Post più popolari

sabato 15 ottobre 2011

Omosessualità: Sei gay allora devi accettarti e basta. IO NON CI STO PIU'!!!!!


Sei gay allora devi accettarti e basta.
IO NON CI STO PIU'!!!!!

Pubblicato su Facebook da


            
            
       .... "IO NON DISCRIMINO NESSUNO, MA OGNI PERSONA DEVE ESSERE LIBERA DI FARE LE SUE SCELTE, LIBERA DA OGNI CONDIZIONAMENTO SOCIALE E MORALE"...

      ..."Voglio sperimentare l'amore per una donna e un rapporto eterosessuale, avere una famiglia, provare la gioia di mettere al mondo una tua creatura. Insomma se c'è la possibilità, un barlume di speranza di avere tutto questo io farò di qualunque cosa e mi impegnerò al massimo"


          Ragazzi voglio aprire un discorso riguardo a una problematica sociale che negli ultimi tempi si sta facendo sempre più forte: l'OMOSESSUALITA'.

Ci sono pareri contrastanti, c'è chi dice che sia una disposizione naturale, chi invece che ci si diventa in seguito a un processo di apprendimento, o ad una serie di esperienze. Tutti però concordano su un fatto: se sei omosessuale devi accettarti per quello che sei, non puoi cambiare e non puoi fare niente per essere diverso.

Io stesso sto vivendo un periodo un pò strano in cui mi accorgo che sono abbastanza forti in me pensieri e pulsioni di tipo omosessuale che mi eccitano. Riconosco però che questa non è la vita che voglio, non fa per me!! 

E non lo dico solo perchè sono succube di una bigotta moralità sociale, o di una ipocrita dottrina religiosa. Io sono capace di pensare con la mia testa, e riconosco che voglio altro dalla vita. 


Voglio sperimentare l'amore per una donna e un rapporto eterosessuale, avere una famiglia, provare la gioia di mettere al mondo una tua creatura. Insomma se c'è la possibilità, un barlume di speranza di avere tutto questo io farò di qualunque cosa e mi impegnerò al massimo. 


Se parli di cambiamento però sei preso per omofobo, e ancora peggio se hai problemi personali di questo tipo e vuoi cambiare vieni considerato come un povero essere che fa pena perchè non vuole accettarsi e che inutilmente cerca di lottare senza motivo. Io mi sono stufato.

Con il problema della discriminazione (cosa che ripugno in ogni modo, lo metto ben in chiaro) si corre il rischio però di semplificare eccessivamente le cose: sei gay allora devi accettarti e basta.


Forse sarebbe scomodo sapere che probabilmente la sessualità non è solo espressione di un piacere o di un "gusto" naturale, ma un modo complesso in cui un individuo si rapporta con il mondo e con gli altri, il suo modo di interagire è dunque indissolubilmente legato alla sfera dell'io, ai retaggi dell'infanzia, alle problematiche interiori, ai disagi personali. 


Sarebbe facile dire che gay si nasce, in effetti in tal modo non si dovrebbe sprecare tempo per cercare per così dire una "cura".

E di conseguenza se non condividi il pensiero comune che dilaga ormai ovunque, se vuoi trovare un aiuto che possa permetterti di vivere appieno la vita come la vuoi tu, allora sei discriminato dalla società e dagli stessi omosessuali, in quanto rinneghi quella che viene considerata una disposizione naturale e stai dunque discriminando.
Io trovo questo profondamente ingiusto. 


IO NON DISCRIMINO NESSUNO, MA OGNI PERSONA DEVE ESSERE LIBERA DI FARE LE SUE SCELTE, LIBERA DA OGNI CONDIZIONAMENTO SOCIALE E MORALE, sia esso indottrinato da una moralità bigotta tesa a rinnegare un'aspetto sociale come l'omosessualità, sia esso invece propenso a giustificarlo al tal punto da diventare radicale come il primo, mirando a distruggere e tagliare le gambe a chi cerca di vedere l'omosessualità con un occhio diverso, magari come un problema di tipo interiore e solo secondariamente sessuale e dunque riparabile.

Io lo metto ben in chiaro, voglio provare a fare un tentativo, voglio vivere come dico io e cercare di riprendermi la mia vita, così come voglio che sia. 

Ci sono un sacco di ragazzi che come me vogliono provare a capire cosa spinge a certi atteggiamenti e pulsioni; capire per comprendere il significato e il motivo di tutto ciò ed eventualmente trovare il trampolino di lancio per cambiare, essere sicuri di sè, senza alcun disagio o vuoto interiore, trovare la forza di andare avanti, stare bene con la propria identità sessuale e condividere il proprio corpo con un'altro corpo che risulta essere così diverso dal proprio ma con cui può completarsi e dare la vita. 

IO CREDO IN QUESTO, E QUESTO E' IL MOTIVO PER CUI VOGLIO LOTTARE, SPERO CHE CON QUESTO POST POSSA DARE VOCE A TUTTI QUEI RAGAZZI CHE COME ME SI TROVANO A DOVER AFFRONTARE UNA REALTA' CHE DA UN LATO DISCRIMINA L'OMOSESSUALITA', DALL'ALTRO INVECE TI DICE E QUASI TI OBBLIGA A DOVER ACCETTARE QUESTE PULSIONI E A CONSIDERARLE COME TUE. IO NON CI STO PIU!!!!! 
VOGLIO ANDARE CONTROCORRENTE E DARE FIDUCIA A TUTTI COLORO CHE AGENDO NELLA SFERA DELL'IO, DELLA PERSONALITA' E DEI DISAGI INTERIORI CERCANO DI FARTI CONOSCERE SEMPLICEMENTE LA TUA IDENTITA', CHI SEI VERAMENTE...... GRAZIE DELL'ATTENZIONE.