Post più popolari

martedì 2 luglio 2013

Si può cambiare: La SCIENZA spiega come avviene il CAMBIAMENTO a livello MOLECOLARE e NEURONICO


In questo VIDEO la SCIENZA spiega come avviene il CAMBIAMENTO a livello molecolare e neuronico

VIDEO - IPOTALAMO e RETE NEURALE
I nostri pensieri possono modificare 
le nostre risposte emotive
 e il nucleo stesso delle nostre cellule

Clicca quì per guardare il VIDEO



Vi siete mai visti attraverso gli occhi della persona che potreste essere?
       
       
       
Il cervello è composto da piccole cellule nervose: i NEURONI

I neuroni sono collegati ad altri neuroni per formare una rete neurale. Ogni punto di collegamento si sviluppa in un pensiero o un ricordo. Il cervello costruisce concetti seguendo le leggi della memoria associativa. 

Le idee, i pensieri e i sentimenti sono tutti ideati e connessi nella rete neurale del cervello e tutti hanno un possibile collegamento tra loro. 


Il concetto e il sentimento di amore, per esempio, è conservato in questa rete neurale, ma noi costruiamo questo concetto a partire da molte idee diverse.  
Alcuni collegano l'amore alla delusione. Quando pensano all'amore sperimentano ricordi di sofferenza, dispiacere o persino rabbia. La rabbia viene legata a una ferita, magari provocata da una persona, che quindi è collegata all'amore. 

Qualsiasi informazione elaboriamo, qualsiasi informazione prendiamo dall'ambiente circostante, è sempre influenzata dalle nostre esperienze

    Se ti eserciti molto in qualcosa quelle cellule nervose stabiliscono una relazione a lungo termine. Se ti arrabbi ogni giorno, se soffri, se assumi un atteggiamento vittimista ogni giorno, ricolleghi e rinforzi quella rete neurale ogni giorno, e quella rete neurale avrà una relazione a lungo termine con tutte le cellule nervose chiamate "l'IDENTITA'". 


I collegamenti neurali possono essere interrotti
       Ogni volta che interrompiamo un pensiero (che produce una risposta chimica nel corpo) le cellule nervose che sono collegate tra di loro, cominciano a rompere la relazione a lungo termine. 


      Quando iniziamo a smettere di rispondere con una reazione automatica di stimolo-risposta si modificherà la rete neurale e di conseguenza le risposte del nostro corpo a determinati stimoli.

      La parte del cervello che si chiama ipotalamo è come una piccola fabbrica. Qui vengono assemblate le sostanze chimiche corrispondenti alle emozioni che proviamo. Queste sostanze chimiche si chiamano PEPDITI e sono piccole catene di aminoacidi. Perciò ci sono sostanze chimiche per la rabbia e per la tristezza, per la vittimizzazione e per la lussuria. C'è una sostanza chimica per ogni stato emotivo. 

      Quando proviamo un'emozione, nel nostro cervello l'ipotalamo assembla subito il pepdite e lo libera tramite l'ipofisi nel flusso sanguigno. 

Quando viene liberato nel flusso sanguigno, si dirige verso diverse parti del corpo dove si aggancia ai RECETTORI siti nelle cellule, inviando il segnale, l'informazione alla cellula. Un pepdite in un recettore cambia la cellula in molti modi. Mette in moto una serie di eventi biochimici alcuni dei quali portano dei cambiamenti nel nucleo stesso della cellula. 

      Il corpo in sostanza è un'unità di carbonio che produce venti diversi aminoacidi (pepditi) per formulare la sua struttura fisica.