Post più popolari

giovedì 3 novembre 2011

Testimonianze tratte dal FORUM SI PUO' CAMBIARE: "Ero fortemente dipendente da pornografia e masturbazione




 Testimonianza di HUMAN

Postata nel Forum di
Si Può Cambiare il 3 novembre 2011







Human ha detto...

Per Filippo

Benvenuto tra noi, Filippo!
Come te anch'io provo il disagio profondo della sofferenza dell'attrazione dello stesso sesso.
Come dice giustamente Fra Max (grazie di cuore!) mi sento in cammino anch' io. E sento di esserlo per tutta la vita. E' da maggio scorso che ho preso conferma decisione il mio cammino di conversione per una pienezza di umanità che l'omosessualità degradava. 
Pur avendo avuto rarissimamente rapporti con qualcuno, ero fortemente dipendente dalla pornografia e masturbazione. Notti intere passate davanti ad un pc, come un vero e proprio imbecille, lasciandomi frustrare, fino a quando ho capito che più andavo avanti, più morivo dentro di me.

Stavo male, malissimo, svegliandomi di colpo la notte, con una paura immensa e forti sensi di colpa.
O si cambia o mi perdo per sempre. Sentivo che il Buon Dio mi aveva creato non per una sessualità bestiale, ma per un progetto da realizzare.

Da poche settimane ho ripristinato internet nella mia camera, dopo che ne avevo reciso il cavo. Era l'unico modo iniziale per uscirene fuori. Mi dava sicurezza interiore. Ora mi sento molto più libero e dico di no alla pornografia. Dormo molto meglio la notte, anche se le mie paure affiorano. Ma le so affrontare meglio, con più capacità critica, più coraggio, dando loro un senso.
Anche le mie pulsioni riaffiorano, e le so governare.

Caro Filippo, non esiste la bacchetta magica che di colpo cancella quello che per anni abbiamo provato. Ma educando le nostre pulsioni, queste a poco a poco perdono la loro forza emotiva. Io le sento più controllabili, meno invadenti. Spero che tu capisca quello che voglio dire.

Sì, è vero, ci sono momenti in cui queste pulsioni si fanno forti. Però penso che se le dovessi assecondare, dopo ci starei male e butterei  all'aria tutto il cammino percorso finora. In più mi chiedo che cosa voglio veramente quando provo queste attrazioni, che cosa ho vissuto prima del loro sorgere, quali le situazioni che creano il clima favorevole al loro affiorare? Forse ho vissuto un momento di bassa autostima? Senso d'inferiorità? Se fosse così allora mi dico che non è la masturbazione o pornografia a risolvere il problema.

Caro Filippo, credo sia fondamentalissima la preghiera, ma non solo. Per me è valida anche una forte motivazione, l'amore alla mia vita, unica e irripetibile, il fatto che tutto abbia un senso sotto la Croce del Cristo e che è bello vivere alla luce di quei valori che solo Gesù Cristo ci ha rivelato.

HAi ragione, Filippo, quando dici "di questo ci sto soffrendo molto". E come ti capisco! E' in fondo il prezzo da pagare perchè la tua vita abbia senso; perchè la tua vita non sia inutile; perchè tu possa gustare il sapore della bellezza della tua esistenza; perchè tu possa crescere. Personalmente ti garantisco che è una sofferenza che da pace, da coraggio, ci purifica, ci eleva alla dignità di uomini, ci ripaga grandemente, ti mette le ali, ti fa toccare l'Infinito di Dio. Solo attraverso di essa possiamo scoprire che il nostro essere è a immagine del Dio Creatore. E che non possiamo permetterci di sciupare e rovinare quel capolavoro che siamo: uomini, a somiglianza di colui che ci ha voluti per sè.

Se questa è la meta della tua esistenza, allora caro Filippo NE VALE LA PENA SOFFRIRE; vale la pena dire di no all'omosessualità, e ai suoi connessi. Altro che vita gay; altro che piacere sessuale gay che prima ti accarezza e poi ti uccide.

Grazie Filippo, della tua preghiera. Ti sono vicino anch'io e pregherò anche per te.
Tu non sai quanto coraggio mi dai, insieme a tutti gli amici del forum con le testimonianze. Mi fanno stare bene, mi danno forza per amarmi di più. Per combattere di più. Non mi fanno sentire solo.
Grazie a te e a tutti voi. Vi affido al Signore della vita e della resurrezione.
Human
03 novembre, 2011