Post più popolari

venerdì 7 ottobre 2011

Uscire dall'omosessualità - Testimonianza di Alberto pubblicata nella sua pagina di Facebook



DUE ANNI!

Pubblicata da Alberto Gonzaga

il 20 settembre 2011

    


Vedi anche "TRE ANNI" -  
nuova testimonianza di Alberto dell'ottobre 2012



        
          Ciao, mi chiamo Alberto sono una PERSONA  con pulsioni omosessuali, da due anni ho intrapreso un percorso di ridefinizione della mia personalità, da allora non ho più rapporti sessuali con altri ragazzi e sono FELICE!

         
            "CAMBIARE le proprie abitudini non è facile. L'abitudine e la routine possiedono una propria forza d'inerzia, che ci spinge avanti nel continuare a fare ciò che stavamo già facendo. Il cambiamento richiede un lavoro di PREPARAZIONE. E' necessario rendersi conto di aver PERSO IL CONTROLLO, di esser diventati animali abitudinari e di essersi lasciati dominare da tali abitudini. Per cambiare dobbiamo accettare un AIUTO ESTERNO
Infine, per cambiare abitudini c'é bisogno di cambiamenti in ALTRI ASPETTI della propria personalità." (A. Twerski: Sveglia, Charlie Brown! p.65)

         
         Con questa nota voglio ricapitolare, innanzitutto per me stesso, questi ultimi due anni. Dopo un inizio brillante e pieno di speranze, alcuni elementi che ritenevo secondari, come la mia scarsa morigeratezza nella vita notturna, l'alcool che tornava prepotentemente ad assumere un posto troppo importante nella mia vita, una vita spirituale inconstante e l'immortificazione dei miei difetti di carattere (a cominciare da un radicato orgoglio) mi hanno lentamente riportato indietro fino a sfiorare la ricaduta, evitata solo grazie alla preghiera ed all'aiuto esterno.Quest'esperienza "drammatica" mi ha costretto a riconsiderare la strada percorsa fino a quel momento e gli errori evidentemente compiuti.

      
          Innanzitutto NESSUNO SI SALVA DA SOLO. Avevo ed ho bisogno di una comunità, di un gruppo di supporto: in Italia non esiste nulla di specifico come Courage International allora mi sono rivolto al CodA (un gruppo di autoaiuto per le dipendenze emotive basato sui 12 passi di Alcolisti Anonimi, presente nel nostro paese) e li ho trovato persone in cui potermi "specchiare", un gruppo di emotivamente pari. Un altro aspetto fondamentale è stato quello di raggiungere una "sobrietà" complessiva: ho smesso di bere e fumare, frequento regolarmente i sacramenti. Astenersi dal sesso con altri uomini non mi è bastato, le mie pulsioni sono solo un aspetto della mia personalità infantile e narcisista, è questa che deve cambiare radicalmente, stò provando a maturare, a crescere, a liberarmi dei tanti difetti del mio carattere.

        Un grazie particolare a tutti coloro ragazzi e ragazze, etero, omo, bisex, credenti e non che mi hanno dimostrato il loro affetto e mi hanno aiutato in questa fase così difficile della mia vita. Insieme possiamo farcela: CORAGGIO!