Post più popolari

domenica 4 dicembre 2011

Uscire dall'omosessualità - Prima Fase della Terapia con Donne SSA - di Janelle Hallman


Janelle Hallman - Psicoterapeuta

La Prima Fase  della Terapia
con Donne SSA*

 Costruire Fondamenta Sicure

Parte 2

di Janelle M. Hallman


Nella prima parte di questa serie ho esposto il processo di accettazione e in che modo un ambiente terapeutico accogliente può accrescere il senso di sicurezza di una donna. Di seguito descriverò brevemente il processo di "sintonizzazione" e la sua importanza nella creazione di un ambiente sicuro.

Sentirsi al sicuro grazie alla Sintonia

Una cliente una volta mi ha detto:

Sei rimasta a lungo in silenzio. Sapevo che stavi ascoltando.
Il tuo silenzio mi diceva: "Continua a parlare, io sono impegnata con te.
"Tu mi guardavi sempre, anche quando dovevo dire cose disgustose e vergognose.
Ti sei addirittura sporta in avanti. Questo genere di cose mi hanno confortata.
Sapevo che eri con me, mi ascoltavi e non eri disgustata.    – Ellen


La Sintonia è la comunicazione non verbale, come il contatto visivo, la mimica, la modulazione della voce, i gesti, il momento giusto e il tocco, propria del rapporto tra un/a bambino/a e la propria madre , “in cui entrambi condividono affetto e focalizzano la propria attenzione l’uno sull’altro in modo che le esperienze piacevoli del/la bambina/o siano amplificate e le sue esperienze stressanti siano ridotte e contenute” [2]

Recentemente ho visto un video che illustrava la potenza della sintonizzazione con i genitori. A una mamma di una bambina di sei mesi fu chiesto di rimanere sintonizzata e impegnata con la sua bambina entrando negli stati emotivi della bambina. Quando la bambina rideva, rideva anche mamma, affermando la gioia e il piacere della bambina. Se la bambina si agitava, la mamma le mostrava la sua attenzione attraverso la sua espressione facciale e il suo tocco rassicurante. Quando la bambina emetteva suoni e gorgoglii, la mamma la incoraggiava con lo sguardo e imitando i gorgoglii della bambina. La bambina era interessata ed eccitata.

Ma poi la madre è stata incaricata di interrompere sintonia mantenendo un’espressione vuota o girando la faccia dall'altra parte. La bambina inizialmente continuava a giocare gioiosamente. Ma quando la mamma le offriva soltanto una risposta impassibile, la bambina diventava vistosamente agitata. Ma la mamma non era lì a rassicurarla. La madre distoglieva lo sguardo. La bambina diventava sempre più sopraffatta dall’angoscia e da un’insicurezza crescente.

Egli provava e riprovava ad attirare l’attenzione della mamma agitando le membra ed emettendo percettibili vagiti, ma senza alcun risultato. La bambina alla fine si accasciò sul suo seggiolone, abbassò gli occhi e cercò di trovare conforto succhiandosi una manina. Il suo io interiore si era letteralmente spento.


La sintonia con i genitori è considerata dagli specialisti dell’attaccamento uno dei processi più influenti nello sviluppo di un nucleo autonomo all'interno di un bambino e nel mantenimento un attaccamento sicuro con il bambino anche in età adulta.
Senza di esso, il bambino vive un isolamento relazionale. La formazione del loro fondamentale senso di sé sarà seriamente alterato, se non del tutto arrestato.

Purtroppo, molte donne, quando erano piccole come questa bambina, non hanno vissuto momenti di sintonia con una certa costanza o regolarità.
E’ mancata loro l'esperienza significativa di essere oggetto della completa, impegnata ed equilibrante  attenzione di un’altra persona.
Erano, quindi, state deprivate dell’ambiente in cui crescere e sviluppare i propri stati d'animo e il proprio nucleo fondante. Anche ora, possono essere facilmente inondate dal vuoto della vergogna e della paura dell'abbandono, quando percepiscono di non essere comprese o amate. La sintonia terapeutica è una potente tecnica curativa per queste donne. Può essere letteralmente ristabilito l'ambiente in cui una donna può continuare la sua formazione interiore. Una donna descrive questa esperienza:


Sono rimasta scioccata la prima volta che sono andata da Beverly, la mia nuova psicologa.
Era così attenta e compassionevole.
Mentre mi ascoltava, le uscirono delle lacrime dagli occhi.
Sapevo che era lì con me. Sapevo che qualcuno si interessava a me.
Questo è stato importantissimo per me!
Non ci sono parole per esprimere il senso di benessere che ho vissuto.
Avevo così bisogno di qualcuno che semplicemente mi ascoltasse e si prendesse cura di me.
Era un rifugio sicuro. - Joyce

Per offrire ai miei clienti sintonia totale o comunicazione emotiva, devo aprirmi e permettere al mio "stato d'animo" di essere influenzato da loro. Il mio obiettivo è di allineare  il più possibile allineare il mio stato interiore con il loro così posso sperimentare ciò che il mio cliente sta vivendo all'interno del suo mondo soggettivo interno in un dato momento. [6] Per poi comunicare la mia sintonia attraverso il contatto con gli occhi o i gesti.


Quando lei si rivolge a me con forza e rabbia, punto i miei piedi sul pavimento e, restando seduta con la schiena eretta, mi chino in avanti con forza e determinazione - e un leggero
sorriso. Io sono con lei e la posso gestire.
Questa sintonizzazione le invia il messaggio non verbale chela comprendo nel senso più profondo e che quindi non è da sola. Io e lei siamo in armonia, sperimentando
qualcosa insieme. E dal momento che io sono "con lei", lei si
sente al sicuro.

Mi ricordo che mi guardavi dopo che mi ero aperta con te.
Mi abbracciavi con gli occhi. Avevo la pelle d’oca.
L’abbraccio era autentico. La luce e il calore che
Provenivano dai tuoi occhi mi hanno avvolta.
E’ stato davvero incredibile. Ho sentito qualcosa toccarmi
fino al fondo della mia anima. - Wendy


L'esperienza della sintonia fornisce a una donna la struttura e il supporto di cui ha bisogno per cominciare a collegarsi, a regolare e a comprendere le proprie emozioni, reazioni e comportamenti. Mentre riflette su queste esperienze dentro di sé, può essere in grado di riconoscere e quindi integrare aspetti di se stessa in precedenza ignorati, negati o trascurati.
Il lavoro della psicoterapia quindi non è quello di de-enfatizzare o disinnescare tali momenti di sintonia ma è quello invece di incoraggiare e abbracciare tali momenti. Solo così saremo potremo aiutare i pazienti nel recupero del loro nucleo, del loro sè distaccato, alienato. Come un altro scrittore spiega:

L'esperienza affettiva di innescare una connessione  empatica
tra due esseri separati è la magia d'amore,
la santità della spiritualità, e il miracolo dell’umanità.
Che due esseri, separati da una vita di esperienze uniche,
possano "sentire se stessi dentro l'altro "
è veramente straordinario.



Contenere e regolare
La Sintonia è particolarmente importante per aiutare una donna a regolare e gestire la sua ansia. Quasi
ogni donna con cui ho lavorato, lotta con una qualche forma di ansia. Può esserle familiare, qualcosa con cui ha convissuto per anni, oppure può essere circostanziale, derivante dalla novità o dalla natura del
lavoro terapeutico. L’ansia p servire come "coperta" emotiva utilizzata per coprire altre forti emozioni che non si è mai sentita abbastanza sicura o abbastanza forte da affrontare. indipendentemente dalla sua fonte, ho imparato che è estremamente importante che io gestisca la sua ansia con attenzione e rispetto. Mentre l’affronto in questo modo, lei impara attraverso l'esempio come accogliere, regolare, e processare non solo la sua ansia ma anche tutti i suoi sentimenti.

Riassumendo, la prima fase della terapia con donne attratte da persone dello stesso sesso può essere suddivisa in tre distinti compiti terapeutici:

1. Creare sicurezza - Accogliere
Processi terapeutici fondamentali: Accettazione e Sintonia
Compito del cliente: Rilassarsi

2. Creare  fiducia - Aiutare
Processi terapeutici fondamentali: Cura e Impegno
Compito del cliente: Ricevere

3. Stabilire e mantenere un sicuro attaccamento: Rapporto
Processi terapeutici fondamentali: Empatia e il qui-e-Adesso
Compito del cliente: "Divenire"

*SSA= Same Sex Attraction (attrazione per lo stesso sesso)
Traduzione di Patrizia B.