per creare una società nuova basata sull'amore e sulla verità che sconfigge la paura dell'ignoto.
MarcoItaly ha detto...
Per anonimo 27 marzo Come al solito prendi per vero qualsiasi cosa leggi di "alternativo" alla scienza cosiddetta ufficiale. Sono teorie che possono essere interessanti, ma che alla luce della scienza vengono sistematicamente smontate. Consiglio di andare a leggere il sito del CICAP (comitato contro le affermazioni sul paranormale). terremoti, eruttazioni... causati dalla "coscienza collettiva"? Bah. L'uomo è energia? Beh, siamo formati da materia, la materia è formata da atomi, gli atomi hanno carica elettrica, quindi ci può anche stare che l'uomo è energia. Sarà per questo che ogni tanto prendiamo la scossa se ci tocchiamo, accumuliamo troppa energia. Per quanto riguarda i cerchi nel grano, sempre il CICAP ci viene in soccorso. http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=101517
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Nono! non prendo per vero tutto quello che leggo, anzi sono molto critico anche verso me stesso, forse leggo molto e quindi ho molte idee! Ho letto il sito che mi hai consigliato e già l'avevo visto in trasmissioni tv, ma il cerchio realizzato in un'intera notte artificialmente è di dimensioni 1/1000 rispetto a certi cerchi trovati in Inghilterra per cui neanche la scienza sa dare una risposta essendo di dimensioni enormi per credere in una realizzazione umana. La scienza ufficiale afferma di poter dimostrare tutto, ma in realtà non spiega proprio un bel niente e lo dimostra il fatto che sempre più scienziati abbandonano l'ufficialità per scoprire altro: Lipton, Conforto, Button e tanti altri... Mi fa ridere il tuo voler smontare tutto, l'altra volta m'hai preso per "matto" e poi dopo un pò scrivi che hai comprato un libro proprio sul video che t'havevo consigliato. Bah! Comunque ognuno ha il suo pensiero ed è bello proprio per questo: io ho solamente scritto il mio, gli altri sono liberi di esprimere il proprio. L'unica cosa che mi dà davvero fastidio è il tono sarcastico e di disprezzo per un pensiero altrui.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Ho iniziato ad affacciarmi alle scienze non ufficiali proprio quando ho scoperto che la scienza ufficiale non mi dava risposte anzi mi diceva che ero nato così e dovevo accettarmi, da lì non mi sono più fidato ciecamente di niente e ho voluto sempre indagare varie strade. E' strano che una persona che ha trovato le cause e i mezzi per risolvere un suo problema in una "scienza alternativa" creda ancora così ciecamente ad una scienza che avrebbe già radiato Nicolosi e chiudo questo blog proponendo l'autoaccettazione. So che a volte vado fuori tema, ma sto indagando molto e vorrei condividere il mio percorso con voi sempre che l'amministratore del blog me lo consenta, se no potremmo fare un altro spazio :-)
MarcoItaly ha detto...
Il mio ultimo post è risultato più "duro" di quanto pensassi. Non volevo essere offensivo con anonimo 27 marzo, mi scuso se cosi appare.
MarcoItaly ha detto...
La scienza ufficiale da spiegazioni scientifiche. Se un dato fenomeno non lo sa ancora spiegare, rimane nel dubbio fino a quando una teoria fornisce scientificamente la spiegazione cercata. Per l'omosessualità, come per tutte le altre questioni psicologiche, ovviamente una spiegazione scientifica non può esistere (esisterebbe se ad esempio si scoprisse un fantomatico gene dell'omosessualità) quindi tutte le teorie che tentano di spiegare tali fenomeni sono teorie "deboli" che tendono, giustamente, a cambiare nel tempo. Non è la scienza ufficiale che dice "si nasce cosi", perchè semplicemente non esiste una scienza ufficiale in psicologia, solo correnti di pensiero e teorie generali e specifiche. Il "si nasce cosi" è purtroppo una ideologia ostentata dalle lobby che non fa altro che insabbiare il dolore di chi vive queste condizioni.
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Figurati! non mi sono proprio offeso, ma non riesco a capire come mai chi fa parte o crede nella scienza ufficiale se la prende quando si aprono nuovi orizzonti!? Forse perchè avrebbero voluto divulgarli loro e quindi non accettano che qualcuno meno finanziato(caso di Bella) possa scoprire qualcosa di rivoluzionario. Non parlo di te(non mi permetterei), ma dell'intero sistema. Cerco di darmi una spiegazione a fenomeni che esistono e che la scienza nega perchè non ha una spiegazione accettabile. Sento sempre più persone che danno per scontato che ogni malattia è collegabile ad un malessere emotivo e vorrei chiedere loro dove hanno appreso questa nozione perchè io sono rimasto alla genetica e anche quando vado dal medico mi parla di virus, predisposizione e varie "stupidate". Mi sembra proprio che tutti "intuiscono" la verità e nessuno parla! Un esempio: una donna alla tv raccontava che aveva perso un figlio e si era ammalata di tumore al seno senza accennare ad un collegamento, anzi affermava la sfortuna di dover affrontare una malattia in un periodo così delicato. Oggi dalla metamedicina apprendo che era proprio la causa: senso di colpa per cio' che e' accaduto a qualcuno verso il quale si ha un attaccamento materno. Comunque prometto che da oggi non mi scalderò più per far valere le mie idee perchè ho capito che è giusto che ognuno mantenga le sue. Ho tratto un grandissimo beneficio dalla metamedicina e da molte di quelle scienze che l'ufficialità deride per cui sono felice e mi basta così! Mi scaldo perchè vorrei far partecipe anche tante altre persone della libertà che dona, ma devo imparare a capire che ognuno ha la sua strada e trova benefici in altre cose. Scusate per la riflessione personale :-)
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Cito una frase di Schopenauer che mi è rimasta: "La verità viene dapprima ridicolizzata, poi ostacolata ed infine accettata come ovvia". Ed è strano constatare che è avvenuto veramente sempre così: Galileo, Bruno e credo personalmente avverrà anche con Nicolosi e la metamedicina.
carlo ha detto...
Io conosco poeti che spostano i fiumi con il pensiero, e naviganti infiniti che sanno parlare con il cielo. Chiudi gli occhi ragazzo e credi solo a quel che vedi dentro. R Vecchioni, Sogna ragazzo sogna!!!! Come disse il maestro ascoltiamo il nostro essere interiore, quello che cì fa crescere ogni giorno nella nostra vera personalità!!!! e cominciamo a vivere sperimentando il nostro essere autentico tra le persone!!!!Baciiiii
fr max ha detto...
La via della Verità è spesso quella che percorre i sentiri più tortuosi, che si ritrova spesso ad andare contro corrente, in dissonaza con quella che è la politically correct....insomma. LA VERITà VA CONTRO CORRENTE..... ....è scritto ma Io vi dico: Amate i nemici e coloro che vi fanno del male; perdonare fino a 70 volte sette; porgere l'altra guancia; farsi piccolo per diventar grande; perdere la vita per salvarla; c'è più gioia nel dare che nel ricevere....Parola di GEsù. MA QUANTO E' DIFFICILE ESSERE FEDELE ALLA VERITA'. Tuttavia questa resta l'unica via per non essere schiavo del primo vento di dottrina che soffia con la moda, le tendenze dominanti, la cultura, le ideologie. Crescere, diventare adulti, persone mature, uomini costa....ma quanto è bello e liberante! Allora attenzione alle strade facili, ai risultati immediati... Un abbraccio Fr MAx
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Sento l'esigenza di ripercorrere tutte le tappe del mio percorso e sono veramente tante... Ho creato uno spazio http://corpopsicheanima.xoom.it sperando di poter fare il punto su dove sono arrivato...
mamma maria ha detto...
Ciao a tutti ragazzi, mamma 30 maggio e Fr Max.... sono stata tre giorni al mare è dallo scorso agosto che non facevo vacanze; ad agosto non sono andata non ne avevo voglia dopo quello che stavo passando da mesi e volevo stare a casa tranquilla, ora mi sono fatta forza e sono stata via qualche giorno, mi sono rilassata anche se il pensiero non è scomparso nemmeno li però il fatto di uscire e non vedere nessuno della solita gente mi rilassava. Spesse volte camminavo per strada, mio marito parlava ma io facevo gli stessi pensieri e nemmeno sentivo cosa mi diceva. Per fortuna che ho trovato un bravo marito che mi sta vicino e mi aiuta tanto e nonostante il figlio non è suo lui dice sempre che anche lui è suo figlio e che lo ama tanto e me lo dimostra giorno per giorno anche perchè mi sta sopportando tanto ma tanto in tutto questo. Bacioni a tutti e vi dirò che anche al mare ho pregato per voi, stavo passeggiando e passando da una Chiesa ho visto un cartello con scritto: se volete dire una preghiera a Gesu' entrate e scrivete su un foglio il vostro desiderio poi una persona con un cero accesso vi porterà all'altare e li ponete il foglio e il cero e pregate. Sono entrata e così ho fatto e ho pregato anche per voi Bacioni vi voglio un mondo di bene
mamma maria ha detto...
Ciao Mamma 30 maggio sto leggendo ora i commenti visto che ero stata via e ho letto che chiamo "MOSTRO" l'omosessualità, termine esatto non ti dico ogni giorno ne sento una e in più vedere tuo figlio fuori di se è una mazzata. Per fortuna che abita con suo padre che non lo sta aiutando anzi gli fa fare quello che vuole gli da soldi e via così lui è libero. Io a 19 anni non avevo fatto le cose che aveva fatto lui, lui che aveva schifo di tutto si vende... brutto dirlo ma in certi locali è così e poi credetemi uno che dice a tutti: hahahah io sono così siete voi che non siete normali noi ridiamo di voi secondo me beve qualcosa perchè non è possibile che ragioni in questo modo... Dio dove sei dove sei dove sei ... aiuta queesti ragazzi per favore e poi quanto vorrei provassero il dolore di noi familiari invece di ridere ... Ciao mamma 30 maggio bacioni e un forte abbraccio
mamma 30 maggio ha detto...
X mamma Maria Maria, ti consiglio di leggere attentamente cio che ci scrive Fr. Max il 24 di Settembre. Ti daró presto la mia mail. Ti sono vicina con il pensiero e con le preghiere.
mamma maria ha detto...
Grazie mamma 30 maggio credimi ho bisogno di parlare con qualcuno con cui fidarsi non è facile e tutti i giorni è sempre peggio non migliora mai ho sempre paura del giorno dopo per sapere altre cose. A volte vorrei sparire sparire sparire ma devo avere forza per continuare anche per una cosa che ti dirò quando ci scriveremo ... Bacioni con tanto affetto Sai non ho sorelle ne fratelli e in te ho trovato una sorella che in questi momenti mi manca tantissimo
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Mamma Maria ti prego non lasciarti travolgere dalla negatività, pensa prima di tutto a te stessa: alla tua salute fisica ed emotiva. Bastano piccoli gesti verso sè stessi per ricominciare a volersi bene e a non permettere che vicende, seppur dolorosissime, ci rovinino la vita. Un abbraccio sincero
mamma maria ha detto...
Caro 27 Marzo ... non è facile ho avuta una vita difficile con il mio ex marito infatti mi sono separata presto e ho tirato grande mio figlio da sola... nonostante con me il mio ex non sia stato carino e non dico altro io lo chiamavo spesso per parlare del figlio e gli dicevo di venire a prenderlo che aveva bisogno anche di lui. Una vita difficile credimi poi tre anni fa ho trovato un uomo straordinario ma dico veramente straordinario sebbene ci si conosceva da vent'anni non avrei mai e poi mai pensato che diventasse mio marito credimi se non ci fosse lui ora sarei già morta e te lo dico con sincerità avrei preferito morire lo so che non è bello dire questo anche nel rispetto di chi è malato, deve morire e non vuole ma io ho sempre pensato questo. Sai lui quando parla di mio figlio dice che è anche suo vorrebbe fare tanto per lui ma dice che lui sa che io ci sono ed è lui che deve chiedere aiuto solo lui deve capire cosa vuole e solo lui può venire fuori da questo schifo di mondo. Dio mi ha tolto mio figlio nonostante tutti i dispiaceri e sacrifici ho avuto anche questa croce che dovro portare sino alla morte. E' da provare ma non lo auguro a nessuno nessuno al mondo e prego Dio di far cessare queste brutte cose lui ha creato la donna e l'uomo e così deve essere il mondo come LUI ha voluto.... Grazie di cuore
mamma 30 maggio ha detto...
27 marzo Complimenti per lo spazio che hai creato e per il coraggio ed altruismo che dimostri nel condividere la tua storia. Sono certa che sarai d´aiuto a molti ragazzi. Spero che altre persone seguano il tuo esempio. Ti ringrazio di cuore
mamma maria ha detto...
Complimenti per lo spazio che hai creato sei un ragazzo straordinario ... Ti auguro di cuore di trovare tanta felicità si dice che dopo la sofferenza che a volte serve per maturare arriva la felicità e perchè non deve arrivare per tutti noi del forum?????!!!!!!!!!!!!! Ti prego Madonnina cara aiutaci tutti ....
fr max ha detto...
Ragazzi cari, Pace a tutti. Allora? E' da un po' di giorni che vedo e sento poca vitalità nel blog. Come mai? Un torpore leggero sembra aver preso piede. Continuiamo a condividere e a gustare la gioia dello stare insieme, del crescere, del comunicarci, del consegnarci. Siamo prossii alla festività di San Francesco il 4 ottobre e sulle orme del poverello di Assisi chiedo per ciascuno la Passione di un Amare com' è stato quello di Francesco, con tutto il cuore , con tutta l'anima e con tutte le forze. Vi voglio veramente bene e ringrazio Dio per ciascuno di voi. Forza Fr MAx
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Mamma 30 maggio grazie mille, devo ammettere che l'ho fatto soprattutto per me stesso, però mi farebbe molto piacere se fosse d'aiuto anche per altri :-)
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Ero troppo felice per esserci riuscito ed oggi mi ritrovo che mi si è cancellato tutta l'homepage del sito, ho chiesto a virgilio se si può recuperare, ma non credo... Aiutoooo ore e ore di lavoro buttate così...
andreabz ha detto...
Un saluto a tutti , nella festa dei S.Angeli Custodi. Ho quasi 30 anni, e da vari anni il Signore ha cominciato con me il cammino di liberazione dalla schiavitù. Ora sono felice, e ho conosciuto la Gioia. Ovviamente bisogna sempre camminare ed essere vigilanti, perche', come dice San Pietro,"il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare. Resistegli saldi nella fede". Volevo stasera solo mettere in guardia, con piu' carità possibile, dalla metamedicina o affini e da ogni forma new age dove si parla di energia, si divinizza la psicologia, e si portano avanti autentiche castronerie come quella che vorrebbe far derivare i tumori dalla psiche. Ricordo a tutti i cattolici( e anche ai fratelli non credenti, se non si offendono per la "paternale" non cercata..)che il new-age non è altro che del satanismo mascherato ; si sostiuisce all' unico vero Dio una fantomatica "energia", si fanno tante adorazioni di idoli, e ci si attira tanto, ma tanto di quel male che non ve lo immaginate neanche. Tanta gente finisce dall' esorcista, in seguito. Occhio dunque al new-age e alle "medicine alternative". Al gruppolot potranno bene informarvi su tutto questo, dato che uno degli "ispiratori", il professor Tarcisio Mezzetti", e' un grande uomo di Dio che ha scritto vari libri sull' argomento. Che la Vergine Santa, che schiaccerà la testa al cane infernale, ci assista sempre, e ci ottenga da Gesu' ogni benedizione. Andrea
mamma 30 maggio ha detto...
X mamma Maria Come promesso eccoti il mio mail: corri.lola@hotmail.com Ti abbraccio
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo Io ho stampato quasi tutto per farne la traduzione. Se posso esserti d´aiuto volentieri
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Grazie mille, ma per fortuna li ho salvati anch'io solo che c'avevo messo ore ad inserirli, adattarli al sito e nell'aggiornare la pagina boom: eliminato tutto! Mi hanno risposto che non possono recuperare nulla (c'avrei giurato :-(), ora non so se inserire di nuovo li o cambiare perchè virgilio non mi pare molto sicuro e anche tanti altri utenti hanno avuto lo stesso problema più volte... Grazie comunque
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Ho chiesto spiegazioni a virgilio e m'hanno detto che inserendo troppo testo c'è la possibilità che il sito vada in tilt e si svuoti, e così è successo... Per evitare di inserire di nuovo e fra 2 giorni ritrovarmi da capo come ora, l'ho creato su blogfree: http://corpopsicheanima.blogfree.net
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Oggi mi sono venuti in mente molti ruoli gay nei film e sembra proprio che i registi ne sappiano molto di più degli psicologi sull'omosessualità. Un esempio fra tutti lo si ha in Dawson's creek: "Jack vive una realtà familiare difficile: si è trasferito con la madre e la sorella perchè il padre ha abbandonato la famiglia. La madre sviluppa dei disturbi mentali e la stessa sorella è instabile. Dopo una breve relazione con Joey capisce di essere omosessuale. Alla morte della madre, torna il padre, ma lui serba ancora lo stesso profondo odio di quando anni fa l'ha abbandonato e solo alla fine del telefilm riescono a ricostruire un rapporto: sarà ancora gay jack?" Con tutti i protagonisti che ci sono nel telefilm guarda caso il gay ha una situazione familiare che è descritta da Nicolosi come la classica triade che porta all'omosessualità. O il regista ha letto Nicolosi prima di girare il film o si è ispirato alla realtà o conosceva benissimo da sè le cause dell'omosessualità. Anche voi avete notato che molti protagonisti gay dei film rispettano alla lettera le teorie di Nicolosi? Ma allora quest'ultimo deve ai registi americani le sue scoperte e invece le fa passare come sue, accidenti questa non me l'aspettavo proprio... ahahah
MAMMAMARIA ha detto...
GRAZIE MAMMA 30 MAGGIO ORA LA STO CREANDO ANCHE IO COSI' TI SCRIVO SCUSA MA ESSENDO UN SOLO COMPUTER HO PAURA CHE MIO FIGLIO LEGGA LA MIA POSTA QUANDO VIENE QUA E NON CI SONO QUINDI PREFERISCO CREARE UNA MIA POSTA CON UN CODICE IN MODO POSSA LEGGERLA SOLO IO GRAZIE DI CUORE E PRESTO TI DIRO' UNA COSA MOLTO BELLA CHE NON RIGUARDA OVVIAMENTE MIO FIGLIO PERCHE' SE FOSSE QUELLO LO GRIDEREI A TUTTI UN FORTE ABBRACCIO TI VOGLIO UN MONDO DI BENE A TE E A TUTTI I RAGAZZI FANTASTICI CHE CI STANNO VICINO
marcoItaly ha detto...
Per anonimo 27 marzo Ora non mi vengono alla mente film o fiction particolare, ma ti devo dare ragione, effettivamente il ruolo del gay sovente è descritto con problemi familiari.
carlo ha detto...
27 marzo!!! complimenti per il tuo blog!!!!!!!! La tua storia è molto simile alla mia e a quella di persone che come noi per molto tempo hanno soffocato la propria mascolinità, forse perchè pieni di paure e di traumi antichi avrebbero voluto vivere la loro "non vita" nascondendosi sotto coperte e coperte. Questo perchè a questi poveri persi mai nessuno gli ha insegnato a vivere da UOMINI!!!! Ma alla maturità si arriva da soli!!!! sei ancora giovanissimo caro fratellino, ma da come scrivi hai veramente tanta personalità proiettata in un puturo positivo!!!!! La vita bisogna affrontarla!!!! e da quando l ho capito ogni giorno per me è un regalo di DIO che mi permette di sperimentarmi nella realtà!!!!!! Il mio percorso al mio vero Io è stupendo e sono felice !!!!! adesso non potrei dire più di essere omosessuale o bisex ma mi sento uomo all 80 per cento e durissima vivere e sperimentarsi per come si è realmente dopo tanti anni di ORRENDE MASCHERE!!!!! ma finalmente oggi a 38 anni tondi tondi posso dire che vorrei e desidererei tanto avere una moglie vicino con tanti bambini!!!!! e non più sottomettermi a uomini più grandi perchè ero l ho capito anche io alla ricerca nel modo sbagliato della mia mascolinità!!!! stasera mi sento ancora piu uomo e persona reale!!!!! 27 marzo complimenti a te!!!! saluto mamma Maria Mamma 30 maggio e gli altri!!!!
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Pochi giorni fa sono venuto a conoscenza che una mia maestra delle elementari si è tolta la vita. Ricordo che il passaggio dall'asilo alle elementari fu traumatico per me, ma grazie soprattutto a lei, che mi aveva preso a cuore vedendomi molto sensibile, riuscii ad ambientarmi al nuovo ambiente. Credo che per me sia stata un ponte, un tramite tra mia mamma e la scuola: è grazie a lei se sono riuscito a sopportare la separazione materna per così tante ore al giorno. Era una maestra-mamma, non essendo sposata, credo ci vedesse come suoi figli, ricordo ancora come fosse ieri quando se facevamo i bravi distribuiva caramelle buonissime. Poco tempo fa parlavo proprio del bel ricordo che conservavo di questa maestra ed oggi sono qui a scrivere piangendo queste righe. Mai mi sarei aspettato che fosse tanto disperata da compiere un gesto simile e sto male al sapere di non aver potuto fare niente, di non averla potuto abbracciare e dirle che si può sempre rinascere anche se ci sembra di avere ormai toccato il fondo, che niente valga più la pena di vivere e se i colori non raggiungono più il nostro cuore. Ho pregato affinchè la sua anima possa ritrovare la strada della pace e dell'amore. Resterai per sempre nel mio cuore e negli occhi di quel bambino che ti ha voluto bene come ad una mamma.
Anonimo ha detto...
salve a tutti... sono nuovo del forum ma vi leggo da un pò.. mi trovo nella vostra stessa situazione e vorrei qualcuno con cui parlare di questa cosa perche mi sento solo... molto solo. Ho provato tante volte a cambiare ma dopo 2 settimane cedo... è piu forte di me...e poi soffro però. io penso che se rimanessi in contatto con qualcuno che come me vuole guarire riuscirei ad avere la forza di non mollare.. aiutandoci a vicenda. posso lasciare il mio contatto msn?
mamma maria ha detto...
Ciao Carlo sono felicissimaa per te e in ritardo ti faccio tanti auguri .... Spero tu possa trovare presto la gioia di una famiglia credi è stupendo e non è mai troppo tardi per avere figli... ti voglio tanto tanto bene ....
mamma maria ha detto...
PER L'ANONIMO 4 OTTOBRE... siamo qua per aiutarti sfogati pure, parla con noi e anche i ragazzi vedrai che ti saranno d'aiuto... forza e coraggio sii forte e affronta tutto ti sentirai una persona diversa in tutti i sensi bacioni bacioni
MAMMA MARIA ha detto...
CARO ANONIMO 4 OTTOBRE VORREI RICORDARTI UNA COSA IMPORTANTE.... non sei solo con noi e ricorda che non lo sei mai stato io sono mamma e ti posso garantire che la mamma non lascia mai solo il proprio figlio, a volte le situazioni ti fanno arrivare a pensare che lei ti lascia solo ma nel suo cuore ci sei sempre più di prima, ovviamente il suo cuore soffre se ci sono situazioni particolari ma c'e' sempre sempre sempre .... un fortissimo abbraccio da MAMMA MARIA
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Anonimo 4 ottobre, anch'io all'inizio del percorso pensavo che dovevo combattere le mie pulsioni omosessuali e puntualmente ci ricadevo, fino a che con immensa felicità ho capito che non dovevo odiarle, ma capirle. E credimi quando avrai portato tutto al conscio, scompariranno come per magia e non dovrai più fingere di essere maschile perchè la vera essenza del sesso a cui appartieni emergerà spontaneamente, senza fare nulla... La 1^ volta ti accorgerai stupito che anche quando sei solo con te stesso il tuo agire sarà maschile (nel mio caso) e privo di attrazioni omosessuali.
Anonimo ha detto...
Per l'anonimo del 4 ottobre. Ciao, anche io credo che sia fondamentale non sentirsi soli, per questo se vuoi scrivere, questo è il posto giusto, troverai molte persone che ti ascoltano e ti consigliano. Se vuoi un contatto personale con qualcuno che sta vivendo la stessa tua situazione, scrivi pure a gio0357@virgilio.it Giovanni
Anonimo ha detto...
Per l'anonimo del 27 marzo. Interessantissimo il tuo intervento. Mi piaceebbe approfondire il percorso che hai fatto per arrivare a capire quello che affermi. Anche io ci sto provando è ho capito che bisogna andare alla radice. Mi aiuteresti con esempi concreti. Grazie. Giovanni
Anonimo ha detto...
Ciao a tutti ragazzi, ho bisogno di un po' di conforto da parte di chi ha sperimentato un cambiamento nella propria vita e che può quindi consigliarmi su alcune cose. Il mio indirizzo msn è robbie011985@live.com.... Vi aspetto e grazie di cuore :-)
carlo ha detto...
Fondamentalmente per noi che non cì siamo mai accettati per quello che eravamo, dovrebbe essere in quanto molto motivati, una cosa abbastanza tranquilla uscire dalla mai accettata nostra ex omosessualità!!!! Durante quel periodo mi rivedo come un essere senza vita,dotato da una personalità"arrendevole" , come disse lo psicoanalista Masud Khan parlando della personalità dell omosessuale.Ero una persona timorosa di affrontare le persone, ma sopratutto se stesso, abituato a non far dispiacere gli altri come facevo con mia madre da bambino e per un periodo da adulto. Bisogna rimboccarsi le maniche e ricominciare a vivere, ma nel modo vero, vivere sinceramente e realmente, essere finalmente se stessi e dare sfoggio della propria ricchezza interiore!!!!!. I primi tempi che ho cominciato il mio percorso di sviluppo interiore sono stati i più tosti anzi tostissimi, penso è stato come per i tossicodipendenti smettere di farsi!!!! cercavo di prolungare i periodi di compulsività masturbatoria ed è stata una vera e propria dolorosa e difficile astinenza ma, questo fù anche il periodo che mi mise più in contatto con me stesso e fu questo il periodo che capii che masturbandomi con fantasie di altri uomini volevo riallacciare una figura paterna e, allo stesso tempo la masturbazione mi serviva come anestetizzante a ferite del passato, a traumi antichi che non volevo pensare!!!! In quel periodo mi furono utili libri di Nicolosi, di Risè, di Khan, letture di Freud, la scoperta di questo blog. Inoltre già ero in psicoterapia da 2 anni quando ho cominciato anche con il mio terapeuta ( psicodinamico ) a parlare della mia mal voluta omosessualità, anche perchè già in quel perieodo non sapevo chi ero realmente, ero confusissimo, facevo sesso con altri uomini ma appagavo solo i loro piaceri. Da ciò in analisi capii che dovevo avere più rispetto per me persona che avevo sempre calpestato, ho cominciato a fare sport, a cambiare atteggiamenti con amiche donne, a cercare amicizie maschili sane, e dopo qualche tempo ad avere interessi fisici e mentali per le donne!!!! che sono penso la cosa più bella al mondo!!!! l unica cosa che mi manca in questo momento e ancora tanta fiducia in me stesso e sono timido ad affrontare una donna non come amica ma nel modo che vorrei... invitarla a cena , a una passeggiata, quando sono con una ragazza che mi interessa sono impacciatissimo!!!! forse perchè non mi capita più di uscire con una donna che non sia un amica da più di 10 anni... comunque mi sto adoperando ad affrontare anche questa situazione!!! Notte a tutti e vi voglio un gran bene sempre!!!!!!!!
Anonimo ha detto...
salve ragazzi... io sento di avere tutto il materiale per uscirne.. o meglio, ho capito affondo il problema... questo grazie a internet che mi ha aperto gli occhi. ma non capisco perche ancora non cambio.. forse perche è difficile da soli riuscire a guarire le ferite. forse perche è dall altra parte che si deve muovere qualcosa.. a cominciare da mio padre, dai miei coetanei maschi. solo così credo che riuscirei ad acquistare piu sicurezza nel mio sesso e piu fiducia nei maschi. è difficile però.. adesso ho pure cominciato a cambiare nei confronti delle ragazze perche per loro ero un confidente...si sfogavano con me quando litigavano con i propri ragazzi... questo perche non mi vedevano come un uomo.. secondo me è il primo sbaglio che facciamo.. le ragazze non devono vederci come amiche del cuore.. devono sentire la differenza che siamo maschi....kmq voi avete fatto progressi?
Davide ha detto...
Voglio dire che la tempesta ormonale omosessuale non mi disturba da quando , anni fa, ho cominciato a non masturbarmi piu'. L'acqua cosi' e' piu' limpida, meno torbida, come quando le acque son ferme e le polveri si posano, piano piano. Altro passo fondamentale: la preghiera, un'ora in silenzio, ogni giorno, dediacata al Signore, come se fossi in adorazione, semplicemente in silenzio, ma quell'ora e' dedicata a Lui. Terzo: le letture: Nicolosi, Aadweg, ecc. Non e' facile ma ogni passo in avanti e' il massimo del piacere.
mamma maria ha detto...
PER ANONIMO DELL'OTTO OTTOBRE... Ciao carissimo sono mamma di un ragazzo e ti prego se hai scritto vuol dire che tu vuoi cambiare quindi cerca di farlo con tutte le tue forze con tutto il cuore e prega che Dio ti aiuta in questo. Vedrai che sarai felice perchè avrai tanto amore cosa che ora penso tu non abbia perchè è una vita che alla fine non ti dà altro che sofferenze; sembra tutto bello e solitamente voi dite: sono felice così!!!!!!!!!! Ma che felicità è quella alla fine cosa ti rimane???????????? Pensaci e forza che hai già fatto un grande passo a scrivere lo so sarà dura e lo dico perchè anche io ho sentito questi meravigliosi ragazzi nel loro percorso e hanno sofferto ma dopo la sofferenza anche per voi c'e' la felicità... Un forte abbraccio da Mamma Maria
VALERIO ha detto...
Ragazzi leggo sempre il blog anche se ho lasciato poche testimonianze. Forse è solo un imbarazzo mio, ma il fatto che alcune madri, seppur brillanti e di cuore,abbiano un ruolo cosi'attivo di supporto nel blog mi dispiace un po' perchè dobbiamo coltivare la nostra identità maschile tra di noi, è preziosa! e se un ragazzo è gay lo è necessariamente per la relazione con la madre.. Io ho fatto i passi da gigante di oggi quando ho permesso al suo riflesso,nei miei pensieri e parole di partire, e lasciare emergere l'uomo che amo (io) Vi abbraccio, FORZA
Anonimo ha detto...
Io credo che i percorsi verso l'omosessualità possano essere innumerevoli, anche se è vero che ci sia un minimo comune denominatore come ci insegnano gli psicologi. Tuttavia, quando sento parlare di rapporto tormentato con il padre, faccio fatica a ritrovarmi in questa descrizione: il mio rapporto di infanzia con mio padre è stato del tutto normale, giocavamo insieme ecc...Semmai sono sempre stato più attaccato alla mamma, ma non diversamente da altri miei amici etero piuttosto mammoni! Quindi credo che il quadro familiare sia sì importante, ma a volte non determinante. Piuttosto nel mio caso, è stato il senso di inadeguatezza che avvertii in seguito a diversi rifiuti da parte di più ragazze di cui mi ero invaghito/innamorato in età adolescenziale. Ciò mi portò a frustrazione e a sessualizzare verso i maschi (come un ripiego) il mio bisogno di affetto. Qualcun'altro in situazioni simili? Un abbraccio a tutti!
mamma maria ha detto...
Ciao Valerio come vedi il mio ruolo non è più così attivo visto quello che scrivi, per me è stato un modo per capire anche mio figlio e parlare con questi favolosi ragazzi mi ha aiutato moltissimo. Vi saluti ragazzi un bacione a tutti Marcoitaly, , 27 Marzo, Carlo, Ilaria, Fr Max e tutti quelli che non ho elencato Vi voglio tanto bene
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Capisco le parole di Valerio, tanto che ho dovuto mettere dei limiti a mia mamma perchè a volte quasi vorrebbe prepararmi la cartella come fossi alle elementari... Ma le mamme che scrivono nel blog possono solo che aiutarci perchè possiamo capire che il dolore non è solo nostro, ma di un'intera famiglia. Stimo queste mamme che hanno voluto indagare a fondo per capire davvero il problema e non si sono limitate ad accettare o rifiutare passivamente i figli: hanno voluto capirli coscienti del fatto che sono frutto delle dinamiche familiari e non caduti dal cielo! Dall'altra parte mi farebbe molto piacere che ci fossero anche dei papà perchè è lì che ho un vuoto e mi rendo conto che non so neanche come ragiona un padre di famiglia...
carlo ha detto...
" Quando faretedei due ( esseri ) uno, e farete l interno come l esterno, e l esterno come l interno, e l alto come il basso. E se farete il maschio e la femmina in uno perchè il maschio non sia più maschio e la femmina non sia più femmina, entrerete nel regno dei cieli". Vangelo apocrifo di Tommaso
carlo ha detto...
Mamma Maria cara!!!! sei di grosso aiuto a noi tutti, come anche tu, Mamma 30 Maggio!!! Motivo dei nostri blocchi come la pensano psicologi e psicoanalisti è il fatto di aver avuto mamme che hanno reso difficile il rapporto con le donne, cosa che vorremmo ma non riusciamo ad avere, oppure cominciamo ad aprirci adesso alle donne ma con grosse difficoltà. La maggior parte di noi non abbiamo ricevuto dalle madri, quel rispecchiamento narcisistico che porta alla sicurezza di base in se stessi: la sicurezza di poter piacere alle donne. Questo rispecchiamento non viene dalle madri come sono state quelle della maggior parte di noi, madri intrusive e possessive, il rispecchiamento giusto arriva da madri che ammirano ed esaltano la seduttività, la bellezza e la capacità di autonomia del figlio. Mamme restate con noi !!!! Vi voglio bene. Spero la mia bisessualità evolva sempre meglio nella sempre più vicina eterosessualità!!!!!
mamma maria ha detto...
Certo non vi abbandono Carlo anzi ti dirò che io parlando con voi ho capito gli sbagli che posso aver fatto con mio figlio; forse l'ho amato troppo, gli ho dato troppo e sono stata troppo per lui e per colpa mia si ritrova così. Ho dei sensi di colpa credimi ma prego tanto che Dio lo tolga da tutto questo e abbia schifo di quello che fa. E' brutto dire la parola "schifo" ma la penso così.. Bacioni e forza Carlo prego per te e tutti Bacioni
marcoItaly ha detto...
Per Valerio Io non mi sento in imbarazzo a causa delle mamme del blog, non sono invadenti, sono qui solo per capire meglio anche i loro figli e per aiutarci. Per l'anonimo del 11 ottobre Sono d'accordo con te, le "strade" non sono tutte uguali, la psiche è talmente vasta che una teoria, seppur brillante ed innovativa, non può coprire tutti i casi ma ad esempio può comunque combaciare con la nostra storia da angolazioni diverse. Anche io, ad esempio, credo che sia il senso di inadeguatezza ad essere prevalente ma, a differenza tua, è rivolto verso i maschi e non causato da rifiuti femminili.
carlo ha detto...
Grazie Mamma Maria e fatti sentire ancora che sei molto d aiuto al blog!!!! Negli ultimi giorni penso proprio di essere stato sempre bisessuale, in quanto come tutti i miei amici bisessuali ho sempre rifiutato una relazione monogamica, in quanto avrebbe potuto escludere l alternanza tra un sesso e l altro e avrebbe comportato l impegno per una sola persona. La mia paura a stare con una donna in modo continuativo era anche la paura di formare una famiglia!!!! Adesso sto diventando Padre di me stesso e ho tanta voglia di una donna d amare e di paternità!!!! Saluto tutti
mamma 30 maggio ha detto...
X 27 marzo, Carlo e Marcoitaly Mi avete davvero commossa con i vostri commenti, grazie ragazzi. Anch´io vi voglio un mare di bene e provo una grande stima per voi, per il vostro coraggio e la forza che dimostrate, tuttavia credo che Fr. Max abbia ragione, voi avete bisogno della figura e della approvazione maschile. É giusto inoltre rispettare coloro che provano disagio per la nostra presenza: questo é il vostro spazio ed é corretto che sia cosí. Magari ogni tanto faró capolino nel blog, ma questo si: siete e sarete sempre nelle mie preghiere di tutti i giorni. Anch´io come 27 marzo desidererei tanto leggere il commento di un padre. Papá, ma dove siete? Vi abbraccio e forte: siete i miei eroi!!
mamma maria ha detto...
Ragazzi voglio chiedere a mio marito di provare entrare e messaggiare con voi che siete speciali e che avete bisogno di consigli maschili, mio marito è un tesoro di uomo e mi spiace che mio figlio non voglia ascoltarlo in questo momento, è vero non è suo padre vero ma so che lo ama tanto come lo fosse e lo ha dimostrato in tante cose anche quando lo rimproverava non batteva ciglio anzi sembrava contento dei suoi rimproveri Oggi ho letto della mamma che preparava ancora la cartella mi sono sentita in colpa perchè io con mio figlio ho fatto così e forse ho sbagliato a stargli troppo addosso soffro tantissimo per lui ma tantissimo e vorrei capisse che quel mondo non gli darà felicità che crede Notte a Tutti vi voglio bene
PAPA' ha detto...
Ecco un uomo che vi ascolta.... fatemi un po' di domande o chiedetemi qualcosa ragazzi sono nuovo e vorrei capire cosa devo dire Papà
marcoItaly ha detto...
Effettivamente una presenza di qualche papà non sarebbe male... comunque, mamme, che vi chiamiate Maria o "30 maggio" o altro, continuate a scrivere! E' un bel percorso che stiamo facendo insieme, sarebbe un peccato interromperlo.
mamma maria ha detto...
Ciao Marcoitaly sono mamma Maria sempre più disperata mio figlio è preso al massimo da questo mondo sembra diventato adulto un pochi mesi e prima aveva paura della sua ombra e vergogna di tutto. Ma anche tu odiavi tua mamma??? Nel senso che lui prima era molto sensibile ora invece se mi vede piangere ride a lui non gli importa nulla e poi prende il cell e messaggia sembra che qualcuno dall'altra parte gli dica come comportarsi. Comunque sono tutte persone adulte Bacioni Ti voglio bene
Mamma 30 Maggio ha detto...
Ciao ragazzi, cercheró anch´io di far rispondere mio marito alle voste domande... mi fa piacere vedere che la nostra famiglia cresce! Ad ogni modo vorrei ascoltare l´opinione di Fr. Max che é rimasto molto silenzioso in questi giorni.
fr max ha detto...
Ragazzi, PAce a voi. Scusate l'assenza ma per motivi importanti tutta la mia attenzione, in queste ultime setimane, è stata rivolta ad un momento prezioso che ha segnato per sempre la mia vita: la mia ordinazione Diaconale. Nonostante tutto però siete stati presenti il giorno dell'ordinazione in quanto vi ho portati tutti nelle mie preghiere. Sappiate che anche la vostra presenza è stato un contributo importantissimo nel mio discernimento verso questo grande passo. Come vedete siete preziosissimi. La vostra vita è preziosisissima è mio unico desiderio è poter essere strumento vivo nelle mani di Dio, a servizio suo in questa Chiesa così tanto criticata e attaccata ma nella quale Gesù Cristo continua a scegliere di rendersi presenza viva attraverso i suoi ministri, la sua Parola e nei sacramenti. Spero pian piano di rileggere tutti i vostri interventi e riuscire a donarvi il mio affetto fraterno attraverso le mie povere parole. Un ringraziamento speciale al Primo PApà che ha scritto sul Blog: che spettacolo sentirti! Sarebbe Bello se ci parlassi un po' di te e se ti facessi sempre più presente, caro Papà: "C'è bisogno di te". Vi Benedico tutti da Neo Diacono e vi abbraccio fraternamente da fratello di sempre. Fr MAx
marcoItaly ha detto...
Per il papà benvenuto tra noi e grazie se vorrai dedicarci un pò della tua presenza!! Per mamma Maria Ciao! Penso sia normale che tuo figlio, in questa fase iniziale, sia "preso al massimo". E' come affacciarsi in un luogo illuminato, dove tutto sembra rispondere alle tue esigenze, dove trovare una risposta ai propri dubbi... spero si renda conto anche lui che non è tutto oro quello che luccica. Io non ho mai odiato veramente mia mamma, è da un pò di tempo che ne sono diciamo infastidito, sto cercando sempre di più di rendermi autonomo ma non è facile far coincidere tutte le esigenze... Non è un bellissimo periodo questo per me, sto rivivendo vari episodi della mia vita, sto cercando di capire sempre meglio... non è facile, soprattutto perchè a 20 anni vorrei tanto avere degli amici, essere in una compagnia e, adesso, essere insieme a una ragazza... ma sto scoprendo di avere paura a cercare queste cose! Poco tempo fa sono uscito con dei ragazzi che conosco dopo tanto tempo, potevo entrare nella loro compagnia... eppure non ci sono più uscito dopo quella volta, non mi sento ancora pronto evidentemente. Per mamma 30 maggio Ciao anche a te! Per Fr MAX Bentornato nel blog e complimenti per il passo decisivo che hai fatto! Siamo noi che ringraziamo te per tutto l'aiuto che ci dai, anche se non ti ringraziamo abbastanza (parlo per me.).
carlo ha detto...
Frate Max complimenti vivissimi!!!! Mamma Maria e 30 Maggio restate sempre presenti!!!! siete di grosso supporto a noi tutti, e vi vogliamo un gran bene!!!! Ho saputo di un papà e mi fa molto piacere di sapere che esista un padre nel blog!!! Oggi sono stato in terapia!!! Ho capito una cosa importante grazie alla mia analisi, che nella psicoterapia dei bisessuali ( mi reputo bisessuale in quanto mi interessa la donna e un tempo anche l uomo, anche se i miei rapporti omosessuali erano pieni di sensi di colpa e non mi hanno mai appagato!!!!! mi sono sempre immaginato felice con una donna, ma ogni volta che cominciavo una relazione etero mi sentivo soffocato, in quanto mi sentivo privato di libertà, e mi rifugiavo nei più semplici rapporti secondo me squallidi toccata e fuga omosessuali). Tornando alla cosa importante che ho capito è che nella psicoterapia dei bisessuali l obbiettivo più importante è quello di rendere consci e tollerabili gli impulsi omosessuali. Se un uomo con un forte orientamento bisessuale come il mio può attraverso la terapia e lavorando su se stesso vivere una vita eterosessuale poco turbata dalla spinta omosessuale, che bisogna accettare come parte di sè. Ho capito che il bisessuale che sceglie una vita esclusivamente eterosessuale può raggiungere un certo equilibrio solo se acquista la capacità di accettare consapevolmente le sue fantasie e i suoi impulsi omoerotici, nonchè quella di gestire il desiderio di passare all atto. Marcoitaly vedrai che presto farai vere amicizie come la nostra!!!! Abbraccio tutti!!!!
carlo ha detto...
Caro 27 marzo complimenti per il tuo blog!!! la tua storia è molto simile alla mia!!!! penso comunque che dobbiamo essere fieri dei fantastici genitori che abbiamo!!!!il loro difetto è quello di essere stati mamma troppo protettiva e presente e padre fragile sotto l ombra materna!!! buona vita per il tuo ingresso in facoltà è bella la vita da universitario, cerca di divertirti studia e fai tante amicizie!!!! in biblioteca solitamente è il luogo giusto per fare belle amicizie soprattutto con ragazze carine!!!! In bocca al lupo!!!
fr max ha detto...
PAce a voi. Grazie a tutti per la vicinanza. Volevo dire a MArcoitaly che apprezzo la sua vicinanza e gli sforzi che sta facendo per camminare. La mia porta è sempre aperta e le le mie braccia sempre pronte ad accoglierlo e a servirlo come Cristo con i suoi discepoli nell'ultima cena, dove da maestro si è abbassato a lavare i loro pedi. Io sto caro MArco alla porta e attendo. Invece a Carlo vorrei sotttolineare, al di la della correttezza del cammino che sta portando avanti, solo una precisazione: la bisessualità non è un terzo genere sessuale (idea molto diffusa). Probabilmente vorrai dire che nella tua esperienza di vita affettiva ti stai ritrovando a vivere accanto al tuo orientamento eterosessuale una pulsione omosessuale; ma non è la definitività! Quanto più crescerà la stima profonda verso di te, oltre all'accoglienza profonda del tuo dolore scritto nella tua storia, tanto più il desiderio pulsionale tendera a calare. Non siamo stati creati col doppio binario! Un abbraccio a tutti. Fr Max
marcoItaly ha detto...
Per Carlo. Lo spero... certe volte mi sento cosi solo!!! Vado a farmi un giro in piazza e vedo tutti questi ragazzi in gruppi, le coppie che passeggiano insieme... e io sempre solo come un pirla... è cosi deprimente... ripensando a quando ero più piccolo (non è che da piccolo fossi in chissà quali compagnie...) ricordo che non mi pesava più di tanto il fatto di essere da solo. Ora invece ci penso di più.
mamma 30 maggio ha detto...
X Marcoitaly Alla tua etá si vorrebbe sempre mangiare il mondo in un solo boccone, ma in tutto ci vogliono tempi ben precisi. Bisogna risolvere le cose una alla volta con calma e pazienza. Cerca di trovare la serenitá per mettere ordine in questa tappa della tua vita senza angustiarti per cose che risolverai piú avanti ne sono certa. Appena ti stai affacciando alla vita, hai tutto il tempo del mondo. So che la fretta é una caratteristica della tua etá ma ció che si risolve bene si risolve definitivamente poi si puó chiudere il capitolo ed iniziarne uno nuovo. Tutto arriva nel momento opportuno. Ti abbraccio
Papá Pablo ha detto...
Ciao ragazzi, sono un papá di un´altra latitudine intrappolato dalla frenesia degli affari che mi lasciano purtroppo poco tempo per capire lo sviluppo di mio figlio e che mi costringono a rimanere spesso assente. Ma sono convinto dell´importanza del ruolo del papá nella convivenza famigliare e della necessitá di avvicinarsi ai figli. Ho conosciuto il vostro forum e credo che la partecipazione dei genitori maschi sia anche molto importante, per cui sarei interessato a collaborare con i miei commenti ed esperienza per condividerla con voi. Mi congratulo con tutti voi e con Frate Max per questo forum cosí trascendente nella ricerca della vera identitá di questi ragazzi e di mio figlio. Cercheró di rimanere in contatto, sopratutto il fine settimana offrendovi la mia esperienza e cercando di capire la vostra. Saluti papá Pablo
marcoItaly ha detto...
Per Fr MAX Grazie, lo dico veramente! E' un periodo un pò difficile questo, sono un pò in confusione, ho mille cose in testa e non ho forse ancora ben chiaro il mio percorso. Più di tutto forse a bloccarmi è la paura e la mancanza di amici della mia età... e ho anche dubbi sempre inerenti la fede... anche se mi allontano, non riesco a non pensarci completamente, è come se mi mancasse qualcosa, non so come spiegarlo... Per mamma 30 maggio Lo so che ci vuole calma ma sento che devo cambiare perchè sono stanco di questo immobilismo. Spero di riuscire veramente a maturare di più...
carlo ha detto...
Caro frate Max certo che non siamo un doppio binario ma giuro che, per un periodo lungo della mia vita non mi sentivo ne carne e ne pesce, a volte volevo addormentarmi e risvegliarmi donna, altre volte avevo relazioni con ragazze ma dopo poco ero stanco e mi sentivo privato della mia libertà!!!! Ho sempre amato le donne ma, non ho mai avuto il coraggio di creare relazioni stabili con loro, era più semplice vivere la mia compulsività omosessuale e avere squallidi rapporti omosessuali senza senso e pieni di sensi di colpa!!!!!. Quante volte in luoghi di incontro orrendi come saune, cinema a luci rosse, messaggerie,giardini pubblici, mi è capitato di incontrare un gran numero di insospettabili, quasi sempre sposati, che conducono una doppia vita. I taselli li sto riordinando dal momento in cui ho rielaborato il mio rapporto con i genitori, e il concetto attuale che ho di me stesso!!!! Spero gli impulsi che non accetto scompaiano definitivamente per vivere sereno!!!! Bserata
mamma maria ha detto...
Benvenuto tra noi papà Pablo
Papà Fede ha detto...
Ciao a tutti i componenti del blog. Per tutti coloro che hanno rivendicato la presenza maschile nel blog.. posso dire che ci sono anch'io. La mia storia è molto simile a quelle delle mamme del blog o dei genitori di voi ragazzi. Sono un papà, ovvero un padre putativo che ha un figlio a cui voglio veramente bene e che si è dichiarato omossessuale. Agli inizi ho pensato che tutto sommato non c'era nulla di male in questo anche se ho cercato di capire se il tutto poteva essere frutto di un percorso di maturità sessuale (non aveva mai avuto un rapporto sessuale ne una relazione con una ragazza)Poi ho scoperto la sua trasgressività nel rapporto con gli uomini e questo non lo ho accettato. Lo ho rimproverato severamente per i suoi comportamenti, lo ho anche confortato nei momenti in cui manifestava disagio emotivo. Un giorno gli ho anche detto tu sai che hai dei problemi perchè quello che fai non ti dà felicità e sai che ne devi parlare con persone che non sono ne i tuoi amici ne tantomeno i genitori perchè non possono essere imparziali, prima dai il là alla cosa è meglio è per te stesso. Per il momento tutto è fermo e tante volte mi chiedo cosa posso ancora fare???? Chiedo a voi ragazzi cosa vi aspettereste da noi genitori?? Buona notte a tutti ci sentiamo presto Papà Fede
Anonimo ha detto...
Buona sera a tutti! Un pò assonnacchiato stasera..ho cercato su google una domanda che mi assilla d aparecchi anni...DA GAY SI PUO' DIVENTARE ETERO??..e mi è spuntato questo blog. Beh..ho letto varie storie...vari post di libri...è tutto vero! le sofferenze...i complessi di inferiorità....il fatto di volersi sentire superiori ma di ricadere nel baratro....io sono cresciuto in una famiglia MATRIARCALE...mio padre non ha mai avuto alcuna influenza su di me...e mia mamma..nonna...hanno sempre regolato ogni aspetto della mia vita...tenendomi in una campana di vetro...e quindi ad esempio non ho mai giocato a pallone...non mi sono mai sporcato...non ho fatto tutte quelle esperienze che i ragazzi già da piccoli facevano...e così..in prima media....il dramma. Capisco...anche s enon voglio ammetterlo..di essere gay!...ora ho 18 anni...e devo dirvi che ero rassegnato..avevo capito che ERO NATO così...non potevo farci nulla....però io nella mia vita voglio avere dei figli! voglio fargli crescere sani e retti...voglio una moglie da potere amare! ogni volta prego Dio...chiedendogli perchè proprio a me tutto questo.....leggendo le vostre storie...mi sento di dover combattere...il fatto è che...da 5 anni..credo di amare un altro ragazzo...forse non è amore..forse ossessione...forse vedo in lui il maschio che credo non ci sia in me....io piango giorno e notte per questa situazione...non ce la faccio più...non vivo bene con me stesso...mi sento in colpa e DIVERSO....come posso fare??? Vi prego...aiutatemi.
marcoItaly ha detto...
Intanto benvenuti ai due papà!!! Per papà Fede hai fatto già moltissimo, secondo me, parlando con tuo figlio! Imponendoti e facendoti ascoltare! Quando le acque si saranno un attimo calmate potresti provare a parlargli nuovamente, facendo sentire la tua vicinanza. Per anonimo del 17 ottobre Ciao e benvenuto tra noi! Anche io ho scoperto il blog per caso scrivendo "uscire dall'omosessualità". La potenza di Google!! :) Anche io ho una storia simile alla tua, anche se la mia famiglia non è cosi spostata in senso matriarcale. Se vuoi raccontaci un pò di te stesso! E soprattutto, anche se non è certo facile, prova a calmarti e a guardare questo tuo presunto amore verso un altro ragazzo con più serenità, prova a capire che cosa di questo ragazzo ti attira. Una parte del corpo? Un suo atteggiamento? Non sei solo!
fr max ha detto...
Per papà fede: Cosa vi aspettate da noi genitori? Che bella questa domanda caro papà. Un interrogativo che mette in gioco tutti noi( PAdri biologici e nella fede) e non solo. Cosa aspettarsi da un genitore? Le aspettative son sempre un po' pericole perchè rischiano di condizionare qualunque risultato. Quello di GEnitore non è un mestiere ma una Vocazione (un chiamata) a cui si risponde nel tempo e con tanta disponibilità a lasciarsi mettere in gioco. E' un atto creativo. Ogni genitore e ogni famiglia hanno una propria storia e delle caratteristiche da considerare. Tuttavia alcuni parametri sono necessari a tutti: una presenza significativa ed equilibrata di entrambi che mostri i diversi volti dell'amore, quello paterno e materno. La consapevolezza di essere degli strumenti chiamati ad seminare un raccolto i cui frutti non possono essere trattenuti per se, ma offerti. La capacità di camminare insieme, mostrando bellezza e diversità di due mondi complementari e non di tue poli antitetici. Saper distinguere il ruolo di marito e della moglie (interno alla coppia) da quello di padre e madre. Saper offrire i propri limiti ma anche i propri doni come luce per il domani ai propri figli. Credo che oggi dai genitori bisognerebbe aspettarsi la TESTIMONIANZA DI ESSERE DEGLI STRUMENTI CHIAMATI A DARE LA VITA. Grazie papà fede. Se avessi bisogno di parlarmi in privato, scrivimi. Ti aspetto (byronmp@libero.it). Ti benedico. fr MAx Anonimo 17 ottobre. Ciao carissimo. BEn venuto. Pace a te. Il dolore e la fatica di oggi e il desiderio di camminare verso la libertà sono le condizioni di un buon cammino che ptrai fare se ti lascerai guidare e non camminerai da solo. Inizia a raccontarti, così da uscire dall'isolamento nel quale sei vissuto fin ora. Noi ci siamo. Io ci sono e prego per te già da ora. Se ti va scrivimi anche tu in privato e soprattutto non mollare. Un abbraccio fraterno. Fr MAx
mamma maria ha detto...
PER ANONIMO DEL 17 OTTOBRE Capisco la tua sofferenza, capisco che tua mamma e tua nonna ti abbiamo dato tanto affetto ma vedi chi non ha l'affetto si lamenta chi ha troppo affetto si lamenta insomma non si capisce più nulla di voi giovani io penso che i valori di una volta era diversi e si viveva meglio. Scusa tanto se te lo dico ma sai in questo blog si scrive per avere una risposta in merito ai propri problemi e ognuno di noi ha problemi diversi. Un'altra cosa che ho letto è il fatto che tu non abbia giocato a calcio e non ti sia sporcato come i tuoi amici, penso che anche questo non sia colpa della mamma e della nonna se volevi andare a calcio penso che tua mamma ti avvrebbe iscritto al corso. Vedi mio figlio anche lui non ha mai giocato a calcio, era sempre restio e ora capisco che si sentiva al di sotto dei suoi amici ma io vedi lo avevo portato a calcio solo che lui non voleva per niente andarci infatti ero all'oratorio e lui è andato via. Ho fatto di tutto per inserirlo ma vedi ha la testa dura come un sasso e spero che prima o poi questo sasso si sgretoli e capisca tutti gli errori che sta facendo. La vita non è quella che lui sta facendo ma ora è tutto bello, abiente nuovo dove tutti ti sono amici e ti fanno sentire sul pilastro ma tutti hanno lo stesso problema che ha lui. Bacioni carissimo... ma tu hai 18 anni??????
Anonimo ha detto...
Saluto tutti. Ho letto alcuni commenti, ma non ho trovato quello che cercavo. Non sono riuscito a sentire la sincerità di cui ho bisogno. Vi sarei davvero grato se qualcuno di voi potesse dirmi in piena sincerità che la grande pulsione sessuale che ha provato per persone del proprio sesso è stata trasformata e ora sente con la stessa o maggiore intensità attrazione per persone del sesso complementare. Vi ringrazio, andrea
mamma maria ha detto...
Carissimo Andrea i ragazzi del blog ti saranno sicuramente di aiuto loro possono aiutarti visto che ci sono passati e hai bisogno di parlare con ragazzi ma tu devi stare tranquillo si sente nel tuo scritto sei troppo agitato, è grande il percorso che deve fare un ragazzo che vuole diventare etero ma tu devi sapere se lo vuoi e quando vuoi una cosa la ottieni con tutte le tue forze e in questo caso facendoti aiutare da questi fantastici ragazzi e da fr Max Auguri
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Che bello leggere 2 papà... abbiamo espresso un desiderio e subito siamo stati accontentati! Credo che i figli dai genitori non si aspettino nulla, vogliono solo che siano loro stessi! Sta a noi capirli ed accettare pregi e difetti senza per questo essere come loro: è importantissimo capire che siamo frutto delle dinamiche della nostra famiglia, ma non ne siamo legati per sempre. Possiamo costruirci l'esistenza che vogliamo una volta che abbiamo compreso i rapporti primari! In questo periodo ho capito che per uscire dall'omosessualità ci vuole un livello di consapevolezza della vita che va oltre l'umana comprensione, ma può essere raggiunto dall'uomo. Ho capito come molti riescano ad uscirne grazie alla fede, proprio perchè fa crollare tutte le maschere, le protezioni e ridà autenticità, anche senza un percorso psicologico: è una purificazione totale, un ripartire nella comprensione. Per rispondere all'utente sopra: nell'eterosessualità l'uomo e la donna non provano la stessa attrazione che si prova nell'omosessualità. Ricordo che ero attratto da ogni uomo che vedevo, una pulsione continua dalla mattina alla sera: un'ossessione!!! Ora che ho 2 amici maschi capisco che nell'eterosessualità non c'è quella costante erotizzazione. La differenza sta nel fatto che le persone non sono continuamente alla ricerca di una parte di sè, ma si sentono complete anche senza il sesso. L'amore vero viene proprio quando si è già felici di sè: è un condividere, non un bisogno!
marcoItaly ha detto...
Per l'anonimo del 18 ottobre Sono d'accordo con l'anonimo 27 marzo. Per quanto mi riguarda, posso dirti che si può non provare questa costante erotizzazione e che io, per la prima volta, sento che mi sono realmente innamorato di una ragazza ma, come giustamente dice anonimo del 27 marzo, non è una ossessione costante. Per mamma Maria In riferimento al tuo penultimo post, devo darti una certs dose di ragione... anche i miei genitori mi spingevano, ad esempio a fare delle vacanze studio all'estero, io ho sempre rifiutato e soprattutto mia mamma mi spingeva, dato che vedeva che ero sempre solo, a cercare di fare nuove amicizie. Penso che il problema principale sia la bassa autostima che abbiamo di noi stessi e il senso di inferiorità.
fr max ha detto...
Per Andrea. Ciao carissimo, Pace a te. Mi spiace che non riesci a trovare quello che cerchi neppure in questo blog. Tuttavia non credo sia corretto da parte tua dubitare della sincerità delle persone che vi scrivono. Io al contrario credo che ciascuno in questo spazioin cerca di offrire il massimo della propria esperienza, oltre al desiderio di camminare verso una libertà e una pienezza. Inoltre Andrea, attento ai confronti: la pulsione eterossesuale è profondamente diversa da un attrazione verso il sesso complementare; i parallelismi non funzionano e non reggono. Ti consiglio fraternamente di aprirti un po' di più e dar fiducia a questo spazio....anche PARLANDOCI DI CHE TIPO DI SINCERITA' HAI BISOGNO!! Ci sono e ti abbraccio fraternamente. Fr MAx
mamma maria ha detto...
Ciao Marcoitaly come va ??? Sai anche io ho fatto lo stesso dei tuoi genitori io va bhe ero sola e spingevo mio figlio in tutto quello che serviva a lui per socializzare per confrontarsi ma non voleva mai fare nulla; ho fatto sacrifici enormi per lui ma il problema grosso e me ne rendo conto sempre più è il senso di inferiorità che lui ha nei confronti degli altri ragazzi della sua stessa età si vede e lo si nota perchè lui non sa fare un discorso; anche con mio marito non ha discorsi se non vestiti ma che vità è scusa non hai nulla dentro di te non sai di nulla e non potrai mai avere nulla o forse ora si perchè sei carne fresca ma tra qualche anno sarai solo solo e solo e non potrai mai capire cosa hai perso non amando una donna e di donne speciali ce ne sono
mamma 39 maggio ha detto...
Donandosi si riceve, dimenticando se stessi ci si ritrova. San Francesco d´Assisi
mammafrancy ha detto...
ciao leggendo i vostri commenti sono rimasta incuriosita di un commento postato da un certo Marco degli Stati Uniti, vorrei chiederti se puoi aiutarmi a trovare qualche aiuto nelle mia zona, io sono di Bari in Puglia. Aspetto che mi rispondi al più presto, ciao. Per tutti e sopratutto per i genitori,siamo uniti nella preghiera!
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo Capisco molto bene cosa intende Andrea perchè chi ha vissuto le pulsioni omosessuali sa che sono fortissime: non vedi più niente e sei attratto da quasi tutti gli uomini che ti passano accanto. Hai energia sessuale dalla mattina quando ti svegli fino alla sera e anche quando dormi: ci sono periodi in cui ci pensi 24 ore al giorno. So che ci vuole molto tempo prima di capire che questa non è vera sessualità, ma OSSESSIONE! E' bellissimo svegliarmi e avere altri pensieri che non siano sessuali, fare sogni svariati e senza il sesso come protagonista, parlare con ragazzi e non fantasticare su di loro, non masturbarsi (prima anche più volte al giorno)... Solo ora capisco che ero schiavo delle mie stesse pulsioni!
Anonimo ha detto...
mi urta un po' sentire scrivere dalle madri che hanno spinto i figli a fare nuove esperienze e che quindi sarebbe per colpa loro che non le hanno fatte. Ma se hanno un senso di inferiorità è proprio perchè sono le madri che non hanno offerto un adeguato rispecchiamento narcisistico nel figlio, un senso di sicurezza e fiducia nella loro identità! E' proprio perchè le madri con la loro POSSESSIONE (e non il troppo amore, perchè l'amore è un altra cosa, è un sentimento disinteressato) hanno imposto inconsciamente nella mente dei figli cosa fare e cosa non fare senza disporsi in modo empatico rispetto ad i loro desideri e loro ambizioni e lasciarli LIBERI nel SENTIRE ed esprimere le loro aspirazioni! Sono le madri che hanno proiettato i propri desideri nei figli, come se fossero una cosa sola con loro, ad aver originato il loro male!
Anonimo ha detto...
Anonimo 27 marzo All'ultimo anonimo. Mia mamma era proprio come la tua descrizione sommata ad un padre insesistente ed anaffettivo puoi immaginarti dov'era finita la mia vera identità! Però è importante non generalizzare perchè non esiste solo un tipo d'omosessualità: a volte c'entra solo il rapporto col padre, a volte solo quello col la madre, a volte tutti e 2, a volte con altre figure... In questi mesi ne ho lette di tutti i colori e non esiste una teoria riassuntiva: ognuno è un mondo a sè!
anonimo ha detto...
ANONIMO DEL 19 OTTOBRE Dovresti avere rispetto per chi ha amato il proprio figlio, io l'ho amato forse troppo ma chi non fa errori nella vita,,, forse tu non li hai mai fatti ma attento che la vita continua e magari ti trovi nella stessa situazione senza accorgertene. Mio figlio sa cosa ho fatto per lui e anche oggi me lo ha detto. Ciao carissimo prima di dire mi urta cerca di pensare, solitamente si pensa ma ripeto il tempo e le esperienze ti faranno dire MI URTA in altre occasioni tue personali. Forse tu non sai cosa significa amare un figlio o essere amati nostro figlio è stato libero di fare e lo si spengeva ad uscire in compagnia non era un cane da tenere in gabbia .... Riflettere prima di dire certe cose a persone che soffrono e hanno amato perchè ripeto Dio esiste e prima o poi arriva da tutti a far capire le cose quando sparano su problemi altrui
ANONIMO ha detto...
CARISSIMO ANONIMO PRIMA DI GIUDICARE UNA MADRE PENSA BENE E POI RICORDA CHE SI LA MAMMA CI HA DATO TANTO AMORE CHE FORSE CI HA SOFFOCATO MA L'AMORE DI MIA MADRE LO PORTO DENTRO CON ME SINO ALLA MORTE .... NON E' TUTTO COLPA DELLA MAMMA RICORDA MIA MAMMA MI HA AIUTATO TANTO PORTANDOMI IN OGNI PARTE MA MIO PADRE DOVE ERA????? SEMPRE ASSENTE PER ANNI E ANNI E IO NON HO AVUTO LA SUA FIGURA OGNI STORIA E' DIVERSA E MAI ESSERE COSI' DURI CON CHI CI HA DATO LA VITA QUESTO E' DIO CHE CE LO RICORDA NELLE PREGHIERE
carlo ha detto...
Che bravo Marcoitaly!!!! a quanto pare ti interessa una ragazza!!!!! Sfoggia il meglio di te!!!e presentati a costei per la bella persona che appari!!!! Mi fa piacere anche per te 27 Marzo!!!! vita nuova!!!!!! Io intanto ho fittato un monolocale a Napoli, sono sempre in giro per lavoro, ho qualche amicizia sana!!! e sono alla ricerca della principessa!!!! che spero arriverà, intanto mi apro a nuove ed interessanti amicizie femminili!!!! prima aprirmi in modo diverso con le donne era difficilissimo erano solo amichette!!!! La pulsione omosessuale comunque sono d accordo con 27 Marzo non si avvicina minimamente all incanto della bellezza femminile!!! Questa è una forma d arte è il romanticismo!!!! BACI a tutti e alle Mamme del blog
marcoItaly ha detto...
Per mamma Maria Ciao!! Insomma va abbastanza bene dai, è un periodo un pò caotico speriamo di passarlo presto! Per mammafrancy Non penso che MarcoUSA ti risponderà, è molto tempo che non scrive più nel forum. Se vuoi puoi mandare una mail al NARTH per sapere nomi di loro terapeuti in Italia narth.italia@gmail.com Per anonimo 19 ottobre Io invece penso sia comunque positivo il fatto che queste mamme siano tra noi, non vogliono ossessionarci, ma aiutarci e capire loro stesse i possibili errori commessi. Non penso che una madre possa odiare il figlio non facendolo crescere libero e seguendo le sue aspirazioni. Ogni madre e ogni padre vuole il meglio dai figli e, a volte, questo "meglio" è una aspirazione molto forte che può sconfinare, soprattutto se il figlio ha una personalità debole. Dalle tue parole mi sembra di sentire tanto dolore, perchè non provi ad aprirti un pochino con noi? Anche io all'inizio avevo dentro tanta rabbia, allora mi sono messo a guardare dentro di me, mi sono affidato a una persona che mi ha aiutato tantissimo (Fr MAX) e piano piano sto scoprendo sempre di più. Non è un percorso facile, ho avuto alti e bassi, ho avuto degli "stop", ma piano piano vado comunque avanti.
Mamma 30 maggio ha detto...
Cara mamma Francy, volevo solo dirti che se desideri scrivermi sono a tua disposizione in questo indirizzo mail: corri.lola@hotmail.com Saluti
MAMMA MARIA ha detto...
Ciao mamma Francy mi sa che tu sei gia' stata in questo blog visto che hai parlato di un certo Marco Usa... Ti lascio anche io il mio indirizzo mail poppina68@hotmail.com ciao
Mamma 30 maggio ha detto...
x Anonimo 19 ottobre Quando "spingi" i figli a fare nuove esperienze é per offrire loro la possibilitá di uscire dalla cerchia familiare, di socializzare con persone diverse, di aprirsi al mondo esterno. Tenerli in casa a rimbecillirsi tutto il giorno davanti alla televisione sarebbe certamente piú crudele, non credi? Spingerli a fare esperienze al di fuori dell´ambito famigliare significa presentarli al mondo, propio perché al mondo appartiene ogni individuo. "É questa possessione", mi chiedo? "Hanno imposto inconscentemente nella mente dei loro figli cosa fare e cosa non fare ecc." dici. Guardiamo allora la questione sotto un´altra angolatura e diciamo invece: "Hanno guidato i loro figli verso attivitá che li aiutavano a crescere e socializzare ,ad integrarsi con il mondo esterno alla famiglia" Come cambia la prospettiva, vero? Se avessi lasciato a mio figlio "la libertá di sentire" quand´era piccolo lo avrei spinto fra le braccia di mamma televisione e papá nintendo, perché era ció che piú desiderava fare : sarebbe stato piú comodo e piú facile anche per me te l´assicuro. Ti abbraccio
Mamma 30 maggio ha detto...
x Anonimo 19 ottobre Quando "spingi" i figli a fare nuove esperienze é per offrire loro la possibilitá di uscire dalla cerchia familiare, di socializzare con persone diverse, di aprirsi al mondo esterno. Tenerli in casa a rimbecillirsi tutto il giorno davanti alla televisione sarebbe certamente piú crudele, non credi? Spingerli a fare esperienze al di fuori dell´ambito famigliare significa presentarli al mondo, propio perché al mondo appartiene ogni individuo. "É questa possessione", mi chiedo? "Hanno imposto inconscentemente nella mente dei loro figli cosa fare e cosa non fare ecc." dici. Guardiamo allora la questione sotto un´altra angolatura e diciamo invece: "Hanno guidato i loro figli verso attivitá che li aiutavano a crescere e socializzare ,ad integrarsi con il mondo esterno alla famiglia" Come cambia la prospettiva, vero? Se avessi lasciato a mio figlio "la libertá di sentire" quand´era piccolo lo avrei spinto fra le braccia di mamma televisione e papá nintendo, perché era ció che piú desiderava fare : sarebbe stato piú comodo e piú facile anche per me te l´assicuro. Ti abbraccio
Anonimo ha detto...
sono anonimo del 19. io non ho detto che fanno male a scrivere qui le madri, o che non vogliono bene ai figli o che non valgono nulla... ci tengo semplicemente a criticare un comportamento le cue dinamiche so benissimo come si costruiscono, essendo io figlio ed avendole vissute nel rapporto con mia madre. Questo fatto è comunque indipendente dall'omosessualità, io grazie a Dio non ho questa tendenza, non ho erotizzato le carenza affettive che ho avuto, ma queste forti sofferenze le ho vissute, affrontate e capite... e non si possono superare se non si fanno i conti con la realtà, soprattutto con gli errori della propria madre. I giovani non matureranno mai se non la smetteranno di voler vedere nelle loro madri delle donne perfette ed impeccabili, devono riconoscere a loro stessi le colpe delle madri ed il male che loro hanno fatto e devono anche saperlo perdonare! E' doloroso ma è necessario farlo altrimenti non si diventerà mai UOMINI! E le madri negando a loro stesse ed ai figli i loro errori non fanno altro che ritardare questo processo di maturazione!! Non dico che debbano fare mea culpa davanti ai figli (ormai quel che è fatto e fatto), ma non negate a voi stesse ed agli altri i vostri errori giustificandovi, piuttosto l'impegno mettetelo nello sforzarvi di approcciare ai figli in modo diverso guardando al futuro e non al passato!.. ricordandosi che sono le madri il primo e più stretto modello genitoriale che i figli si trovano davanti e che sono sempre loro a mediare nel rapporto del figlio con il padre...io sono convinto che molte carenze affettive sentite rispetto al padre provengano in gran parte dal malsano modo che ha la madre di presentare la figura paterna al figlio!
Papá Pablo ha detto...
Poveri ragazzi moderni del NEW AGE, cosí lontani da Dio e cosí intappolati nella virtualitá dei media.
Amministratore ha detto...
Vi chiedo, per cortesia, di personalizzare i commenti con un nickname. Procedete nel modo seguente: Cliccate su "commenti" - si aprirà una schermata. Scrivete il vostro commento nel riquadro bianco dove c'é scritto "Lascia il tuo commento". Dopo aver scritto il commento mettete un segno di spunta su nome/URL (e non su anonimo): si apriranno due nuove caselle. A questo punto digitate nella casella contrassegnata da "Nome" il vostro nickname (ad esempio "Anonimo 27 marzo", "Andrea", ecc.), lasciando vuota quella contrassegnata da "URL". In questo modo il vostro messaggio inizierà ad esempio con la frase "Andrea ha detto..." (e non con "Anonimo ha detto...") e sarete immediatamente riconoscibili. Infine cliccate su "pubblica commento". Grazie a tutti per la partecipazione
fr max ha detto...
Ciao a tutti e Pace a voi. Mi pare di notare che la questione "mamme" ha sollevato un bel polverone. Ovviamente il tema della presenza materna nella vita di ogni persona gioca un ruolo primario, per cui tutte queste reazioni sono comprensibili. Al di la di tutto però credo che senza discutere sul valore primario della figura materna nella vita di ogni uomo, continuo a ribadire che IN QUESTO SPAZIO.....IL MASCHILE E' MOLTO, MOLTO, MOLTO IMPORTANTE!!! Sarò ripetitivo ma parlo per quanto riguarda le problematiche affettive che la maggior parte dei ragazzi che scrivono qui, si trovano a vivere. Dunque pur rispettando il ruolo e il contributo delle madri e del mondo femminile...continuo a ripetere che quello che aiuta un ragazzo che vive pulsioni omosessuali a camminare versò una piena libertà di sè HA COME CENTRO IL POTENZIAMENTO DI TUTTA L'AREA MASCHILE. Per questo vi invito a parlare tra voi, a condividere le vostre emozioni, a scoprirvi vicendevolmente; perchè solo così riuscirete pian piano a scoprire che il mondo maschile non è così misterioso, complicato, distante e assurdo quanto pensate. Oggi la figura del maschio è già di per se fortemente compromessa e inibita da una cultura femminista e relativista per cui a mio avviso spazi come questi possono essere davvero un occasione preziosa per confrontarsi, per raccontarsi, per guardarsi. Allora andiamo avanti forti e decisi verso la libertà piena. Vi abbraccio di cuore tutti. Ps= anch'io concordo con l'amministratore del blog. E' davvero faticoso seguire i post con un identità non chiara. Personalizzate i commnenti. Fr MAx
MAMMA MARIA ha detto...
Io ho dovuto crescere mio figlio da sola perchè il mio ex non c'era mai e quando c'era e gli dicevo di prendere il figlio lo portata via poco e lo riportava quindi dico che colpa ne ho io???? Io ho amato troppo mio figlio e questa potrebbe essere l'unica colpa che posso avere, gli ho data tanto ma l'ho sempre spinto verso il gruppo e facevo ogni cosa pur di portarlo nel gruppo. Però a volte mi chiedo una cosa: ma allora i ragazzi che sono cresciuti con la mamma perchè il papà è morto???? Non penso siano tutti così io ho cugini così eppure il problema non c'e' stato.... Secondo me è una serie di fattori che porta a questo e il carattere del figlio conta molto, il mio è sempre stato timido e introverso ho fatto di tutto ma comunque è un ragazzo testardo ma testardo tanto e prego ogni giorno che questo sassi si sgretoli e cominci a chiedere aiuto a Dio. Assurdo avere fatto tanto per il figlio e ora lo incontri con il padre e non ti guarda nemmeno; il mio cuore è a pezzi credetemi. Vi abbreccio tutti Ciao Fr Max e tu mamma 30 maggio dove sei finita ti ho scritto ma non capisco e sono un poco preoccupata ....
Paolo ha detto...
Ciao a tutti, sono un ragazzo di quasi 22 anni. E' un po' che leggo i contenuti del sito, che mi è sembrato subito interessante e serio. Sono rimasto colpito in particolare dalla descrizione della persona omosessuale, nella quale mi ritrovo parecchio. Anch'io infatti ho qualche problema di autostima (anche se a vedermi dall'esterno non si direbbe affatto) e soprattutto sono assolutamente incapace di instaurare un rapporto vero e sincero con le persone (i miei ultimi veri amici risalgono alle medie). In tantissime situazioni, non so com'è, mi parte in automatico una maschera che mi impedisce di esprimermi liberamente. Riuscite a spiegarmi da dove nasce questo modo di relazionarsi e soprattutto come è legato questo alle pulsioni omosessuali? Al momento comunque sono fortemente attratto dai ragazzi e vedo la via sessuale come la via più veloce e appagante per avere un rapporto profondo e bello con un ragazzo. Invece sono quasi disinteressato ad una relazione con una ragazza, che non ritengo possa darmi ciò di cui ho bisogno. Grazie e spero di potermi confrontare con voi su tanti argomenti.
marcoItaly ha detto...
Per Paolo Ciao e benvenuto tra noi!! Io ho 22 anni e alcune cose che dici si rispecchiano anche in me. Sono convinto che la bassa autostima giochi un ruolo importantissimo, insieme alla mancanza di vere amicizie maschili, nella genesi delle pulsioni omosessuali. Anche per quanto mi riguarda l'ultimo vero amico risale alle medie. E quando parlo con coetanei maschi mi sento quasi a disagio, come se dovessi sempre essere giudicato in qualsiasi momento. Le pulsioni omosessuali comunque sono quasi scomparse, dopo aver fatto (e sto continuando) un percorso che mi porta a capirne di più di me stesso, anche se, soprattutto nei periodi più stressanti, torno ancora a masturbarmi e a guardare video porno (anche se non mi attirano più come prima...) Se vuoi, raccontaci un pò di più di te!!
carlo ha detto...
Caro Marco ti masturberai sempre meno frequentemente, anche perchè le ragazze ti interesseranno sempre di più e se ti capiterà qualche pulsione omosessuale cerca di bloccarla e conta fino a 10 trattenendo il fiato!!!!!altrimenti è inutile basta con il ricadere in quello che non vogliamo assolutamente!!! è una cosa che non fa più parte di noi!!!! Fatti una corsa il contatto con il nostro corpo maschile è importante io lo sottovalutavo!!!! Dopo più di un anno di ricerca personale ho capito che : ogni nostro atto è una scelta, almeno che non si voglia credere di essere schiavi dei propri istinti, desideri e impulsi che detestiamo!!!! Caro fratellino sfoggia il meglio di te!!!!! Impariamo a fronteggiare gli stress con maturità senza ricadere in falsità!!!!